Ancora un rally finito nel sangue

| Alessandro Pepe, compaesano di Marco Simoncelli, ha perso il controllo della sua A112 Abarth nel corso del "Rose'N Bowl", conosciuto rally sanmarinese

+ Miei preferiti

Si chiamava Alessandro, Pepe di cognome, era nato 43 anni fa a Coriano, lo stesso paese del "Sic", Marco Simoncelli, e anche lui se n'è andato troppo presto, inseguendo la passione per la velocità. L'ultima corsa di Alessandro, pilota per hobby, si è chiusa oggi alle 10.09, secondo il comunicato stampa ufficiale, durante "Le Tane", la terza prova speciale del "Rose'n Bowl", diciassettesima edizione di un rally su asfalto valido per il Campionato Sanmarinese e il Campionato Erms.

A tradirlo un dosso nel tratto finale della prova, in strada Val Giurata e Domagnano, che gli ha probabilmente fatto perdere il controllo della vettura, finita contro il muro di cinta di un'abitazione. Ma mentre per Alberto Ronci, il navigatore, l'impatto non ha avuto alcuna conseguenza, le condizioni di Alessandro sono apparse subito disperate: trasportato al pronto soccorso dell'ospedale di San Marino, è spirato alle 11.55 malgrado i tentativi dei medici di salvargli la vita.

Alessandro non era un pilota professionista, in settimana lavorava in un supermercato "Conad" di San Marino e nei week end amava correre nelle categorie riservate alle auto storiche con la sua A112 Abarth, piccola e potente compatta che ha fatto da palestra a intere generazioni di rallysti.

Una tragedia che arriva nemmeno un mese dalla morte del piccolo Aldo, travolto da una Skoda uscita fuori strada durante una prova speciale del Rally Città di Torino, per cui risultano nove indagati.

Italia
Piersanti Mattarella liberò politica da mafia
Piersanti Mattarella liberò politica da mafia
La Sicilia, il governo, e le istituzioni ricordano il sacrificio, avvenuto 39 anni fa in via Libertà a Palermo, ad opera della mafia, del fratello del Presidente. Ucciso dai corleonesi con complicità mai chiarite
La mafia uccise Fava, ma fu per debolezza
La mafia uccise Fava, ma fu per debolezza
Il clan Santapaola di Catania, 35 anni, fece assassinare il giornalista Giuseppe Fava ma le sue denunce furono poi riprese dalle procure di Palermo e Catania
"Luca sparito? Doveva restare segreto"
"Luca sparito? Doveva restare segreto"
Il padre dell'architetto Luca Tacchetto, 30 anni, sparito il 15 dicembre nel Burkina Faso, è molto preoccupato. "C'è il rischio di pregiudicare le ricerche". Sparita anche la canadese Edith Blais. Ipotesi rapimento Isis, l'analisi
Edoardo Agnelli, quanto lontana è ancora la pace eterna
Edoardo Agnelli, quanto lontana è ancora la pace eterna
Non si spengono gli echi dei sospetti sulla morte a 46 anni, nel 2000, dello sfortunato rampollo di Casa Agnelli. Per gli iraniani non fu suicidio ma delitto. Ma mancano le prove. Per Radio1 è sempre "un mistero"
Di Maio ricoverato al Gemelli ma non è vero
Di Maio ricoverato al Gemelli ma non è vero
La notizia era comparsa per 24 secondi sul sito di Repubblica. Il direttore si è scusato con l'interessato e con i lettori. Tanto è bastato agli haters per esultare: "L'Italia è salva!", scrivevano nei post. Di Maio: "Faccio gli scongiuri"
Profughi Seawatch in Olanda
Profughi Seawatch in Olanda
Si sblocca la situazione dopo l'allarme lanciato dai medici sulle condizioni dei profughi a bordo della Ong Sea Watch accolta nella rada di Malta ma con il divieto di ormeggiare. Olanda accoglie profughi, compresi donne e bambini
"Controllerò i profughi di Palermo..."
"Controllerò i profughi di Palermo..."
Salvini contro il sindaco di Palermo che rifiuta di applicare le norme del decreto sicurezza varato dal governo giallo-verde. Lui tira dritto: "E' anti-costituzionale
La grande monnezza
La grande monnezza
L’ultimo affondo dell’anno verso l’abbandono di Roma è un regalo del New York Times. Una passeggiata per le vie della capitale del mondo, afflitta da tutti i mali possibili e passata attraverso una sequela di giunte incapaci
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio
babbo Boschi ecco babbo Di Battista
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio<br>babbo Boschi ecco babbo Di Battista
L'azienda del padre di "Dibba", lui però è socio, non paga i dipendenti e nemmeno la sorella. Poi debiti con banche, fornitori, lo Stato. Lo scrive Il Giornale. Lui va all'attacco: "Berlusconi, verrò di nuovo ad Arcore"
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Un memoriale a Nonantola, Modena, per ricordare l'aiuto della popolazione a 73 ragazzi ebrei salvati dai lager nazisti