Tutti contro la Deneuve

| Il manifesto che tentava di gettare un salvagente ai rapporti ormi molto compromessi fra uomini e donne, è diventato il bersaglio di attacchi provenienti da più fronti, compresa una voce dell’Eliseo

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Neanche 24 ore, per gustarsi la prima, strenua difesa tentata da Catherine Deneuve verso i meccanismi che regolano i rapporti uomo/donna da quando Dio ha inventato prima uomo e poi l’altra. Catherine se n’era uscite sulle pagine di “Le Monde”, insieme ad un drappello di altre donne acculturate, lanciando una sorta di manifesto contro il neo-puritanesimo che sembra essere la vera eredità dello scandalo Weinstein: se andiamo avanti così, nessun uomo sarà più disposto a corteggiarci. Il tutto, ovviamente, facendo netta e chiara distinzione con la violenza, perché quella è un’altra storia e va punita come merita.

Un giorno appena, come accennato, e dalla Francia compatta si è alzato un muro, con interventi anche piuttosto rumorosi. Ha iniziato Marlène Schiappa, segretaria di Stato alla Parità e donna forte del governo Macron, che da buona professionista della politica ha giocato di fioretto con il manifesto Deneuve: “Ci sono cose interessanti, per esempio la volontà delle donne di non essere ridotte sempre al ruolo di vittime. Ma è estremamente pericoloso minimizzare le aggressioni sessuali”. Passano pochi minuti e al coro di proteste si unisce un’altra voce che conta, quella di Carole De Hass, accesa attivista femminista, che per rispondere allo stesso modo ha radunato una trentina di donne, sminuzzando anche a nome loro ai microfoni di “France Info” l’appello della Deneuve: “Le firmatarie sono per la maggior parte recidive in materia di difese pedo-criminali e di apologia dello stupro. Appena si prova a fare un passo in avanti verso l’eguaglianza, delle anime pure ci avvisano che rischiamo di cadere nell’eccesso, quando in realtà nell’eccesso ci siamo in pieno”.

E questo per non parlare dell’altare sacrificale rappresentato dai canali social di tutto il mondo, dove Deneuve & C. sono state bersagliate di insulti, improperi e invettive: “Chi vuole molestare, violentare, toccare sedere e seni di Catherine Deneuve si senta libero di farlo: probabilmente non le darà alcun fastidio”.

Sex scandals
Era piccolo, piccolo, piccolo così...
Era piccolo, piccolo, piccolo così...
Anteprima del libro di Stormy Daniels. "Mi voleva in tv, e studiava un trucco per le sfide di the Apprentice". La pornostar s'è sentita minacciata e ora racconta tutto, anche dettagli anatomici imbarazzanti per il presidente
Scoop Giletti, porta Bennet in tv
Scoop Giletti, porta Bennet in tv
Domenica 23 esclusiva di "Non è l'Arena" su La7. Bennet, l'accusatore di Asia Argento, per la prima volta in tv racconta la relazione con l'attrice quando aveva 17 anni
Asia al contrattacco
Asia al contrattacco
Un vero ultimatum indirizzato all’ex amica Rose McGowen: chiedi scusa o finiamo per vie legali
Kavanaugh nei guai per una violenza di 38 anni fa
Kavanaugh nei guai per una violenza di 38 anni fa
Psicologa californiana rivela che il candidato di Trump alla Corte Suprema Usa l'avrebbe spinta sul letto tentando di spogliarla ai tempi del liceo. Lui nega ma i Dem ora chiedono un'indagine dell'Fbi
Lo stuprato da Asia Argento
denunciato dall'ex per violenza
Lo stuprato da Asia Argento<br>denunciato dall
Jimmy Bennet indagato a Los Angeles dalla ex fidanzata: "Mi ha costretto a fare sesso quando ero minorenne". Ha chiesto protezione alla polizia perché teme ritorsioni anche contro la sua famiglia. Maledizione #MeToo
Harvey Weinstein in action
Harvey Weinstein in action
Melissa Thompson, una delle accusatrici del produttore hollywoodiano, ha diffuso un video in cui si vede la prima parte di un approccio che finirà giorni dopo con uno stupro
Le hot-memorie di Stormy Daniels
Le hot-memorie di Stormy Daniels
Il 2 ottobre esce il libro "Full Discosure", autobiografia di una pornostar che, nel 2006, ebbe una breve relazione con Trump. Un capitolo su come fu comprato il suo silenzio. Sarà boom in libreria?
#MeToo abbatte anche il boss Cbs
#MeToo abbatte  anche il boss Cbs
Si dimette Les Moonves, il potente Ceo della CBS, travolto da un'ondata di denunce per episodi avvenuti negli Anni 80 e 90. Dopo Weinstein, cade un altro big. Liquidazione a #MeToo. Attacco di Ronan Farrow
"Stormy, restituiscimi i miei soldi"
"Stormy, restituiscimi i miei soldi"
L'ex avvocato di Trump vuol farsi restituire dalla pornostar i 130 mila dollari pagati per il suo silenzio sulla relazione con il presidente prima delle elezioni. Il legale della texana: "Neanche un cent"
Ombre nere sull'accusatore di Asia
Ombre nere sull
Jimmy Bennet descritto come uno stalker dai legali dell'attrice. E si scopre che aveva anche denunciato i genitori per soldi. I suoi messaggi e le sue confessioni: "Sei la mia fantasia erotica". Sentito dalla polizia