Uma Thurman: anch'io vittima di Harvey

| L’aveva promesso ammettendo le molestie: prima o poi racconterò tutto. L’ha fatto, ricordando due aggressioni a Londra e una delle vendette di Weinstein, messe in pratica da Quentin Tarantino uno dei suoi registi più fidati

+ Miei preferiti
Aveva scelto il giorno del ringraziamento, il 23 novembre scorso, per rivelare che anche lei era fra le vittime di Harvey Weinsten. Poche battute, diffuse attraverso Instagram, ma nessun dettaglio, perché la vendetta va consumata fredda. Un grappolo di mesi necessari a prendere fiato conclusi oggi, quando Uma Thurman, bostoniana di nascita, classe 1970, bellezza eterea e musa di Quentin Tarantino, ha scelto il “New York Times” per raccontare tutto.

Anche per lei, nessun privilegio: Weinstein in accappatoio bianco, la doccia, l’aggressione. È successo nel 1994, in una delle stanze del “Savoy” di Londra, dopo la prima di “Pulp Fiction”, film che sarebbe valso la Palma d’Oro a Tarantino. “Weinstein mi ha sbattuta sul letto, cercando di spingersi dentro di me e di calarsi i pantaloni: non mi ha violentato, ma è come se l’avesse fatto”. Uma si divincola e fugge, ma non è finita: passano un paio di giorni e Harvey sempre più famelico si fa precedere da un “volgare” mazzo di rose gialle e da un’insistenza nascosta dalla necessità di “parlare di nuovi progetti”. La Thurman si presenta con Ilona Herman, un’amica, che però deve attenderla nella hall dell’albergo: cosa sia successo in camera, Uma l’ha rimosso, non lo ricorda. È l’amica, a ricordarla all’uscita dall’ascensore: arruffata, sconvolta e con lo sguardo nel vuoto. Ci mette ore a riprendersi, mormorando una frase che dice tutto: “L’ho minacciato di raccontare tutto, e lui di volermi distruggere la carriera”.

La vendetta di Weinstein non si attendere, ed è furiosa: sul set messicano di “Kill Bill”, Tarantino - forse il regista più fidato del produttore - invece di usare una controfigura, pretende che sia lei a mettersi al volante di una “Karmann Ghia” considerata “un catorcio” intimandole di superare i 60 km/h perché i capelli si muovessero con l’aria. L’attrice finisce contro un albero procurandosi diverse lesioni e una commozione cerebrale.

“I complicati sentimenti che nutro per Harvey riflettono quanto mi sento in colpa per le donne aggredite dopo di me: io sono una delle ragioni per cui una ragazza entrava nella sua stanza da sola, proprio come me”.

Ma la confessione di Uma non è finita: un attore, di cui non fa il nome, l’ha stuprata quando aveva soltanto 16 anni. E su certe ferite, la parola fine non cala mai.

Video
Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Nuova accusa di stupro per Weinstein
Nuova accusa di stupro per Weinstein
La Corte Suprema di Los Angeles al lavoro per la nuova denuncia presentata dall’attrice Paz de la Huerta, dopo che la polizia di New York era pronta ad archiviare il caso
"Rain man è un predatore sessuale"
"Rain man è un predatore sessuale"
Altre quattro donne accusano Dustin Hoffman di aggressioni sessuali. La scrittrice Cori Thomas rivela di essere stata abusata quando aveva 16 anni nel 1980. "E' stato orribile, era molto violento, ha rovinato tante persone"
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Almeno 1.000 donne vittime di Weinstein
Un calcolo messo insieme facilmente dall’avvocato che difende i diritti di una class-action contro le violenze dell’ex re mida di Hollywood. Sotto accusa anche il fratello Bob, che sapeva da lungo tempo
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Weinstein, tra le prede anche una 16enne
Jane Doe costretta del 2002 a "toccare" il produttore che voleva lanciarla nel mondo del cinema. Prima la festa, poi un invito a casa. La modella da allora vittima di depressione per gli abusi subiti. Lui: "tutto falso"
Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali
Google #MeToo, decine di casi di molestie sessuali
I dipendenti delle sedi di tutto il mondo in strada contro ricatti e abusi sessuali. Il Ceo Pichar dà ragione a loro: "Bene la protesta, da noi ora tolleranza zero". Ma gli stipendi al femminile sono più bassi
Nel sex scandal arriva anche Google
Nel sex scandal arriva anche Google
Il colosso informatico californiano al centro di un’inchiesta del New York Times. Sotto accusa il padre del sistema Android, protetto per diverso tempo dai vertici aziendali e liquidato con una somma record
Sir Philip Green è il Weinstein britannico
Sir Philip Green è il Weinstein britannico
Nonostante l'ingiunzione del silenzio imposta da un Tribunale, un ex ministro Labour ha rivelato il nome del noto manager in Parlamento. Scoppia così il #MeToo inglese. Già 5 le denunce di dipendenti molestate. Lui nega
Lo scandalo sessuale
che non può essere rivelato
Lo scandalo sessuale<br>che non può essere rivelato
Ne ha parlato il quotidiano inglese The Telegraph, accusando i giudici di aver imbavagliato la stampa. L’uomo d’affari al centro di un’inchiesta avrebbe comprato il silenzio e delle sue vittime abusando dei contratti di non divulgazione
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Lucia Evans, ex attrice, era stata fra le protagoniste dei racconti del “New Yorker”: secondo la polizia si è trattato di rapporti consensuali