Weinstein VS Stato di New York

| La compagnia, sull’orlo del baratro, sarebbe in vendita: per evitare che scompaia nel nulla l’unico capitale da cui attingere per eventuali risarcimenti, i legali dello stato americano sono partiti all’attacco

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Harvey Weinstein se ne sta zitto da mesi, chiuso nell’angolo di mondo dove nessuno gli rimprovera più di tanto la voragine senza fondo che il suo nome ha aperto. Il tentativo: far sì che il pianeta si scordi di lui, perché nelle questioni legali più il tempo passa, e più la rabbia sbollisce. Ma i nodi iniziano a venire al pettine, come i conti con la giustizia che hanno condannato l’ex medico Larry Nassar a così tanti anni che se fosse applicata la reversibilità anche a quelli, perfino buona parte della sua famiglia finirebbe dietro le sbarre.

È facile ipotizzare che quando finirà, anche per Harvey la pena sarà esemplare: in 40 anni di onorate molestie, un centinaio di donne stuprate, violentate e tormentate, comprese attrici famose, sono un pessimo biglietto da visita per un tribunale. Ma c’è anche altro: sul nome di Weinstein, da mesi indagano un numero imprecisato di procure e uffici legali di città come Londra e Los Angeles, ma anche quelli di Stati americani come New York, che ha deciso di partire con il primo affondo, citando in giudizio l’ex produttore, suo fratello Bob e l’intera “Weinstein Company” per non aver in alcun modo tutelato i dipendenti dagli abusi sessuali di Harvey, malgrado la situazione fosse ormai nota a tanti. Tutte, o comunque la maggiora parte, avevano fra le clausole del lavoro il compito di rendere frizzante l’attività sessuale di Harvey, che addirittura faceva circolare un vademecum chiamato “The Byble”, in cui si spiegavano le regole del reame più scostumato del mondo. E questo senza contare le minacce di morte nei confronti di chi prometteva di raccontare ogni cosa, e i legami e le amicizie - di cui faceva un vanto - con figure politiche di primo piano e addirittura con i servizi segreti americani. Dai verbali sono emersi episodi raggelanti, come il viaggio da Londra a New York di un dipendente, costretto ad anticipare il produttore per istruire le assistenti su come vestirsi, truccarsi e profumarsi. O ancora i compiti dei suoi autisti, che dovevano sempre rifornire le auto di preservativi e medicinali contro la disfunzione erettile.

Una citazione, quella dello stato di New York, che è anche la conseguenza dell’imminente vendita della compagnia, ormai sull’orlo del fallimento, secondo qualche voce stimata in 500 milioni di dollari, con il rischio di lasciare le vittime senza adeguato risarcimento. La causa, secondo la legge americana, ha il potere di congelare la vendita. 

Sex scandals
Le parole delle vittime dei sacerdoti americani
Le parole delle vittime dei sacerdoti americani
Un video ne ha raccolte alcune: sono storie di violenze e abusi subiti fin dalla più tenera età. “Nessuno ci avrebbe creduto, anche perché tutto è stato insabbiato”
Marylin Manson, stupro mai avvenuto
Marylin Manson, stupro mai avvenuto
Il cantante era stato accusato da una donna di averla sequestrata per due giorni nel 2011. La procura ha accertato che era solo una manovra pubblicitaria, lei infatti ha un negozio dedicato proprio a Manson
Gli assi nella manica di Weinstein
Gli assi nella manica di Weinstein
Gli avvocati dell’ex produttore hanno prodotto alcuni messaggi delle presunte vittime di violenze, in cui appare chiaro che fossero loro stesse a stuzzicarlo. Anche #MeToo è a rischio
Avvocati a luce rossa, il video va in rete
Avvocati a luce rossa, il video va in rete
A Rende (Cosenza) coppia di professionisti sorpresa da una pattuglia del 112 in un parco in preda a una rovente passione. Un militare gira un video per documentare il reato poi finito subito on line. La denuncia dei due legali
"Caro Fausto, appena posso ti richiamo"
"Caro Fausto, appena posso ti richiamo"
Si smontano le accuse contro il regista Fausto Brizzi, messo in croce dalle Iene e da 10 presunte molestate. La procura chiede l'archiviazione, lui è pronto a una raffica di cause civili per i risarcimenti
#MeToo DIVORA #MeToo
cade il boss Cbs accusato da 6 donne
#MeToo DIVORA #MeToo<br>cade il boss Cbs accusato da 6 donne
Leslie Moonves, uno dei manager più potenti degli Usa, trascinato nel fango dal New Yorker. Un lungo servizio lo accusa di "ripetute violenze sessuali". Moonves era uno dei paladini di #MeToo. Sconcerto e riflessioni
I vizi sessuali delle star di Hollywood
I vizi sessuali delle star di Hollywood
Il docu-film del regista Matt Tyrnauer ispirato dalla biografia di Scotty Bowers, il fascinoso marine che si accompagnò ad attori e attrici per decenni, ma rivela i segreti e le manie di "persone scomparse che non possono difendersi"
di TRUMP'>Stormy e Karen, l'incubo infinito
di TRUMP
Stormy e Karen, ldi TRUMP' class='article_img2'>
L'Fbi ha in mano una registrazione di due minuti fatta dal suo ex avvocato in cui affrontano il tema di come pagare l'ex modella di Playboy in cambio del suo silenzio. Cohen pronto a collaborare con le procure
"Weinstein morirà cadendo nella vasca da bagno"
"Weinstein morirà cadendo nella vasca da bagno"
La singolare profezia di Anthony Bourdain poco prima di suicidarsi. Il compagno odi Asia Argento auspicava che morisse in cella picchiato a morte ma anche colto da un malore in bagno, solo e con un inutile telefono in mano
"Mai detto alle attrici sesso in cambio di parti"
"Mai detto alle attrici sesso in cambio di parti"
Weinstein fa marcia indietro e il giornalista dello Spectator si scusa: "Forse ho capito male le sue parole". Rischio di una nuova pioggia di querele