Ancora un rally finito nel sangue

| Alessandro Pepe, compaesano di Marco Simoncelli, ha perso il controllo della sua A112 Abarth nel corso del "Rose'N Bowl", conosciuto rally sanmarinese

+ Miei preferiti

Si chiamava Alessandro, Pepe di cognome, era nato 43 anni fa a Coriano, lo stesso paese del "Sic", Marco Simoncelli, e anche lui se n'è andato troppo presto, inseguendo la passione per la velocità. L'ultima corsa di Alessandro, pilota per hobby, si è chiusa oggi alle 10.09, secondo il comunicato stampa ufficiale, durante "Le Tane", la terza prova speciale del "Rose'n Bowl", diciassettesima edizione di un rally su asfalto valido per il Campionato Sanmarinese e il Campionato Erms.

A tradirlo un dosso nel tratto finale della prova, in strada Val Giurata e Domagnano, che gli ha probabilmente fatto perdere il controllo della vettura, finita contro il muro di cinta di un'abitazione. Ma mentre per Alberto Ronci, il navigatore, l'impatto non ha avuto alcuna conseguenza, le condizioni di Alessandro sono apparse subito disperate: trasportato al pronto soccorso dell'ospedale di San Marino, è spirato alle 11.55 malgrado i tentativi dei medici di salvargli la vita.

Alessandro non era un pilota professionista, in settimana lavorava in un supermercato "Conad" di San Marino e nei week end amava correre nelle categorie riservate alle auto storiche con la sua A112 Abarth, piccola e potente compatta che ha fatto da palestra a intere generazioni di rallysti.

Una tragedia che arriva nemmeno un mese dalla morte del piccolo Aldo, travolto da una Skoda uscita fuori strada durante una prova speciale del Rally Città di Torino, per cui risultano nove indagati.

Italia
Chiusa l’inchiesta sui depistaggi del caso Cucchi
Chiusa l’inchiesta sui depistaggi del caso Cucchi
Otto ufficiali dei carabinieri accusati di vari reati, fra cui la manomissione della nota sullo stato di salute del giovane geometra romano. Soddisfazione della sorella Ilaria
Grillo (la ministra) e grillini NI VAX
Grillo (la ministra) e grillini NI VAX
Oggi in vigore la legge Lorenzin che impone l'obbligo dei vaccini a scolari e studenti, ma Grillo minaccia una nuova legge all'insegna "della scelta senza imposizioni". Puoi ammette: "C'è un'epidemia di morbillo"
La Tav è morta, viva la Tav
La Tav è morta, viva la Tav
Si rimanda a data da destinarsi, come da prassi, vietando a Telt di bloccare i capitolati di gara ma al tempo stesso autorizzandola a emettere avvisi per 2,3 miliardi di euro
Donne, quanto cammino ancora da fare
Donne, quanto cammino ancora da fare
Oggi la giornata dedicata alle donne, tempo di bilanci. Intervista al giurista Vincenzo Maltese. Dai conflitti familiari alle violenze di genere. Ancora discriminazioni
Elezioni Vercelli, l'ora del 'Lone Ranger'
Elezioni Vercelli, l
Luca Pedrale, candidato per una lista civica, ha commissionato un sondaggio alla Ghisleri con un risultato sorprendente: sbaraglierebbe gli avversati di tutte le formazioni. Scenari possibili anche a livello nazionale?
TAV, CONTE FA L'ARBITRO
TAV, CONTE FA L
Mentre a Roma Conte riunisce i suoi vice per un vertice (“non risolutivo”) sull’Alta Velocità, la Torino che vuole la Tav fa sentire la propria voce. Intervista a Fabrizio Ricca della Lega e Mino Giachino, promotore dei comitati Sì Tav
Orune, agguato in armi alla cisterna
Orune, agguato in armi alla cisterna
Uomini incappucciati bloccano autocisterna e, sotto la minaccia delle armi, costringono l'autista a versare il latte in strada. Dieci pastori denunciati per blocchi stradali. Tensione nel giorno delle elezioni
Sanità, Formigoni va in carcere
Sanità, Formigoni va in carcere
Dopo la condanna in giudicato di 5 anni e 10 mesi, il provvedimento eseguito dai carabinieri. L'ex governatore della Lombardia, il cui sistema sanitario è tra i migliori d'Europa, accusato di aver favorito aziende in cambio di favori
Condannato il figlio di Giovanni Rana
Condannato il figlio di Giovanni Rana
La Cassazione ha ribadito la condanna al risarcimento di un ex manager omosessuale definito “finocchio” sul posto di lavoro
"Nord Corea 007? Non c'entriamo nulla"
"Nord Corea 007? Non c
La figlia del diplomatico in fuga avrebbe scelto volontariamente di rientrare in patria per "vedere i nonni". Salvini non risponderà alle interrogazioni del