Verdone: giù le
mani da Zeffirelli

| Il regista e attore romano sbotta durante una presentazione del suo film: da una parte difende Franco Zeffirelli dalle accusa, dall’altra si dice stanco dell’aria ormai irrespirabile che grava sul mondo del cinema

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Ha fatto ridere intere generazioni di italiani, ma da sorridere - ultimamente - ci trova poco. Carlo Verdone, l’amatissimo attore e regista appena uscito nelle sale con “Benedetta follia”, l’ultima sua fatica cinematografica, sbotta commentando le accuse lanciate a Franco Zeffirelli da Johnathon Schaech, attore che aveva lavorato con lui nel lontano 1993, per alcune avances che sarebbero avvenute sul set di “Storia di una capinera”. 

Ed è un Verdone indignato e stanco, quello che si lascia andare ad uno sfogo che ormai sembra prendere sempre più sostanza nella mente di tanti: la violenza va punita, su questo non si discute, ma adesso stiamo esagerando. Il riferimento è alla infinite deviazioni del caso scatenato da Harvey Weinstein, un immenso vaso di Pandora su cui si sono gettati in tanti, e non tutti a ragione.

Tutto va in scena in un cinema di Firenze, dove Verdone stava presentando la sua pellicola, ma pungolato dalle domande di alcuni giornalisti ha scelto di dire la sua. “Pure Zeffirelli? Ma poveretto, lo lascino in pace, che sta pure poco bene. Sono indignato, basta, mi pare che stiamo esagerando. A me queste denunce che arrivano dopo 25 anni non quadrano più. Ti hanno molestato? Vai subito dai carabinieri, non aspetti 25 anni, a scoppio ritardato, e solo per andare in una trasmissione televisiva. Il cinema è fatto anche di brave persone, non è tutto un puttanaio”.
Quella di Verdone è sì una difesa nei confronti del grande regista fiorentino, ma sopratutto la presa di coscienza di una situazione che sta degenerando: “Ormai il mondo del cinema è pieno di gente terrorizzata: oddio, e se domani esce il mio nome? Adesso basta: i processi non si fanno nelle trasmissioni, ma nei tribunali, e le denunce si fanno solo in questura o dai carabinieri. Abbiamo santificato Pasolini, porca miseria, oggi invece c’è la caccia a tutto. Perdere un attore come Kevin Spacey è una perdita colossale, e lui l’ha già pagata, è stato rimosso da un film. Ma in America sono fatti così: entri in un posto con il mitra e va bene, metti una mano lì e saltano tutti su”.


Concorda con le parole di Verdone anche Ilenia Pastorelli, la protagonista femminile di “Benedetta follia”: “Lo dico da donna, denunciamo subito perché altrimenti andiamo a sminuire una situazione molto grave. Non basta andare in televisione”.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Lucia Evans, ex attrice, era stata fra le protagoniste dei racconti del “New Yorker”: secondo la polizia si è trattato di rapporti consensuali
Una crociata contro Ronaldo
Una crociata contro Ronaldo
Dopo lo stupro di Las Vegas, la notte con Ruby. Intanto l'ex modella rivela: "Mi ha sodomizzato con la violenza". E il Sun: "Se colpevole pagherà milioni, gli sponsor gli faranno causa". Ma Yamamay: "Accuse inverosimili, per noi ok"
Harvey Weinstein, l'anno del cinghiale bianco
Harvey Weinstein, l
Il 5 ottobre 2017 esplodeva lo scandalo che ha come simbolo l’ex produttore di Hollywood. Da allora decine di volti noti sono finiti nella bufera, ma ancora oggi spuntano casi come quello del giudice Kavanaugh
"Bennett mi fa pena aveva gli occhi vitrei"
"Bennett mi fa pena aveva gli occhi vitrei"
Asia Argento replica all'attore che l'accusa di averlo violentato quand'era minorenne in un'intervista a "Non è l'Arena". "Lui mi aggredì, disse che ero la sua fantasia sessuale". E Weinstein? "Ha rubato una parte di me"
Ronaldo nel mirino di #MeToo, tabloid scatenati
Ronaldo nel mirino di #MeToo, tabloid scatenati
Duro attacco del Daily Mail al campione portoghese. La donna che afferma di essere stata stuprata attacca: "Con quante altre donne lo ha fatto?". I legali del calciatore pronti alle querele
"Weinstein, restituisci 45 milioni di dollari"
"Weinstein, restituisci 45 milioni di dollari"
Una finanziaria di New York pretende l'immediata restituzione di un prestito concesso all'ex produttore a causa del "modo" in cui gestì la società distrutta dagli scandali sessuali. Rischia l'ergastolo per sei denunce di violenza
Ma le ceneri inviate ad Asia di chi erano?
Ma le ceneri inviate ad Asia di chi erano?
Lo strano regalo della modella compagna dell'ex amica Rose McGowan: le ceneri del compagno suicida ma è falso. Le scuse di Rose: "Ho sbagliato ad accusarti". Replica: "Non ferire altre persone". Domenica Asia in tv da Giletti
L'ex "America's Dad" attende la sentenza
L
Attesa la sentenza per l'attore Bill Cosby accusato di violenza sessuale con l'uso di droghe ai danni di una collega. Rischia da 5 a 10 anni di carcere. L'accusa: "Mai nessun rimorso, il suo posto è una cella"
Una terza donna accusa il giudice
Una terza donna accusa il giudice
L'avvocato di Stormy Daniels tutela una ex funzionaria che avrebbe subito un'aggressione sessuale di gruppo a Yale. C'erano Brett Kavanaugh e un uomo già individuato. Lui si difende: "Complotto Dem"