Vivere e soffrire con Weinstein

| Una delle sue ex assistenti racconta le mansioni aberranti a cui era adibita. Ha resistito due anni, e ora sta per presentare denuncia. Il suo legale: “Nessuno dovrebbe subire tanto”

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Cosa avesse sempre da sorridere, Harvey Weinstein, forse non sarà mai chiaro del tutto. Più il tempo si allontana dallo scorso ottobre, quando il suo nome rotola su tutte le prime pagine del mondo fino a trascinarsi una slavina di toccatori-intoccabili, e più le rilevazioni sul suo conto lo dipingono come una persona agghiacciante. E non soltanto per le feroci abitudini sessuali e la prepotenza con cui, semplicemente, pretendeva di portarsi a letto chiunque gli passasse davanti ai bulbi oculari, ma per una violenza nei comportamenti da vero dittatore.

L’ennesima conferma arriva da Sandeep Rehal, una delle sue tante assistenti alla “Weinstein Company”, e forse una delle poche che è riuscita a resistere addirittura due anni, dal 2013 al 2015, per poi andarsene a gambe levate. La donna ha svelato a “Hollywood Reporter” le aberranti abitudini del cinghialone hollywoodiano, che non solo pretendeva disponibilità lavorative senza limiti di orari e festività, ma obbligava le sue assistenti a ripulire dai divani le tracce organiche delle sue avventure, per tentare di dirla in un modo accettabile.

Weinstein non aveva timori e nemmeno remore verso nessuno: più volte, capitava che dettasse alle sue segretarie i testi delle email da inviare passeggiando per il suo ufficio totalmente nudo. Perfino le mansioni assegnate a Sandeep, avrebbero fatto la felicità di qualsiasi sindacato: era lei a dover approntare tutto ciò serviva quando il testosterone del boss saliva a livelli da allarme rosso. Era lei a preparare e pulire gli spazi riservati alle sue ospiti, ad acquistare fiori, accappatoi e biancheria intima femminile, e sempre lei a raccogliere le telefonate dei suoi familiari, scontrosi, violenti e cafoni almeno quanto lui.

Inutile pensare che lei stessa sia sfuggita alle attenzioni di Weinstein, che più volte l’ha palpata invitandola a vestire in maniera più consona al suo ruolo, mentre quand’era nervoso non ha esitato a definirla nel peggiore dei modi.

Secondo quanto afferma l’Hollywood Reporter, Sandeep Rehal starebbe per intentare una causa contro il suo ex datore di lavoro. Ad accompagnare la denuncia, ci sono le parole di Genie Handerson, il suo legale: “Le molestie sessuali comprendono violenze verbali, fisiche e materiali, contatti fisici indesiderati e molte altre azioni. Nessuno dovrebbe sopportare quello che ha vissuto Miss Rehal per colpa di Harvey Weinstein”.

Immediata la replica di un portavoce del produttore: “Mister Weinstein nega categoricamente le affermazioni, e i suoi avvocati risponderanno nella sede appropriata con prove che dimostreranno una verità ben diversa”.

Sex scandals
Le parole delle vittime dei sacerdoti americani
Le parole delle vittime dei sacerdoti americani
Un video ne ha raccolte alcune: sono storie di violenze e abusi subiti fin dalla più tenera età. “Nessuno ci avrebbe creduto, anche perché tutto è stato insabbiato”
Marylin Manson, stupro mai avvenuto
Marylin Manson, stupro mai avvenuto
Il cantante era stato accusato da una donna di averla sequestrata per due giorni nel 2011. La procura ha accertato che era solo una manovra pubblicitaria, lei infatti ha un negozio dedicato proprio a Manson
Gli assi nella manica di Weinstein
Gli assi nella manica di Weinstein
Gli avvocati dell’ex produttore hanno prodotto alcuni messaggi delle presunte vittime di violenze, in cui appare chiaro che fossero loro stesse a stuzzicarlo. Anche #MeToo è a rischio
Avvocati a luce rossa, il video va in rete
Avvocati a luce rossa, il video va in rete
A Rende (Cosenza) coppia di professionisti sorpresa da una pattuglia del 112 in un parco in preda a una rovente passione. Un militare gira un video per documentare il reato poi finito subito on line. La denuncia dei due legali
"Caro Fausto, appena posso ti richiamo"
"Caro Fausto, appena posso ti richiamo"
Si smontano le accuse contro il regista Fausto Brizzi, messo in croce dalle Iene e da 10 presunte molestate. La procura chiede l'archiviazione, lui è pronto a una raffica di cause civili per i risarcimenti
#MeToo DIVORA #MeToo
cade il boss Cbs accusato da 6 donne
#MeToo DIVORA #MeToo<br>cade il boss Cbs accusato da 6 donne
Leslie Moonves, uno dei manager più potenti degli Usa, trascinato nel fango dal New Yorker. Un lungo servizio lo accusa di "ripetute violenze sessuali". Moonves era uno dei paladini di #MeToo. Sconcerto e riflessioni
I vizi sessuali delle star di Hollywood
I vizi sessuali delle star di Hollywood
Il docu-film del regista Matt Tyrnauer ispirato dalla biografia di Scotty Bowers, il fascinoso marine che si accompagnò ad attori e attrici per decenni, ma rivela i segreti e le manie di "persone scomparse che non possono difendersi"
di TRUMP'>Stormy e Karen, l'incubo infinito
di TRUMP
Stormy e Karen, ldi TRUMP' class='article_img2'>
L'Fbi ha in mano una registrazione di due minuti fatta dal suo ex avvocato in cui affrontano il tema di come pagare l'ex modella di Playboy in cambio del suo silenzio. Cohen pronto a collaborare con le procure
"Weinstein morirà cadendo nella vasca da bagno"
"Weinstein morirà cadendo nella vasca da bagno"
La singolare profezia di Anthony Bourdain poco prima di suicidarsi. Il compagno odi Asia Argento auspicava che morisse in cella picchiato a morte ma anche colto da un malore in bagno, solo e con un inutile telefono in mano
"Mai detto alle attrici sesso in cambio di parti"
"Mai detto alle attrici sesso in cambio di parti"
Weinstein fa marcia indietro e il giornalista dello Spectator si scusa: "Forse ho capito male le sue parole". Rischio di una nuova pioggia di querele