Ron Jeremy, il pornodivo nei guai

| Basso, grasso e peloso per sua stessa ammissione, ma proprio per questo famosissimo, uno dei re dell’hard è stato denunciato per violenza da una fan che voleva farsi autografare il seno

+ Miei preferiti
Nel mondo dell’hard, Ron Jeremy è conosciuto con due soprannomi: “The Hedgehog” e “Baobab man”, il primo significa porcospino, il secondo non ha bisogno di molte spiegazioni, se non di misure: 25 centimetri, ampiamente certificati.

The Hedgehog è un’eccezione: nell’industria del sesso, dove il fisico da macho è il minimo sindacale dei pornodivi, la sua cifra è mantenersi da sempre così come mamma l’ha fatto: “basso, grasso e peloso”. Considerando le 52 pellicole interpretate dal 1980 a oggi, probabilmente ha ragione lui: identificarsi con qualcuno fisicamente più simile al maschio medio, tutto pancia e niente bellezza, è più semplice.

A 63 anni suonati, Roy è ancora un impenitente ragazzone dai modi sbrigativi che nel tempo si è cacciato in qualche pasticcio. Tre sue colleghe, ad esempio, Danica Dane, Jennifer Steel e Jay Taylor, qualche tempo fa avevano svelato qualche abitudine un po’ sopra le righe di Ron: semplici segnalazioni, senza nessuna denuncia. Ma adesso, ha svelato “PasgeSix” in queste ore, la situazione per il porcospino si fa più complicata: a inguaiarlo ci sarebbe una denuncia di violenza sessuale e molestie presentata da una donna di cui sono state diffuse soltanto le iniziali, K.B.

Per di più accuse che non risalirebbero al giurassico, com’è diventata usanza nei meandri del caso Weinstein, ma recenti, addirittura avvenute lo scorso anno. K.B. avrebbe avvicinato l’attore per farsi autografare il seno - nulla di vietato, ma certo ben diverso dal chiedere una stretta di mano - e Roy, dopo averla accontentata, ha preferito verificarne di persona la consistenza, ripetendo poi l’operazione sulle natiche per finire l’analisi alle parti intime, dove giocherellando con un dito le avrebbe sussurrato languidamente: “Ti ho fatto venire la pelle d’oca?”.

Qualche mese di pensieri, poi K.B. avrebbe deciso di sporgere denuncia. Ron il porcospino si difende: “Non ho mai violentato nessuno, questo è quello che faccio per vivere. Ma se qualcuno si è sentito a disagio mi dispiace profondamente”.

All’anagrafe Ronald Jeremy Hyatt, newyorkese del Queens, classe 1953, è figlio di un fisico e di una curatrice di progetti editoriali: la pecora nera della famiglia era lo zio, malavitoso ben conosciuto dalla polizia e membro di una banda che aveva avuto rapporti d’affari con il gangster Bugsy Siegel.

Terminati gli studi, Roy trova lavoro come insegnante supplente, fino all’esordio nel mondo del porno, nel 1979, dove si fa conoscere per la curiosa tecnica dell’autofellatio. È l’inizio di una carriera lunghissima che lo porterà a girare film in tutto il mondo, Italia compresa (uno per tutti “Cicciolina e Moana Mondiali”, 1990). Consulente tecnico di pellicole come “9 settimane e mezzo” e “Boogie Nights”, scopritore di talenti, nel 2003 è stato votato come miglior attore porno di tutti i tempi.

Sex scandals
Marylin Manson, stupro mai avvenuto
Marylin Manson, stupro mai avvenuto
Il cantante era stato accusato da una donna di averla sequestrata per due giorni nel 2011. La procura ha accertato che era solo una manovra pubblicitaria, lei infatti ha un negozio dedicato proprio a Manson
Gli assi nella manica di Weinstein
Gli assi nella manica di Weinstein
Gli avvocati dell’ex produttore hanno prodotto alcuni messaggi delle presunte vittime di violenze, in cui appare chiaro che fossero loro stesse a stuzzicarlo. Anche #MeToo è a rischio
Avvocati a luce rossa, il video va in rete
Avvocati a luce rossa, il video va in rete
A Rende (Cosenza) coppia di professionisti sorpresa da una pattuglia del 112 in un parco in preda a una rovente passione. Un militare gira un video per documentare il reato poi finito subito on line. La denuncia dei due legali
"Caro Fausto, appena posso ti richiamo"
"Caro Fausto, appena posso ti richiamo"
Si smontano le accuse contro il regista Fausto Brizzi, messo in croce dalle Iene e da 10 presunte molestate. La procura chiede l'archiviazione, lui è pronto a una raffica di cause civili per i risarcimenti
#MeToo DIVORA #MeToo
cade il boss Cbs accusato da 6 donne
#MeToo DIVORA #MeToo<br>cade il boss Cbs accusato da 6 donne
Leslie Moonves, uno dei manager più potenti degli Usa, trascinato nel fango dal New Yorker. Un lungo servizio lo accusa di "ripetute violenze sessuali". Moonves era uno dei paladini di #MeToo. Sconcerto e riflessioni
I vizi sessuali delle star di Hollywood
I vizi sessuali delle star di Hollywood
Il docu-film del regista Matt Tyrnauer ispirato dalla biografia di Scotty Bowers, il fascinoso marine che si accompagnò ad attori e attrici per decenni, ma rivela i segreti e le manie di "persone scomparse che non possono difendersi"
di TRUMP'>Stormy e Karen, l'incubo infinito
di TRUMP
Stormy e Karen, ldi TRUMP' class='article_img2'>
L'Fbi ha in mano una registrazione di due minuti fatta dal suo ex avvocato in cui affrontano il tema di come pagare l'ex modella di Playboy in cambio del suo silenzio. Cohen pronto a collaborare con le procure
"Weinstein morirà cadendo nella vasca da bagno"
"Weinstein morirà cadendo nella vasca da bagno"
La singolare profezia di Anthony Bourdain poco prima di suicidarsi. Il compagno odi Asia Argento auspicava che morisse in cella picchiato a morte ma anche colto da un malore in bagno, solo e con un inutile telefono in mano
"Mai detto alle attrici sesso in cambio di parti"
"Mai detto alle attrici sesso in cambio di parti"
Weinstein fa marcia indietro e il giornalista dello Spectator si scusa: "Forse ho capito male le sue parole". Rischio di una nuova pioggia di querele
Hollywood con Asia: "Sei una sopravvissuta"
Hollywood con Asia: "Sei una sopravvissuta"
Le attrici di #MeToo difendono Asia Argento attaccata sui social dagli haters che ha causano di essere responsabile del suicidio del compagno. Lettera aperta sul Los Angeles Times