Time’s Up: il tempo di subire è finito

| Si sono presentate con una lettera aperta sulle pagine di due quotidiani: sono più di 300 donne di spettacolo e cultura, unite dalla certezza che sia necessario fare tutto il possibile, perché un Weinstein basta e avanza

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Non c’è momento migliore di questo, per cambiare le regole. Ne sono più che convinte 330 donne di Hollywood che mentre il calendario lasciava il 2017 per aprirsi al 2018, hanno scelto di svelare il loro progetto. Si chiama “Time’s Up”, letteralmente: non c’è più tempo. Un’idea, manco a dirlo, che nasce dall’enorme paiolo in cui è finito quasi per intero il dorato mondo del cinema, seguito da quello della politica e del giornalismo di mezzo mondo: universi paralleli in cui l’unica regola era quella del più forte e del più potente che tutto poteva. Cittadini al di sopra di ogni sospetto e spesso così celebri da non poter pensare neanche di scalfirli.

“Time’s Up” si è presentato il 1 gennaio, poche ore fa, sulle pagine del “New York Times” e de “La Opiniòn”, il più seguito quotidiano in lingua spagnola, con una lettera che suona come una sorta di chiamata alle armi: il tempo del silenzio, dell’attesa, della tolleranza verso gli abusi, della discriminazione e delle molestie è finito. Dev’esserlo per sempre, o tutto questo polverone non avrà avuto alcun senso.

L’iniziativa, a cui hanno aderito attrici, produttrici, giornaliste, avvocatesche e scrittrici, ha in programma lo studio di nuove regole che eliminino per sempre altri possibili Weinstein futuri e azioni di pressione verso tutte quelle aziende che tollerino gli abusi, aprendo anche un fondo per il sostegno legale a donne e uomini, perché no, molestati sul luogo di lavoro che però non possono difendersi. Per loro, la garanzia che in caso di denuncia non ci saranno ripercussioni personali e lavorative.

Fra le prime ad aderire alcuni dei nomi più celebri di Hollywood: Cate Blanchett, Emma Stone, Jennifer Lawrence, Eva Longoria, Meryl Streep, Ashley Judd, Julianne Moore, Natalie Portman, Reese Witherspoon e Amber Tamblyn, a cui aggiungere la sceneggiatrice Gloria Steinem, la presidente della “Universal Pictures” Donna Langley e Tina Tchen, ex capo dello staff di Michele Obama. Ma soprattutto, è bastato suonare la carica per raccogliere 15 milioni di dollari e partire all’attacco.

Sex scandals
L'ex "America's Dad" attende la sentenza
L
Attesa la sentenza per l'attore Bill Cosby accusato di violenza sessuale con l'uso di droghe ai danni di una collega. Rischia da 5 a 10 anni di carcere. L'accusa: "Mai nessun rimorso, il suo posto è una cella"
Una terza donna accusa il giudice
Una terza donna accusa il giudice
L'avvocato di Stormy Daniels tutela una ex funzionaria che avrebbe subito un'aggressione sessuale di gruppo a Yale. C'erano Brett Kavanaugh e un uomo già individuato. Lui si difende: "Complotto Dem"
"Mi mostrò il pene e me lo fece toccare"
"Mi mostrò il pene e me lo fece toccare"
Contro il candidato alla Corte Suprema USA Bert Kavanaugh spunta una seconda donna: "Era ubriaco a una festa a Yale, s'è abbassato i pantaloni...". Il giudice: "Fatto mai avvenuto". I repubblicani: "Complotto Dem"
Jimmy Bennett: Asia mi ha violentato
Jimmy Bennett: Asia mi ha violentato
Il giovane accusatore della Argento tira dritto, non arretra di un centimetro e porta avanti le sue tesi: ho subito violenza, Asia è come Weinstein
Aborto con pillola nel cocktail
Aborto con pillola nel cocktail
Si dimette Jason Miller, consigliere di Trump e commentatore della Cnn. L'ex compagna ha rivelato che nel 2016 aveva messo incinta una ballerina, costretta ad abortire a sua insaputa. La donna aveva rischiato la vita. Lui nega tutto
Era piccolo, piccolo, piccolo così...
Era piccolo, piccolo, piccolo così...
Anteprima del libro di Stormy Daniels. "Mi voleva in tv, e studiava un trucco per le sfide di the Apprentice". La pornostar s'è sentita minacciata e ora racconta tutto, anche dettagli anatomici imbarazzanti per il presidente
Scoop Giletti, porta Bennet in tv
Scoop Giletti, porta Bennet in tv
Domenica 23 esclusiva di "Non è l'Arena" su La7. Bennet, l'accusatore di Asia Argento, per la prima volta in tv racconta la relazione con l'attrice quando aveva 17 anni
Asia al contrattacco
Asia al contrattacco
Un vero ultimatum indirizzato all’ex amica Rose McGowen: chiedi scusa o finiamo per vie legali
Kavanaugh nei guai per una violenza di 38 anni fa
Kavanaugh nei guai per una violenza di 38 anni fa
Psicologa californiana rivela che il candidato di Trump alla Corte Suprema Usa l'avrebbe spinta sul letto tentando di spogliarla ai tempi del liceo. Lui nega ma i Dem ora chiedono un'indagine dell'Fbi
Lo stuprato da Asia Argento
denunciato dall'ex per violenza
Lo stuprato da Asia Argento<br>denunciato dall
Jimmy Bennet indagato a Los Angeles dalla ex fidanzata: "Mi ha costretto a fare sesso quando ero minorenne". Ha chiesto protezione alla polizia perché teme ritorsioni anche contro la sua famiglia. Maledizione #MeToo