Weinstein VS Stato di New York

| La compagnia, sull’orlo del baratro, sarebbe in vendita: per evitare che scompaia nel nulla l’unico capitale da cui attingere per eventuali risarcimenti, i legali dello stato americano sono partiti all’attacco

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Harvey Weinstein se ne sta zitto da mesi, chiuso nell’angolo di mondo dove nessuno gli rimprovera più di tanto la voragine senza fondo che il suo nome ha aperto. Il tentativo: far sì che il pianeta si scordi di lui, perché nelle questioni legali più il tempo passa, e più la rabbia sbollisce. Ma i nodi iniziano a venire al pettine, come i conti con la giustizia che hanno condannato l’ex medico Larry Nassar a così tanti anni che se fosse applicata la reversibilità anche a quelli, perfino buona parte della sua famiglia finirebbe dietro le sbarre.

È facile ipotizzare che quando finirà, anche per Harvey la pena sarà esemplare: in 40 anni di onorate molestie, un centinaio di donne stuprate, violentate e tormentate, comprese attrici famose, sono un pessimo biglietto da visita per un tribunale. Ma c’è anche altro: sul nome di Weinstein, da mesi indagano un numero imprecisato di procure e uffici legali di città come Londra e Los Angeles, ma anche quelli di Stati americani come New York, che ha deciso di partire con il primo affondo, citando in giudizio l’ex produttore, suo fratello Bob e l’intera “Weinstein Company” per non aver in alcun modo tutelato i dipendenti dagli abusi sessuali di Harvey, malgrado la situazione fosse ormai nota a tanti. Tutte, o comunque la maggiora parte, avevano fra le clausole del lavoro il compito di rendere frizzante l’attività sessuale di Harvey, che addirittura faceva circolare un vademecum chiamato “The Byble”, in cui si spiegavano le regole del reame più scostumato del mondo. E questo senza contare le minacce di morte nei confronti di chi prometteva di raccontare ogni cosa, e i legami e le amicizie - di cui faceva un vanto - con figure politiche di primo piano e addirittura con i servizi segreti americani. Dai verbali sono emersi episodi raggelanti, come il viaggio da Londra a New York di un dipendente, costretto ad anticipare il produttore per istruire le assistenti su come vestirsi, truccarsi e profumarsi. O ancora i compiti dei suoi autisti, che dovevano sempre rifornire le auto di preservativi e medicinali contro la disfunzione erettile.

Una citazione, quella dello stato di New York, che è anche la conseguenza dell’imminente vendita della compagnia, ormai sull’orlo del fallimento, secondo qualche voce stimata in 500 milioni di dollari, con il rischio di lasciare le vittime senza adeguato risarcimento. La causa, secondo la legge americana, ha il potere di congelare la vendita. 

Sex scandals
L'inferno degli "appendiabiti di carne"
L
Ecco la vera carne da macello: i modelli, maschi o femmine, ma tutti giovanissimi, che pagano a caro prezzo il desiderio di entrare nel mondo della moda. Il team “Spotlight” del “Boston Globe” ha aperto le porte dell’ennesimo mondo di mezzo
"Sono stata amante di Donald", "Fake news"
"Sono stata amante di Donald", "Fake news"
Karen Mac Dougal avrebbe incassato 150 mila dollari, prima della campagna elettore, dal presidente Usa Donald Trump per non pubblicare una piccante biografia. Ma la Casa Bianca smentisce: "Fake news"
Oxfam: orge e prostitute al posto degli aiuti
Oxfam: orge e prostitute al posto degli aiuti
Non si placa lo scandalo sulla Oxfam, che rende pubblici alcuni dossier interni, mentre i media raccontano le testimonianze di giovani costrette a prostituirsi
Nei guai il vedovo di Jo Cox
Nei guai il vedovo di Jo Cox
Il marito della deputata che ha pagato con la vita essere anti-Brexit, è finito nei guai: avrebbe fatto pesanti avances e due donne, in altrettante occasioni
Suicida una collaboratrice di Weinstein
Suicida una collaboratrice di Weinstein
Jill Messick, chiamata in causa da Rose McGowen, una delle più accese accusatrici del produttore, non ha retto alla macchina del fango. In una lunga lettera, la famiglia distribuisce le responsabilità della sua morte
Transparent, Tamboor lascia il set per molestie
Transparent, Tamboor lascia il set per molestie
La serie di Amazon perde uno dei suoi interpreti più amati negli Usa. Avrebbe pesantemente molestato l'attrice Trace Lysette. La prima denuncia su Facebook. Lui smentisce e attacca: "Troppo difficile lavorare con me"
Mostro Nassar: "Sono stato un bravo medico"
Mostro Nassar: "Sono stato un bravo medico"
Nelle pieghe del processo una lettera strappalacrime di Larry Nassar: "Sono stato un bravo medico, vorrei che fosse tenuto in conto". Gelida risposta del giudice: "Significa che lei non è pentito e merita il massimo della pena"
Brizzi, l'ora della verità sulle sex-molestie
Brizzi, l
In procura le prime denunce delle ragazze aspiranti attrici oggetto di presunte molestie sessuali. Riguardano una serie di episodi assai recenti. Il caso era scoppiato a novembre con la trasmissione delle Iene
Le 100 storie di Natalie
Le 100 storie di Natalie
In un’intervista, la Portman racconta di aver dovuto fronteggiare centinaia di molestie. Per reazione, ha rifiutato per lungo tempo ruoli in cui erano previste scene di sesso: sul set, dice, le donne hanno sempre i ruoli più umili
Uma Thurman: anch'io vittima di Harvey
Uma Thurman: anch
L’aveva promesso ammettendo le molestie: prima o poi racconterò tutto. L’ha fatto, ricordando due aggressioni a Londra e una delle vendette di Weinstein, messe in pratica da Quentin Tarantino uno dei suoi registi più fidati