Vivere e soffrire con Weinstein

| Una delle sue ex assistenti racconta le mansioni aberranti a cui era adibita. Ha resistito due anni, e ora sta per presentare denuncia. Il suo legale: “Nessuno dovrebbe subire tanto”

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Cosa avesse sempre da sorridere, Harvey Weinstein, forse non sarà mai chiaro del tutto. Più il tempo si allontana dallo scorso ottobre, quando il suo nome rotola su tutte le prime pagine del mondo fino a trascinarsi una slavina di toccatori-intoccabili, e più le rilevazioni sul suo conto lo dipingono come una persona agghiacciante. E non soltanto per le feroci abitudini sessuali e la prepotenza con cui, semplicemente, pretendeva di portarsi a letto chiunque gli passasse davanti ai bulbi oculari, ma per una violenza nei comportamenti da vero dittatore.

L’ennesima conferma arriva da Sandeep Rehal, una delle sue tante assistenti alla “Weinstein Company”, e forse una delle poche che è riuscita a resistere addirittura due anni, dal 2013 al 2015, per poi andarsene a gambe levate. La donna ha svelato a “Hollywood Reporter” le aberranti abitudini del cinghialone hollywoodiano, che non solo pretendeva disponibilità lavorative senza limiti di orari e festività, ma obbligava le sue assistenti a ripulire dai divani le tracce organiche delle sue avventure, per tentare di dirla in un modo accettabile.

Weinstein non aveva timori e nemmeno remore verso nessuno: più volte, capitava che dettasse alle sue segretarie i testi delle email da inviare passeggiando per il suo ufficio totalmente nudo. Perfino le mansioni assegnate a Sandeep, avrebbero fatto la felicità di qualsiasi sindacato: era lei a dover approntare tutto ciò serviva quando il testosterone del boss saliva a livelli da allarme rosso. Era lei a preparare e pulire gli spazi riservati alle sue ospiti, ad acquistare fiori, accappatoi e biancheria intima femminile, e sempre lei a raccogliere le telefonate dei suoi familiari, scontrosi, violenti e cafoni almeno quanto lui.

Inutile pensare che lei stessa sia sfuggita alle attenzioni di Weinstein, che più volte l’ha palpata invitandola a vestire in maniera più consona al suo ruolo, mentre quand’era nervoso non ha esitato a definirla nel peggiore dei modi.

Secondo quanto afferma l’Hollywood Reporter, Sandeep Rehal starebbe per intentare una causa contro il suo ex datore di lavoro. Ad accompagnare la denuncia, ci sono le parole di Genie Handerson, il suo legale: “Le molestie sessuali comprendono violenze verbali, fisiche e materiali, contatti fisici indesiderati e molte altre azioni. Nessuno dovrebbe sopportare quello che ha vissuto Miss Rehal per colpa di Harvey Weinstein”.

Immediata la replica di un portavoce del produttore: “Mister Weinstein nega categoricamente le affermazioni, e i suoi avvocati risponderanno nella sede appropriata con prove che dimostreranno una verità ben diversa”.

Sex scandals
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Il guru del premio Nobel condannato per stupro
Jean-Claude Arnault, l'intellettuale-ombra del Nobel, avrebbe violentato una scrittrice nel 2011, ma altre donne lo accusano. Il premio della letteratura era stato annullato per le dimissioni dei giurati
Scusi, lei è un pedofilo? E Michael Jackson se la ride
Scusi, lei è un pedofilo? E Michael Jackson se la ride
Spunta dagli archivi di uno studio legale un video di 3 ore dove per la prima e unica volta il Re del Pop viene interrogato sugli abusi sessuali. Nervoso ed evasivo, si paragonò a Gesù
Sesso sull'auto-pattuglia, agente e prof licenziati
Sesso sull
Il vice-sceriffo di Indian River aveva dato un passaggio all'insegnante dopo una partita tra studenti ma aveva lasciato una traccia sul sedile dell'auto. I colleghi hanno scoperto che il Dna era il suo. "E' cioccolato bianco", si era difeso
Inizia a maggio il processo a Weinstein
Inizia a maggio il processo a Weinstein
Il 6 maggio, l’ex padrone di Hollywood dovrà comparire in tribunale per rispondere di cinque capi d’accusa. Quasi 100 sono le donne che lo accusano
"Non pagherò per cosa non ho fatto"
"Non pagherò per cosa non ho fatto"
Un sorridente Kevin Spacey sotto scorta in Tribunale per difendersi dalle accuse di molestie sessuali verso un cameriere di Nantucket. Si dichiara "innocente" ma rischia cinque anni di carcere
Spacey obbligato a presentarsi in Tribunale
Spacey obbligato a presentarsi in Tribunale
L'attore, accusato di avere aggredito sessualmente un 18enne a Nantucket nel 2016, aveva chiesto ai giudici di non comparire durante il processo. Richiesta respinta
Kevin Spacey predatore, spunta un video
Kevin Spacey predatore, spunta un video
L'attore avrebbe pesantemente molestato un cameriere 18enne, cercando di convincerlo a seguirlo in albergo. Ma la vittima era riuscita a filmarlo durante l'aggressione. Fra pochi giorni il via al processo in scena a Boston
Scandalo Profumo, la verità nel 2063
Scandalo Profumo, la verità nel 2063
Il governo inglese ha blindato le carte del più clamoroso scandalo sessuale della sua storia, quando si scoprì la relazione tra il ministro Profumo e la 19enne Christine Keeler, amante anche di una spia Urss. L'ex premier Major sa tutto
Kevin Spacey a giudizio per aggressione
Kevin Spacey a giudizio per aggressione
Dovrà rispondere davanti ad un tribunale del Massachusetts di molestie sessuali ai danni di un attore ai tempi minorenne. Ma per la prima volta, l’attore premio Oscar tenta di difendersi con un breve video
9,5 milioni di dollari per molestie
9,5 milioni di dollari per molestie
L’attrice Eliza Dushku ha messo alle corde il canale CBS ottenendo un risarcimento record: era stata esclusa dal cast di un telefilm dopo aver rifiutato le avances di un collega