Addio a “Magda”, la moglie disperata

| La ricordavano sempre per aver interpretato la moglie sull’orlo di una crisi di nervi di Furio, uno dei più divertenti personaggi di Carlo Verdone. Aveva origini russe e combatteva da tempo con la leucemia

+ Miei preferiti
Per tutti è sempre stata Magda, la sfigatissima moglie dall’accento piemontese di Furio, personaggio ideato da Carlo Verdone e reso celebre nel 1981 da “Bianco, Rosso e Verdone”. Magda subiva, correva a chiudersi nei bagni degli autogrill e ripeteva un mantra devastante: “Non ce la faccio più”. Una donna dagli occhi grandi e innocenti che aveva raggiunto il fondo della pazienza e non sapeva come reggere ancora un marito pedante, che pretendeva di calcolare tutto al secondo, compreso come sistemare sui sedili i due figli, Antonluca e Antongiulio, in modo da bilanciare i pesi. Nel finale del film, arrivava il riscatto: Magda lasciava marito e figlie per fuggire con un affascinante musicista

Nella realtà si chiamava Irina Sanpiter, era un’attrice russa di teatro, ed è morta questa mattina a 61 anni all’Ospedale Umberto I di Roma a causa di una leucemia con cui lottava da diverso tempo.

Nata a Mosca nel settembre del 1957, lavora in teatro fino al 1981, l’anno in cui Carlo Verdone, cabarettista al suo primo film per il cinema, la sceglie per affidarle il ruolo di Magda, la moglie depressa di Furio. A presentargliela, come ricorderà Verdone anni dopo, fu Sergio Leone, il suo mentore.

Per Irina, è l’occasione che le apre le porte alla carriera cinematografica in Italia: nel 1982 la vuole anche Ciro Ippolito in “Lacrime napulitane”. Due anni dopo si sposa con Toni Evangelisti e abbandona le scene per diventare un’organizzatrice di eventi rock. Atea, nel 1993 incontra Papa Giovanni Paolo II abbracciando la fede cattolica.

Scompare dalle scene alla fine degli Ottanta, quando scopre un linfoma che la costringe a continue trasfusioni.

Fra i messaggi di cordoglio proprio quello di Carlo Verdone, che non era al corrente della malattia di Irina, ricordando di averla incontrato lo scorso anno durante una rassegna cinematografica estiva.

Di quel film non è rimasto quasi nessuno, e questo mi deprime terribilmente. Ma il cinema, fortunatamente, ci 'ferma nel tempo, illudendoci di una certa immortalità. Magda sarà sempre nel mio cuore come una delle creazioni più riuscite: era sempre allegra, spiritosa, ironica. Grazie Irina per aver condiviso con me una bella commedia rimasta nel cuore di tanti spettatori. Ti ricorderò per sempre cara, dolce amica”.

Video
Galleria fotografica
Addio a “Magda”, la moglie disperata - immagine 1
Italia
Piersanti Mattarella liberò politica da mafia
Piersanti Mattarella liberò politica da mafia
La Sicilia, il governo, e le istituzioni ricordano il sacrificio, avvenuto 39 anni fa in via Libertà a Palermo, ad opera della mafia, del fratello del Presidente. Ucciso dai corleonesi con complicità mai chiarite
La mafia uccise Fava, ma fu per debolezza
La mafia uccise Fava, ma fu per debolezza
Il clan Santapaola di Catania, 35 anni, fece assassinare il giornalista Giuseppe Fava ma le sue denunce furono poi riprese dalle procure di Palermo e Catania
"Luca sparito? Doveva restare segreto"
"Luca sparito? Doveva restare segreto"
Il padre dell'architetto Luca Tacchetto, 30 anni, sparito il 15 dicembre nel Burkina Faso, è molto preoccupato. "C'è il rischio di pregiudicare le ricerche". Sparita anche la canadese Edith Blais. Ipotesi rapimento Isis, l'analisi
Edoardo Agnelli, quanto lontana è ancora la pace eterna
Edoardo Agnelli, quanto lontana è ancora la pace eterna
Non si spengono gli echi dei sospetti sulla morte a 46 anni, nel 2000, dello sfortunato rampollo di Casa Agnelli. Per gli iraniani non fu suicidio ma delitto. Ma mancano le prove. Per Radio1 è sempre "un mistero"
Di Maio ricoverato al Gemelli ma non è vero
Di Maio ricoverato al Gemelli ma non è vero
La notizia era comparsa per 24 secondi sul sito di Repubblica. Il direttore si è scusato con l'interessato e con i lettori. Tanto è bastato agli haters per esultare: "L'Italia è salva!", scrivevano nei post. Di Maio: "Faccio gli scongiuri"
Profughi Seawatch in Olanda
Profughi Seawatch in Olanda
Si sblocca la situazione dopo l'allarme lanciato dai medici sulle condizioni dei profughi a bordo della Ong Sea Watch accolta nella rada di Malta ma con il divieto di ormeggiare. Olanda accoglie profughi, compresi donne e bambini
"Controllerò i profughi di Palermo..."
"Controllerò i profughi di Palermo..."
Salvini contro il sindaco di Palermo che rifiuta di applicare le norme del decreto sicurezza varato dal governo giallo-verde. Lui tira dritto: "E' anti-costituzionale
La grande monnezza
La grande monnezza
L’ultimo affondo dell’anno verso l’abbandono di Roma è un regalo del New York Times. Una passeggiata per le vie della capitale del mondo, afflitta da tutti i mali possibili e passata attraverso una sequela di giunte incapaci
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio
babbo Boschi ecco babbo Di Battista
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio<br>babbo Boschi ecco babbo Di Battista
L'azienda del padre di "Dibba", lui però è socio, non paga i dipendenti e nemmeno la sorella. Poi debiti con banche, fornitori, lo Stato. Lo scrive Il Giornale. Lui va all'attacco: "Berlusconi, verrò di nuovo ad Arcore"
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Un memoriale a Nonantola, Modena, per ricordare l'aiuto della popolazione a 73 ragazzi ebrei salvati dai lager nazisti