Weinstein VS Stato di New York

| La compagnia, sull’orlo del baratro, sarebbe in vendita: per evitare che scompaia nel nulla l’unico capitale da cui attingere per eventuali risarcimenti, i legali dello stato americano sono partiti all’attacco

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Harvey Weinstein se ne sta zitto da mesi, chiuso nell’angolo di mondo dove nessuno gli rimprovera più di tanto la voragine senza fondo che il suo nome ha aperto. Il tentativo: far sì che il pianeta si scordi di lui, perché nelle questioni legali più il tempo passa, e più la rabbia sbollisce. Ma i nodi iniziano a venire al pettine, come i conti con la giustizia che hanno condannato l’ex medico Larry Nassar a così tanti anni che se fosse applicata la reversibilità anche a quelli, perfino buona parte della sua famiglia finirebbe dietro le sbarre.

È facile ipotizzare che quando finirà, anche per Harvey la pena sarà esemplare: in 40 anni di onorate molestie, un centinaio di donne stuprate, violentate e tormentate, comprese attrici famose, sono un pessimo biglietto da visita per un tribunale. Ma c’è anche altro: sul nome di Weinstein, da mesi indagano un numero imprecisato di procure e uffici legali di città come Londra e Los Angeles, ma anche quelli di Stati americani come New York, che ha deciso di partire con il primo affondo, citando in giudizio l’ex produttore, suo fratello Bob e l’intera “Weinstein Company” per non aver in alcun modo tutelato i dipendenti dagli abusi sessuali di Harvey, malgrado la situazione fosse ormai nota a tanti. Tutte, o comunque la maggiora parte, avevano fra le clausole del lavoro il compito di rendere frizzante l’attività sessuale di Harvey, che addirittura faceva circolare un vademecum chiamato “The Byble”, in cui si spiegavano le regole del reame più scostumato del mondo. E questo senza contare le minacce di morte nei confronti di chi prometteva di raccontare ogni cosa, e i legami e le amicizie - di cui faceva un vanto - con figure politiche di primo piano e addirittura con i servizi segreti americani. Dai verbali sono emersi episodi raggelanti, come il viaggio da Londra a New York di un dipendente, costretto ad anticipare il produttore per istruire le assistenti su come vestirsi, truccarsi e profumarsi. O ancora i compiti dei suoi autisti, che dovevano sempre rifornire le auto di preservativi e medicinali contro la disfunzione erettile.

Una citazione, quella dello stato di New York, che è anche la conseguenza dell’imminente vendita della compagnia, ormai sull’orlo del fallimento, secondo qualche voce stimata in 500 milioni di dollari, con il rischio di lasciare le vittime senza adeguato risarcimento. La causa, secondo la legge americana, ha il potere di congelare la vendita. 

Sex scandals
Rose McGowen: Harvey, ti abbiamo preso
Rose McGowen: Harvey, ti abbiamo preso
Con queste parole, in diretta tivù, una delle più tenaci accusatrici di Weinstein ha commentato l’arresto del produttore
I peggiori sette mesi di Hollywood
I peggiori sette mesi di Hollywood
È il tempo trascorso da quando due testate americane hanno pubblicato le primissime accuse verso il megaproduttore Harvey Weinstein. Uno scandalo che poco dopo si sarebbe esteso a macchia d’olio in tutto il mondo, Italia compresa
VENDETTA #METOO, WEINSTEIN
IN CELLA PER DUE STUPRI
VENDETTA #METOO, WEINSTEIN<br>IN CELLA PER DUE STUPRI
L'attrice Rose Mc Gowan: "Eravamo ventenni con la speranza di diventare attrici, stuprate e terrorizzate dalla sue rete di complicità". Inchieste anche a Londra e Los Angeles. L'avvocato: "solo e triste". Cauzione da 10 milioni
Nuove accuse per Mario Batali
Nuove accuse per Mario Batali
La polizia ha aperto un altro fascicolo d’inchiesta, mentre una trasmissione tivù ospita alcune ex dipendenti violentate dallo chef, ex socio di Joe Bastianich
Luc Besson accusato di stupro
Luc Besson accusato di stupro
Un’attrice e modella di 27 anni ha sporto denuncia per un abuso risalente a pochi giorni. Immediata la replica del regista: “Non ho violentato nessuno”
Asia Argento: "Stuprata da Weinstein a Cannes"
Asia Argento: "Stuprata da Weinstein a Cannes"
L'attrice italiana lo ha detto durante la cerimonia di premiazione a Cannes, augurandosi che il produttore Usa "sparisca per sempre"
Stormy e Christie, nuove bufere su Trump
Stormy e Christie, nuove bufere su Trump
L'avvocato che tutela la pornostar fotografato con l'ex moglie di Billy Joel, Christie Brinkley. Avrebbe subito anni fa un tentativo di approccio ma lei lo avrebbe "rimbalzato"
Polanski non ci sta: “Denuncio l’Academy”
Polanski non ci sta: “Denuncio l’Academy”
Espulso dall’associazione che assegna gli Oscar, il regista polacco minaccia azioni legali perché non gli è stata concessa la possibilità di difendersi
Minetti, sesso libero in libero Stato
Minetti, sesso libero in libero Stato
Il Tribunale di Milano conferma le pene ma si apre un dibattito sui comportamenti sessuali. Una scelta di libertà per gli imputati e le imputati dei vari processi Ruby. Giudici confermano le pene
"Film perversi? Mai come tu hai cantato l'inno"
"Film perversi? Mai come tu hai cantato l
Scambio di tweet al vetriolo tra Stormy Daniels e la presentatrice tv Usa Roseanne Barr. La pornostar che accusa Trump smentisce le allusioni della rivale, nota per avere storpiato The Star Spangled Banner