“4 ristoranti” e una polemica rovente

| Il titolare della Gourmetteria di Padova non ci sta: dopo la messa in onda della puntata in cui è arrivato ultimo, l’immagine del suo locale ne è uscita compromessa

+ Miei preferiti
Nulla è ancora deciso: manca ancora il mio voto, che potrebbe confermare o ribaltare il risultato”. Per i fans di “4 Ristoranti” è una delle frasi ricorrenti di Alessandro Borghese, quella che precede la proclamazione del vincitore. Format del programma televisivo tedesco “Mein lokal, dein lokal” in onda sul canale “Kabel eins”, mette di fronte quattro ristoratori, accomunati dalla stessa tipologia dell’offerta gastronomica, chiamati a dare un voto insieme a chef Borghese, su quattro parametri di valutazione: location, servizio, menù e conto finale. Chi vince conquista 5.000 euro da spendere obbligatoriamente in migliorie del locale. Un programma che anche in Italia ha conquistato un pubblico crescente, specie da quando è passato dalla programmazione di “Sky Uno” ai canali in chiaro “Cielo” e “TV8”.

Il piacere di chi guarda è scoprire cosa pensano uno dell’altro i vari ristoratori, le critiche - a volte esagerate - e le accuse su materie prime e “mise en place”. Ad ogni puntata un vincitore e tre sconfitti, che in qualche modo giovano della popolarità televisiva.

Tutto liscio dal 2015 a qualche giorno fa, quando Daniele Bovolato, proprietario della “Gourmetteria” di Padova, uno dei protagonisti di una puntata mandata in onda il 12 luglio, ha rotto l’incantesimo con accuse pensanti indirizzate alla “Drymedia”, casa di produzione del programma. “Sono stato criticato fin dal primo giorno: location che fa schifo, menù di scarsa qualità, servizio pessimo. A differenza di quanto scritto, il programma segue un copione già scritto e recitato”. Con 84 punti complessivi, la Gourmetteria si è classificata ultima, e secondo il proprietario, l’immagine del locale ne è uscita fortemente lesionata. “Non era mia intenzione vincere, volevo far conoscere la Gourmetteria e lo spirito che mi ha spinto ad aprirla - ha dichiarato Bovolato al “Mattino” di Padova - ma nel corso delle riprese mi inducevano in errore tirandomi dei tranelli. E quando mi lamentavo rispondevo che il programma fa un milione e 300mila spettatori e ne avrei avuto comunque beneficio”.

Immediata la replica di Fabrizio Ievolella, amministratore delegato di “Drymedia”: “Siamo giunti alla quarta edizione di ‘4 Ristoranti’ e il successo del programma si deve alla libertà dei partecipanti di esprimere i giudizi. Se questo ha disturbato il signor Bovolato ce ne dispiace, ma oltre 200 ristoratori si sono sottoposti al giudizio dei colleghi e anche chi è arrivato ultimo ha preso atto per trovare spunti di miglioramento e ha continuato la propria attività traendo vantaggio dalla visibilità acquisita”.

Alessandro Borghese, lo chef conduttore, si è limitato ad un “meme”: “Quando spieghi le regole del gioco e ci restano male se non vincono!”.

Italia
Quando su divorzio e aborto, il popolo era sovrano
Quando su divorzio e aborto, il popolo era sovrano
Il primo referendum in Italia risale al 1946 ma è dagli anni 70 che, con una lunga serie di quesiti abrogativi, sempre più spesso si ricorre a questo strumento elettorale. La disaffezione dei cittadini negli ultimi anni
Alitalia, proroga della cassa integrazione
Alitalia, proroga della cassa integrazione
Altri sei mesi, dal 24 marzo al 23 settembre, per 830 dipendenti della compagnia aerea di bandiera italiana. Sindacati alzano il livello di attenzione
Torino, il gelato No-ZTL
Torino, il gelato No-ZTL
Il gusto del tutto inedito è una delle sorprese di “Gelato a Primavera”, manifestazione per promuovere l’arte della gelateria cittadina. Ma anche per esprimere disappunto sui progetti della giunta Appendino
Ousseynou Sy, un giorno di ordinaria follia
Ousseynou Sy, un giorno di ordinaria follia
L’autista che ieri ha sequestrato e minacciato di morte 51 ragazzini delle medie accusato di tentata strage e terrorismo, anche se non sembra abbia legami con gruppi. Un uomo normale, perfettamente inserito
Chiusa l’inchiesta sui depistaggi del caso Cucchi
Chiusa l’inchiesta sui depistaggi del caso Cucchi
Otto ufficiali dei carabinieri accusati di vari reati, fra cui la manomissione della nota sullo stato di salute del giovane geometra romano. Soddisfazione della sorella Ilaria
Grillo (la ministra) e grillini NI VAX
Grillo (la ministra) e grillini NI VAX
Oggi in vigore la legge Lorenzin che impone l'obbligo dei vaccini a scolari e studenti, ma Grillo minaccia una nuova legge all'insegna "della scelta senza imposizioni". Puoi ammette: "C'è un'epidemia di morbillo"
La Tav è morta, viva la Tav
La Tav è morta, viva la Tav
Si rimanda a data da destinarsi, come da prassi, vietando a Telt di bloccare i capitolati di gara ma al tempo stesso autorizzandola a emettere avvisi per 2,3 miliardi di euro
Donne, quanto cammino ancora da fare
Donne, quanto cammino ancora da fare
Oggi la giornata dedicata alle donne, tempo di bilanci. Intervista al giurista Vincenzo Maltese. Dai conflitti familiari alle violenze di genere. Ancora discriminazioni
Elezioni Vercelli, l'ora del 'Lone Ranger'
Elezioni Vercelli, l
Luca Pedrale, candidato per una lista civica, ha commissionato un sondaggio alla Ghisleri con un risultato sorprendente: sbaraglierebbe gli avversati di tutte le formazioni. Scenari possibili anche a livello nazionale?
TAV, CONTE FA L'ARBITRO
TAV, CONTE FA L
Mentre a Roma Conte riunisce i suoi vice per un vertice (“non risolutivo”) sull’Alta Velocità, la Torino che vuole la Tav fa sentire la propria voce. Intervista a Fabrizio Ricca della Lega e Mino Giachino, promotore dei comitati Sì Tav