L’ex fidanzata di Lelandais:
era un uomo meraviglioso

| Adeline, il suo primo amore, in un’intervista televisiva dipinge come gentile e comprensivo l’uomo sospettato di essere il serial killer della Savoia

+ Miei preferiti
Dopo tante accuse e sospetti, la strenua difesa di Nordahl Lelandais, l’ex militare indagato per la scomparsa della piccola Maelys, fa registrare un piccolo punto a proprio favore. A lanciare la scialuppa di salvataggio in un mare in tempesta è Adeline (il cognome non è stato rivelato), il primo amore di Nordahl Lelandais, oggi una donna che ha accettato di raccontare la loro storia davanti alle telecamere di “Sept à Huit”, seguitissima trasmissione del canale televisivo “TF1”.

Adeline, al contrario dell’immagine di un uomo dall’indole contorta che emergerebbe dalle indagini, ricorda l’ex militare come un ragazzo “sensibile, gentile e comprensivo”. Dal loro incontro quando lei aveva 14 anni e lui 16, nasce una storia durata quattro anni: “Era una bella persona e sapeva farmi ridere, uscivamo con  la nostra cerchia di amici, andavano al lago e fare delle lunghe passeggiate, un rapporto meraviglioso - ricorda Adeline - era un ragazzo dal carattere forte, ma mai aggressivo: non ha mai alzato le mani su di me e nemmeno ricordo che mi abbia mai insultato. Il Nordahl che è stato descritto ultimamente non è per niente il ragazzo che conoscevo io”.

Non sono state dello stesso avviso altre ex fidanzate di Lelandais in tempi più recenti, che l’avevano dipinto con toni molto più oscuri: un uomo violento, portato all’intimidazione che costringeva le sue donne a fare certe cose e a filmarle anche senza il loro consenso. Una delle sue ex mogli, ha raccontato di essere stata portata in un bosco per chiarirsi quando lei aveva deciso di lasciarlo: “Ho pensato fosse arrivata la mia fine”, ha aggiunto.

La posizione di Nordahl Lelandais non è affatto semplice: oltre alla sparizione della piccola Maelys e del caporale Arthur Noyer, la polizia indaga su almeno altri 11 casi irrisolti di persone scomparse o ritrovate morte nella regione: sparizioni in qualche modo riconducibili alla presenza nella stessa zona dell’ex militare, sempre più sospettato di essere uno spietato serial killer, forse uno dei peggiori nella storia francese.

Il caso Maelys
il mostro ammette: io sono un pedofilo
il mostro ammette: io sono un pedofilo
Agghiaccianti ammissioni di Lelandais, l'assassino di Maelys, dopo avere rivisto un suo video in cui abusa una cuginetta di 4 anni. "La sua sessualità sfrenata alla base degli omicidi", osservano i pm. Nuova perizia psichiatrica
Il mostro ha violentato anche due bimbe
Il mostro ha violentato anche due bimbe
Nuove accuse per Nordhal Lelandais, l'ex militare reo confesso degli omicidi della piccola Maelys e del caporale Arthur Noyer. Due video, girati con il telefono, lo riprendono mentre abusa delle figlie di suoi familiari, di 7 e 4 anni
Familiari dei killer, la vita impossibile
Familiari dei killer, la vita impossibile
Madri, mogli e fratelli di assassini che hanno ucciso bambini o commesso atroci delitti pagano colpe che non hanno. Storia delle mogli di due pedofili, aggredite e insultate. E il fratello di Lelandais non trova più lavoro
Il mostro ha violentato un'altra bambina
Il mostro ha violentato un
Scoperto un secondo video di violenza ai danni di una bambina nella memoria dei telefoni cellulari di Nordhal Lelandais. Ha ucciso Maelys, il caporale Noyer e violentato la cugina di 7 anni. L'ergastolo? Una certezza
Trovato cadavere di 15enne scomparso
Trovato cadavere di 15enne scomparso
Antoine Zoia era sparito il 1 marzo 2016 da Clarensac, nel Gard. Il suo fascicolo era stato inserito dalla cellula Ariane della Gendarmerie nell'indagine su Nordahl Lelandais, accusato di due omicidi. La pista del suicidio
Il mostro confessa:
ho colpito Maelys più volte
Il mostro confessa:<br>ho colpito Maelys più volte
Nordahl Lelandais torna sul luogo del delitto con gli investigatori e mima la scena finale con un manichino. Aveva fracassato a pugni il volto della vittima. Dove nascose il cadavere e il rientro nella sala per crearsi un alibi
La ricostruzione della notte di Maëlys
La ricostruzione della notte di Maëlys
In gran segreto, gli inquirenti hanno previsto di rifare insieme a Nordahl Lelandais il percorso che l’ex militare avrebbe coperto la notte fra il 26 e il 27 agosto 2017. Strade chiuse e massimo riserbo
Addio ad Arthur
ucciso dal killer di Maelys
Addio ad Arthur<br>ucciso dal killer di Maelys
A Bourges una grande folla per i funerale del 23enne ucciso da Nordahl Lelandais nell'aprile 2017. C'erano anche i genitori di Maelys. Ma l'assassino non vuole dire come è morto
Un anno fa spenta la vita di Maelys
Un anno fa spenta la vita di Maelys
Il 27 agosto 2017 un ex militare di 34 anni uccise in modo atroce una bimba di 9 anni, Maelys de Arauyo, oggi la "marcia bianca" in suo ricordo organizzata dai familiari della piccola. Un incubo non ancora finito
MAELYS PICCHIATA PRIMA DI MORIRE
MAELYS PICCHIATA PRIMA DI MORIRE
Dall'autopsia la conferma che l'assassino mente. Aveva detto di avere ucciso la bambina "accidentalmente" con un solo pugno, invece ci sono altre fratture avvenute prima della morte