Time’s Up: il tempo di subire è finito

| Si sono presentate con una lettera aperta sulle pagine di due quotidiani: sono più di 300 donne di spettacolo e cultura, unite dalla certezza che sia necessario fare tutto il possibile, perché un Weinstein basta e avanza

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Non c’è momento migliore di questo, per cambiare le regole. Ne sono più che convinte 330 donne di Hollywood che mentre il calendario lasciava il 2017 per aprirsi al 2018, hanno scelto di svelare il loro progetto. Si chiama “Time’s Up”, letteralmente: non c’è più tempo. Un’idea, manco a dirlo, che nasce dall’enorme paiolo in cui è finito quasi per intero il dorato mondo del cinema, seguito da quello della politica e del giornalismo di mezzo mondo: universi paralleli in cui l’unica regola era quella del più forte e del più potente che tutto poteva. Cittadini al di sopra di ogni sospetto e spesso così celebri da non poter pensare neanche di scalfirli.

“Time’s Up” si è presentato il 1 gennaio, poche ore fa, sulle pagine del “New York Times” e de “La Opiniòn”, il più seguito quotidiano in lingua spagnola, con una lettera che suona come una sorta di chiamata alle armi: il tempo del silenzio, dell’attesa, della tolleranza verso gli abusi, della discriminazione e delle molestie è finito. Dev’esserlo per sempre, o tutto questo polverone non avrà avuto alcun senso.

L’iniziativa, a cui hanno aderito attrici, produttrici, giornaliste, avvocatesche e scrittrici, ha in programma lo studio di nuove regole che eliminino per sempre altri possibili Weinstein futuri e azioni di pressione verso tutte quelle aziende che tollerino gli abusi, aprendo anche un fondo per il sostegno legale a donne e uomini, perché no, molestati sul luogo di lavoro che però non possono difendersi. Per loro, la garanzia che in caso di denuncia non ci saranno ripercussioni personali e lavorative.

Fra le prime ad aderire alcuni dei nomi più celebri di Hollywood: Cate Blanchett, Emma Stone, Jennifer Lawrence, Eva Longoria, Meryl Streep, Ashley Judd, Julianne Moore, Natalie Portman, Reese Witherspoon e Amber Tamblyn, a cui aggiungere la sceneggiatrice Gloria Steinem, la presidente della “Universal Pictures” Donna Langley e Tina Tchen, ex capo dello staff di Michele Obama. Ma soprattutto, è bastato suonare la carica per raccogliere 15 milioni di dollari e partire all’attacco.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Nuova accusa di stupro per Weinstein
Nuova accusa di stupro per Weinstein
La Corte Suprema di Los Angeles al lavoro per la nuova denuncia presentata dall’attrice Paz de la Huerta, dopo che la polizia di New York era pronta ad archiviare il caso
"Rain man è un predatore sessuale"
"Rain man è un predatore sessuale"
Altre quattro donne accusano Dustin Hoffman di aggressioni sessuali. La scrittrice Cori Thomas rivela di essere stata abusata quando aveva 16 anni nel 1980. "E' stato orribile, era molto violento, ha rovinato tante persone"
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Un calcolo messo insieme facilmente dall’avvocato che difende i diritti di una class-action contro le violenze dell’ex re mida di Hollywood. Sotto accusa anche il fratello Bob, che sapeva da lungo tempo
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Jane Doe costretta del 2002 a "toccare" il produttore che voleva lanciarla nel mondo del cinema. Prima la festa, poi un invito a casa. La modella da allora vittima di depressione per gli abusi subiti. Lui: "tutto falso"
Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali
Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali
I dipendenti delle sedi di tutto il mondo in strada contro ricatti e abusi sessuali. Il Ceo Pichar dà ragione a loro: "Bene la protesta, da noi ora tolleranza zero". Ma gli stipendi al femminile sono più bassi
Nel sex scandal arriva anche Google
Nel sex scandal arriva anche Google
Il colosso informatico californiano al centro di un’inchiesta del New York Times. Sotto accusa il padre del sistema Android, protetto per diverso tempo dai vertici aziendali e liquidato con una somma record
Sir Philip Green è il Weinstein britannico
Sir Philip Green è il Weinstein britannico
Nonostante l'ingiunzione del silenzio imposta da un Tribunale, un ex ministro Labour ha rivelato il nome del noto manager in Parlamento. Scoppia così il #MeToo inglese. Già 5 le denunce di dipendenti molestate. Lui nega
Lo scandalo sessuale
che non può essere rivelato
Lo scandalo sessuale<br>che non può essere rivelato
Ne ha parlato il quotidiano inglese The Telegraph, accusando i giudici di aver imbavagliato la stampa. L’uomo d’affari al centro di un’inchiesta avrebbe comprato il silenzio e delle sue vittime abusando dei contratti di non divulgazione
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Lucia Evans, ex attrice, era stata fra le protagoniste dei racconti del “New Yorker”: secondo la polizia si è trattato di rapporti consensuali