Verdone: giù le
mani da Zeffirelli

| Il regista e attore romano sbotta durante una presentazione del suo film: da una parte difende Franco Zeffirelli dalle accusa, dall’altra si dice stanco dell’aria ormai irrespirabile che grava sul mondo del cinema

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Ha fatto ridere intere generazioni di italiani, ma da sorridere - ultimamente - ci trova poco. Carlo Verdone, l’amatissimo attore e regista appena uscito nelle sale con “Benedetta follia”, l’ultima sua fatica cinematografica, sbotta commentando le accuse lanciate a Franco Zeffirelli da Johnathon Schaech, attore che aveva lavorato con lui nel lontano 1993, per alcune avances che sarebbero avvenute sul set di “Storia di una capinera”. 

Ed è un Verdone indignato e stanco, quello che si lascia andare ad uno sfogo che ormai sembra prendere sempre più sostanza nella mente di tanti: la violenza va punita, su questo non si discute, ma adesso stiamo esagerando. Il riferimento è alla infinite deviazioni del caso scatenato da Harvey Weinstein, un immenso vaso di Pandora su cui si sono gettati in tanti, e non tutti a ragione.

Tutto va in scena in un cinema di Firenze, dove Verdone stava presentando la sua pellicola, ma pungolato dalle domande di alcuni giornalisti ha scelto di dire la sua. “Pure Zeffirelli? Ma poveretto, lo lascino in pace, che sta pure poco bene. Sono indignato, basta, mi pare che stiamo esagerando. A me queste denunce che arrivano dopo 25 anni non quadrano più. Ti hanno molestato? Vai subito dai carabinieri, non aspetti 25 anni, a scoppio ritardato, e solo per andare in una trasmissione televisiva. Il cinema è fatto anche di brave persone, non è tutto un puttanaio”.
Quella di Verdone è sì una difesa nei confronti del grande regista fiorentino, ma sopratutto la presa di coscienza di una situazione che sta degenerando: “Ormai il mondo del cinema è pieno di gente terrorizzata: oddio, e se domani esce il mio nome? Adesso basta: i processi non si fanno nelle trasmissioni, ma nei tribunali, e le denunce si fanno solo in questura o dai carabinieri. Abbiamo santificato Pasolini, porca miseria, oggi invece c’è la caccia a tutto. Perdere un attore come Kevin Spacey è una perdita colossale, e lui l’ha già pagata, è stato rimosso da un film. Ma in America sono fatti così: entri in un posto con il mitra e va bene, metti una mano lì e saltano tutti su”.


Concorda con le parole di Verdone anche Ilenia Pastorelli, la protagonista femminile di “Benedetta follia”: “Lo dico da donna, denunciamo subito perché altrimenti andiamo a sminuire una situazione molto grave. Non basta andare in televisione”.

Sex scandals
Le parole delle vittime dei sacerdoti americani
Le parole delle vittime dei sacerdoti americani
Un video ne ha raccolte alcune: sono storie di violenze e abusi subiti fin dalla più tenera età. “Nessuno ci avrebbe creduto, anche perché tutto è stato insabbiato”
Marylin Manson, stupro mai avvenuto
Marylin Manson, stupro mai avvenuto
Il cantante era stato accusato da una donna di averla sequestrata per due giorni nel 2011. La procura ha accertato che era solo una manovra pubblicitaria, lei infatti ha un negozio dedicato proprio a Manson
Gli assi nella manica di Weinstein
Gli assi nella manica di Weinstein
Gli avvocati dell’ex produttore hanno prodotto alcuni messaggi delle presunte vittime di violenze, in cui appare chiaro che fossero loro stesse a stuzzicarlo. Anche #MeToo è a rischio
Avvocati a luce rossa, il video va in rete
Avvocati a luce rossa, il video va in rete
A Rende (Cosenza) coppia di professionisti sorpresa da una pattuglia del 112 in un parco in preda a una rovente passione. Un militare gira un video per documentare il reato poi finito subito on line. La denuncia dei due legali
"Caro Fausto, appena posso ti richiamo"
"Caro Fausto, appena posso ti richiamo"
Si smontano le accuse contro il regista Fausto Brizzi, messo in croce dalle Iene e da 10 presunte molestate. La procura chiede l'archiviazione, lui è pronto a una raffica di cause civili per i risarcimenti
#MeToo DIVORA #MeToo
cade il boss Cbs accusato da 6 donne
#MeToo DIVORA #MeToo<br>cade il boss Cbs accusato da 6 donne
Leslie Moonves, uno dei manager più potenti degli Usa, trascinato nel fango dal New Yorker. Un lungo servizio lo accusa di "ripetute violenze sessuali". Moonves era uno dei paladini di #MeToo. Sconcerto e riflessioni
I vizi sessuali delle star di Hollywood
I vizi sessuali delle star di Hollywood
Il docu-film del regista Matt Tyrnauer ispirato dalla biografia di Scotty Bowers, il fascinoso marine che si accompagnò ad attori e attrici per decenni, ma rivela i segreti e le manie di "persone scomparse che non possono difendersi"
di TRUMP'>Stormy e Karen, l'incubo infinito
di TRUMP
Stormy e Karen, ldi TRUMP' class='article_img2'>
L'Fbi ha in mano una registrazione di due minuti fatta dal suo ex avvocato in cui affrontano il tema di come pagare l'ex modella di Playboy in cambio del suo silenzio. Cohen pronto a collaborare con le procure
"Weinstein morirà cadendo nella vasca da bagno"
"Weinstein morirà cadendo nella vasca da bagno"
La singolare profezia di Anthony Bourdain poco prima di suicidarsi. Il compagno odi Asia Argento auspicava che morisse in cella picchiato a morte ma anche colto da un malore in bagno, solo e con un inutile telefono in mano
"Mai detto alle attrici sesso in cambio di parti"
"Mai detto alle attrici sesso in cambio di parti"
Weinstein fa marcia indietro e il giornalista dello Spectator si scusa: "Forse ho capito male le sue parole". Rischio di una nuova pioggia di querele