Undici famiglie di scomparsi: "C'è un serial killer"

| Riaperti intanto quattro fascicoli, collegati in qualche modo al sospettato della morte di Maelys. I familiari si sono riuniti a Lione: "Non accusiamo nessuno ma vogliamo la verità". Tace la difesa dell'ex militare

+ Miei preferiti
Undici famiglie di "scomparsi" si incontrano giovedì scorso a Lione per discutere i progressi delle rispettive indagini. Il procuratore generale di Grenoble, Jean-Yves Coquillat, ha riaperto quattro indagini sulle sparizioni avvenute in zone geografiche vicine a quelle di Maëlys e del caporale Noyer.
 
L'incubo di un seriale killer incombe sulla regione Alvernia-Rhône-Alpes. Nordhal Lelandais è sospettato nel caso della scomparsa di Maëlys ed è stato incriminato per "omicidio" nel caso del caporale Arthur Noyer. Ma è possibile che sia coinvolto in altri casi di persone scomparse? I gendarmi del Servizio centrale di intelligence penale hanno istituito una squadra investigativa speciale per determinare se Lelandais può essere l'autore di almeno altri 11 omicidi-rapimenti.
Undici famiglie si ritroveranno giovedì a Lione. Tutte hanno un parente scomparso nella regione. L' obiettivo di questo incontro, a cui parteciperanno anche i legali di fudica e consulenti privati, è di poter scambiare informazioni e di incrociare i movimenti dell'ex militari con quelli degli scomparsi. "Facciamo il punto sulle indagini. Non siamo qui per accusare nessuno, ma saremo in grado di dialogare, incontrare famiglie che si trovano nella nostra stessa situazione e trovare così una strategia comune.", spiega Marie-France Fiorello, contattata da Le Figaro. Da ottobre 2010 si batte per trovare risposte sulla scomparsa di suo figlio. Adrien aveva lasciato la sua casa a Firminy per frequentare l' università a Saint-Étienne, nella Loira. Non si è mai presentato in classe. Tuttavia, gli investigatori hanno osservato durante l' indagine che il suo telefono cellulare era limitato a Chambéry alla fine del pomeriggio... Una città in cui Nordahl Lelandais aveva un' operazione di allevamento di cani a quel tempo. Non appena il giudice ci ha informato che potrebbero esserci elementi da verificare in relazione ad altre sparizioni, abbiamo chiesto di essere inclusi nelle relazioni d' indagine. È una porta che si apre ma bisogna stare molto attenti", dice la madre di Adrien.
Gli altri casi riguardano due stupedenti minorenni, un uomo di origine marocchina e un 23enne spariti a un anno di distanza uno d'altro dopo il festival di musica techno che si tiene ogni anno nel forte Tembiè in Savoie, due giovani donne e infine altre persone su cui sono in corso ulteriori verifiche. Nessuna reazione per ora da parte dei difensori di Lelandais, in carcere dal 3 settembre.
Il caso Maelys
A giugno i funerali della piccola Maelys
A giugno i funerali della piccola Maelys
La Gendarmerie ha concluso gli accertamenti medico-legali sui resti della bimba uccisa da Nordhal Lelandais ad agosto. Il corpo restituito presto alla famiglia
"Maelys brutta, assassino grande uomo"
"Maelys brutta, assassino grande uomo"
Rischia dieci mesi di carcere un uomo di Sarreguemines (Mosella), scrisse sul suo profilo Fb che Maelys non meritava alcun rispetto e che il suo assassino invece sì. I genitori della bimba uccisa in aula
Nella vita dei killer tracce di altri omicidi
Nella vita dei killer tracce di altri omicidi
La cellula Ariane della Gendarmerie sta vivisezionando il passato di due possibili assassini seriali, Nordhal Lelandais e David Ramault, il killer della 13enne Angelique. Nuovi metodi d'indagine
Associazioni parte civile contro il killer di Maelys
Associazioni parte civile contro il killer di Maelys
Potrebbero accedere al cd delle indagini, tuttora segreto e i magistrati temono fughe di notizie sull'omicidio di Maeylis. Respinta anche l'istanza di "Innocence en Danger". Perplessità e polemiche
"Quel mostro che ha preso la tua vita..."
"Quel mostro che ha preso la tua vita..."
La madre e la zia di Maelys celebrano nel dolore il triste anniversario della morte della piccola. Lui intanto studia come evitare l'ergastolo. Un suo ex comandante: "Regge bene alla pressione, frutto dell'addestramento"
"Nono" implicato in un'altra misteriosa sparizione
"Nono" implicato in un
Il nome di un familiare di Eric Foray, 48 anni, un omosessuale sparito 18 mesi fa nella Drome era in un'agenda di Nordhal Lelandais. Subito aperto un nuovo fascicolo. Riaperte le indagini su altri 6 scomparsi
Arrestato l'ammiratore social dell'assassino
Arrestato l
Un uomo aveva dedicato un profilo Fb a Nordahl Lelandais: "Una grande persona da ammirare" e insulti alle sue vittime. Segnalato da internauti, arrestato dalla polizia
Scomparsi e uccisi un solo serial killer
Scomparsi e uccisi un solo serial killer
Vertice a Lione tra le famiglie di uomini e donne spariti per chiedere nuove indagini su Nordhal Lelandais, già reo confesso dei primi due omicidi. Riaperte le prime inchieste dall'unità Ariane della Gendarmerie
Le vittime del serial-killer vivono ancora nei social
Le vittime del serial-killer vivono ancora nei social
I genitori di Maelys e Arthur, uccisi da Nordhal Lelandais, affidano a Facebook immagini e messaggi commoventi rivolti ai loro cari. E la solidarietà diventa virale. I familiari dell'assassino: "E' malato". L'avvocato tace
"Non volevo uccidere Maelys"
"Non volevo uccidere Maelys"
Concluso l'interrogatorio a Grenoble dell'assassino che ha risposto per 6 ore alle domande dei procuratori. Nordhal Lelandais ha ribadito che fu "un incidente". Gli investigatori non gli credono. L'avvocato non parla