Undici famiglie di scomparsi: "C'è un serial killer"

| Riaperti intanto quattro fascicoli, collegati in qualche modo al sospettato della morte di Maelys. I familiari si sono riuniti a Lione: "Non accusiamo nessuno ma vogliamo la verità". Tace la difesa dell'ex militare

+ Miei preferiti
Undici famiglie di "scomparsi" si incontrano giovedì scorso a Lione per discutere i progressi delle rispettive indagini. Il procuratore generale di Grenoble, Jean-Yves Coquillat, ha riaperto quattro indagini sulle sparizioni avvenute in zone geografiche vicine a quelle di Maëlys e del caporale Noyer.
 
L'incubo di un seriale killer incombe sulla regione Alvernia-Rhône-Alpes. Nordhal Lelandais è sospettato nel caso della scomparsa di Maëlys ed è stato incriminato per "omicidio" nel caso del caporale Arthur Noyer. Ma è possibile che sia coinvolto in altri casi di persone scomparse? I gendarmi del Servizio centrale di intelligence penale hanno istituito una squadra investigativa speciale per determinare se Lelandais può essere l'autore di almeno altri 11 omicidi-rapimenti.
Undici famiglie si ritroveranno giovedì a Lione. Tutte hanno un parente scomparso nella regione. L' obiettivo di questo incontro, a cui parteciperanno anche i legali di fudica e consulenti privati, è di poter scambiare informazioni e di incrociare i movimenti dell'ex militari con quelli degli scomparsi. "Facciamo il punto sulle indagini. Non siamo qui per accusare nessuno, ma saremo in grado di dialogare, incontrare famiglie che si trovano nella nostra stessa situazione e trovare così una strategia comune.", spiega Marie-France Fiorello, contattata da Le Figaro. Da ottobre 2010 si batte per trovare risposte sulla scomparsa di suo figlio. Adrien aveva lasciato la sua casa a Firminy per frequentare l' università a Saint-Étienne, nella Loira. Non si è mai presentato in classe. Tuttavia, gli investigatori hanno osservato durante l' indagine che il suo telefono cellulare era limitato a Chambéry alla fine del pomeriggio... Una città in cui Nordahl Lelandais aveva un' operazione di allevamento di cani a quel tempo. Non appena il giudice ci ha informato che potrebbero esserci elementi da verificare in relazione ad altre sparizioni, abbiamo chiesto di essere inclusi nelle relazioni d' indagine. È una porta che si apre ma bisogna stare molto attenti", dice la madre di Adrien.
Gli altri casi riguardano due stupedenti minorenni, un uomo di origine marocchina e un 23enne spariti a un anno di distanza uno d'altro dopo il festival di musica techno che si tiene ogni anno nel forte Tembiè in Savoie, due giovani donne e infine altre persone su cui sono in corso ulteriori verifiche. Nessuna reazione per ora da parte dei difensori di Lelandais, in carcere dal 3 settembre.
Il caso Maelys
il mostro ammette: io sono un pedofilo
il mostro ammette: io sono un pedofilo
Agghiaccianti ammissioni di Lelandais, l'assassino di Maelys, dopo avere rivisto un suo video in cui abusa una cuginetta di 4 anni. "La sua sessualità sfrenata alla base degli omicidi", osservano i pm. Nuova perizia psichiatrica
Il mostro ha violentato anche due bimbe
Il mostro ha violentato anche due bimbe
Nuove accuse per Nordhal Lelandais, l'ex militare reo confesso degli omicidi della piccola Maelys e del caporale Arthur Noyer. Due video, girati con il telefono, lo riprendono mentre abusa delle figlie di suoi familiari, di 7 e 4 anni
Familiari dei killer, la vita impossibile
Familiari dei killer, la vita impossibile
Madri, mogli e fratelli di assassini che hanno ucciso bambini o commesso atroci delitti pagano colpe che non hanno. Storia delle mogli di due pedofili, aggredite e insultate. E il fratello di Lelandais non trova più lavoro
Il mostro ha violentato un'altra bambina
Il mostro ha violentato un
Scoperto un secondo video di violenza ai danni di una bambina nella memoria dei telefoni cellulari di Nordhal Lelandais. Ha ucciso Maelys, il caporale Noyer e violentato la cugina di 7 anni. L'ergastolo? Una certezza
Trovato cadavere di 15enne scomparso
Trovato cadavere di 15enne scomparso
Antoine Zoia era sparito il 1 marzo 2016 da Clarensac, nel Gard. Il suo fascicolo era stato inserito dalla cellula Ariane della Gendarmerie nell'indagine su Nordahl Lelandais, accusato di due omicidi. La pista del suicidio
Il mostro confessa:
ho colpito Maelys più volte
Il mostro confessa:<br>ho colpito Maelys più volte
Nordahl Lelandais torna sul luogo del delitto con gli investigatori e mima la scena finale con un manichino. Aveva fracassato a pugni il volto della vittima. Dove nascose il cadavere e il rientro nella sala per crearsi un alibi
La ricostruzione della notte di Maëlys
La ricostruzione della notte di Maëlys
In gran segreto, gli inquirenti hanno previsto di rifare insieme a Nordahl Lelandais il percorso che l’ex militare avrebbe coperto la notte fra il 26 e il 27 agosto 2017. Strade chiuse e massimo riserbo
Addio ad Arthur
ucciso dal killer di Maelys
Addio ad Arthur<br>ucciso dal killer di Maelys
A Bourges una grande folla per i funerale del 23enne ucciso da Nordahl Lelandais nell'aprile 2017. C'erano anche i genitori di Maelys. Ma l'assassino non vuole dire come è morto
Un anno fa spenta la vita di Maelys
Un anno fa spenta la vita di Maelys
Il 27 agosto 2017 un ex militare di 34 anni uccise in modo atroce una bimba di 9 anni, Maelys de Arauyo, oggi la "marcia bianca" in suo ricordo organizzata dai familiari della piccola. Un incubo non ancora finito
MAELYS PICCHIATA PRIMA DI MORIRE
MAELYS PICCHIATA PRIMA DI MORIRE
Dall'autopsia la conferma che l'assassino mente. Aveva detto di avere ucciso la bambina "accidentalmente" con un solo pugno, invece ci sono altre fratture avvenute prima della morte