Vivere e soffrire con Weinstein

| Una delle sue ex assistenti racconta le mansioni aberranti a cui era adibita. Ha resistito due anni, e ora sta per presentare denuncia. Il suo legale: “Nessuno dovrebbe subire tanto”

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Cosa avesse sempre da sorridere, Harvey Weinstein, forse non sarà mai chiaro del tutto. Più il tempo si allontana dallo scorso ottobre, quando il suo nome rotola su tutte le prime pagine del mondo fino a trascinarsi una slavina di toccatori-intoccabili, e più le rilevazioni sul suo conto lo dipingono come una persona agghiacciante. E non soltanto per le feroci abitudini sessuali e la prepotenza con cui, semplicemente, pretendeva di portarsi a letto chiunque gli passasse davanti ai bulbi oculari, ma per una violenza nei comportamenti da vero dittatore.

L’ennesima conferma arriva da Sandeep Rehal, una delle sue tante assistenti alla “Weinstein Company”, e forse una delle poche che è riuscita a resistere addirittura due anni, dal 2013 al 2015, per poi andarsene a gambe levate. La donna ha svelato a “Hollywood Reporter” le aberranti abitudini del cinghialone hollywoodiano, che non solo pretendeva disponibilità lavorative senza limiti di orari e festività, ma obbligava le sue assistenti a ripulire dai divani le tracce organiche delle sue avventure, per tentare di dirla in un modo accettabile.

Weinstein non aveva timori e nemmeno remore verso nessuno: più volte, capitava che dettasse alle sue segretarie i testi delle email da inviare passeggiando per il suo ufficio totalmente nudo. Perfino le mansioni assegnate a Sandeep, avrebbero fatto la felicità di qualsiasi sindacato: era lei a dover approntare tutto ciò serviva quando il testosterone del boss saliva a livelli da allarme rosso. Era lei a preparare e pulire gli spazi riservati alle sue ospiti, ad acquistare fiori, accappatoi e biancheria intima femminile, e sempre lei a raccogliere le telefonate dei suoi familiari, scontrosi, violenti e cafoni almeno quanto lui.

Inutile pensare che lei stessa sia sfuggita alle attenzioni di Weinstein, che più volte l’ha palpata invitandola a vestire in maniera più consona al suo ruolo, mentre quand’era nervoso non ha esitato a definirla nel peggiore dei modi.

Secondo quanto afferma l’Hollywood Reporter, Sandeep Rehal starebbe per intentare una causa contro il suo ex datore di lavoro. Ad accompagnare la denuncia, ci sono le parole di Genie Handerson, il suo legale: “Le molestie sessuali comprendono violenze verbali, fisiche e materiali, contatti fisici indesiderati e molte altre azioni. Nessuno dovrebbe sopportare quello che ha vissuto Miss Rehal per colpa di Harvey Weinstein”.

Immediata la replica di un portavoce del produttore: “Mister Weinstein nega categoricamente le affermazioni, e i suoi avvocati risponderanno nella sede appropriata con prove che dimostreranno una verità ben diversa”.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Cade una delle accusatrici di Weinstein
Lucia Evans, ex attrice, era stata fra le protagoniste dei racconti del “New Yorker”: secondo la polizia si è trattato di rapporti consensuali
Una crociata contro Ronaldo
Una crociata contro Ronaldo
Dopo lo stupro di Las Vegas, la notte con Ruby. Intanto l'ex modella rivela: "Mi ha sodomizzato con la violenza". E il Sun: "Se colpevole pagherà milioni, gli sponsor gli faranno causa". Ma Yamamay: "Accuse inverosimili, per noi ok"
Harvey Weinstein, l'anno del cinghiale bianco
Harvey Weinstein, l
Il 5 ottobre 2017 esplodeva lo scandalo che ha come simbolo l’ex produttore di Hollywood. Da allora decine di volti noti sono finiti nella bufera, ma ancora oggi spuntano casi come quello del giudice Kavanaugh
"Bennett mi fa pena aveva gli occhi vitrei"
"Bennett mi fa pena aveva gli occhi vitrei"
Asia Argento replica all'attore che l'accusa di averlo violentato quand'era minorenne in un'intervista a "Non è l'Arena". "Lui mi aggredì, disse che ero la sua fantasia sessuale". E Weinstein? "Ha rubato una parte di me"
Ronaldo nel mirino di #MeToo, tabloid scatenati
Ronaldo nel mirino di #MeToo, tabloid scatenati
Duro attacco del Daily Mail al campione portoghese. La donna che afferma di essere stata stuprata attacca: "Con quante altre donne lo ha fatto?". I legali del calciatore pronti alle querele
"Weinstein, restituisci 45 milioni di dollari"
"Weinstein, restituisci 45 milioni di dollari"
Una finanziaria di New York pretende l'immediata restituzione di un prestito concesso all'ex produttore a causa del "modo" in cui gestì la società distrutta dagli scandali sessuali. Rischia l'ergastolo per sei denunce di violenza
Ma le ceneri inviate ad Asia di chi erano?
Ma le ceneri inviate ad Asia di chi erano?
Lo strano regalo della modella compagna dell'ex amica Rose McGowan: le ceneri del compagno suicida ma è falso. Le scuse di Rose: "Ho sbagliato ad accusarti". Replica: "Non ferire altre persone". Domenica Asia in tv da Giletti
L'ex "America's Dad" attende la sentenza
L
Attesa la sentenza per l'attore Bill Cosby accusato di violenza sessuale con l'uso di droghe ai danni di una collega. Rischia da 5 a 10 anni di carcere. L'accusa: "Mai nessun rimorso, il suo posto è una cella"
Una terza donna accusa il giudice
Una terza donna accusa il giudice
L'avvocato di Stormy Daniels tutela una ex funzionaria che avrebbe subito un'aggressione sessuale di gruppo a Yale. C'erano Brett Kavanaugh e un uomo già individuato. Lui si difende: "Complotto Dem"