“4 ristoranti” e una polemica rovente

| Il titolare della Gourmetteria di Padova non ci sta: dopo la messa in onda della puntata in cui è arrivato ultimo, l’immagine del suo locale ne è uscita compromessa

+ Miei preferiti
Nulla è ancora deciso: manca ancora il mio voto, che potrebbe confermare o ribaltare il risultato”. Per i fans di “4 Ristoranti” è una delle frasi ricorrenti di Alessandro Borghese, quella che precede la proclamazione del vincitore. Format del programma televisivo tedesco “Mein lokal, dein lokal” in onda sul canale “Kabel eins”, mette di fronte quattro ristoratori, accomunati dalla stessa tipologia dell’offerta gastronomica, chiamati a dare un voto insieme a chef Borghese, su quattro parametri di valutazione: location, servizio, menù e conto finale. Chi vince conquista 5.000 euro da spendere obbligatoriamente in migliorie del locale. Un programma che anche in Italia ha conquistato un pubblico crescente, specie da quando è passato dalla programmazione di “Sky Uno” ai canali in chiaro “Cielo” e “TV8”.

Il piacere di chi guarda è scoprire cosa pensano uno dell’altro i vari ristoratori, le critiche - a volte esagerate - e le accuse su materie prime e “mise en place”. Ad ogni puntata un vincitore e tre sconfitti, che in qualche modo giovano della popolarità televisiva.

Tutto liscio dal 2015 a qualche giorno fa, quando Daniele Bovolato, proprietario della “Gourmetteria” di Padova, uno dei protagonisti di una puntata mandata in onda il 12 luglio, ha rotto l’incantesimo con accuse pensanti indirizzate alla “Drymedia”, casa di produzione del programma. “Sono stato criticato fin dal primo giorno: location che fa schifo, menù di scarsa qualità, servizio pessimo. A differenza di quanto scritto, il programma segue un copione già scritto e recitato”. Con 84 punti complessivi, la Gourmetteria si è classificata ultima, e secondo il proprietario, l’immagine del locale ne è uscita fortemente lesionata. “Non era mia intenzione vincere, volevo far conoscere la Gourmetteria e lo spirito che mi ha spinto ad aprirla - ha dichiarato Bovolato al “Mattino” di Padova - ma nel corso delle riprese mi inducevano in errore tirandomi dei tranelli. E quando mi lamentavo rispondevo che il programma fa un milione e 300mila spettatori e ne avrei avuto comunque beneficio”.

Immediata la replica di Fabrizio Ievolella, amministratore delegato di “Drymedia”: “Siamo giunti alla quarta edizione di ‘4 Ristoranti’ e il successo del programma si deve alla libertà dei partecipanti di esprimere i giudizi. Se questo ha disturbato il signor Bovolato ce ne dispiace, ma oltre 200 ristoratori si sono sottoposti al giudizio dei colleghi e anche chi è arrivato ultimo ha preso atto per trovare spunti di miglioramento e ha continuato la propria attività traendo vantaggio dalla visibilità acquisita”.

Alessandro Borghese, lo chef conduttore, si è limitato ad un “meme”: “Quando spieghi le regole del gioco e ci restano male se non vincono!”.

Italia
M5s, senatore Airola pronto a dimettersi
M5s, senatore Airola pronto a dimettersi
Il senatore NoTav e l'ex senatore Marco Scibona erano stati in prima fila contro il Tav Terzo Valico, ma ora Toninelli ha detto Sì alla grande opera. Accuse e minacce sul web: "Traditori e infami"
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Un memoriale a Nonantola, Modena, per ricordare l'aiuto della popolazione a 73 ragazzi ebrei salvati dai lager nazisti
Firenze, festa Capodanno ma senza peperoncino
Firenze, festa Capodanno ma senza peperoncino
Dopo gli incidenti in discoteca e a Torino, il sindaco Nardella vieta con un'ordinanza vieta lo spray al peperoncino per la notte del 31 dicembre con Baglioni, Baby K e Renga
Mense, Lodi costretta al dietro-front
Mense, Lodi costretta al dietro-front
Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso delle associazioni e impone al Comune di modificare il regolamento poiché "discriminatorio" nei confronti dei bimbi stranieri
Dal balcone alla delusione
Dal balcone alla delusione
La retromarcia del governo di fronte alla correzione della manovra richiesta da Bruxelles: un taglio di 7,5 miliardi di euro, con taglie a reddito di cittadinanza e quota 100
Spray urticante nelle scuole, una lunga scia di incoscienza
Spray urticante nelle scuole, una lunga scia di incoscienza
Non sono bastati i morti di piazza San Carlo, a Torino, e neanche quelli della discoteca di Corinaldo, per fermare la bravata di spruzzare spray urticante. Tutti gli episodi delle scuole italiane
Antisemitismo, strappate le pietre d'inciampo
Antisemitismo, strappate le pietre d
Gravissimo gesto, sparite le pietre d'inciampo che ricordano la Shoah a Roma, erano dedicate alla famiglia Di Consiglio, sterminata nei lager. Opera dell'artista Deminig, furono installate nel 2012. Segre: "Le rimetteremo"
No Tav a Torino
fare numeri chiamando rinforzi
No Tav a Torino<br>fare numeri chiamando rinforzi
Non potendo rischiare di essere uno in meno dei Sì Tav, la chiamata a raccolta di chiunque in Italia sia contro qualcosa. Alla fine 100mila per i No Tav, 25mila per i conteggi ufficiali
I tre criminali italiani più ricercati nel mondo
I tre criminali italiani più ricercati nel mondo
Dopo l'arresto del capo dell'ndrangheta Giuseppe Pelle, nella lista dei più ricercati del mondo Matteo Messina Denaro, Giovanni Motisi, Marco De Lauro e Attilio Cubeddu
La selvaggia lottizzazione giallo-verde
La selvaggia lottizzazione giallo-verde
Il ministro della Sanità Giulia Grillo, M5S, caccia anzitempo i componenti non allineati del Consiglio superiore di sanità. Mentre strillano al complotto, il neo-potere occupa tutte le poltrone ancora disponibili. Con effetti deleteri