Azzurre di fatto, bianche per lo sponsor

| Riflessione a freddo su razzismo e dintorni. È diventata un caso la sparizione delle due pallavoliste di colore artefici dell’argento conquistato a Yokohama. Sommossa dei social, ma l’azienda respinge ogni accusa

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Farà anche fare “plin plin”, ma questa volta ha fatto “splash”. È meglio buttarla sull’ironia, perché la vicenda dell’acqua “Uliveto” rischia di aggiungersi a dati preoccupanti, che raccontano di una deriva razzista presa da questo paese. Contando male e in fretta, almeno dieci episodi in meno di due settimane: dal panettiere senegalese pestato a Sondrio alla donna africana menata in un parcheggio della Capitale, per finire con il senegalese cacciato al fondo di un bus a Trento, perché “di un altro colore”.

Ma la vicenda Uliveto fa male lo stesso, a questo paese e allo sport, perché di quello dovrebbe trattarsi, in fondo.

Tutto parte dall’argento mondiale conquistato a Yokohama dalle ragazze del Volley dopo una cavalcata entusiasmante, infranta solo di fronte all’esperienza e il carattere della formazione serba. Un argento che ha inorgoglito l’Italia intera, schierata in modo compatto dalla parte di una formazione giovane, che ha le carte in regola per fare bene al prossimo appuntamento olimpico. Fino a qui cose di sport, da liquidare a cavallo del week-end, fra il primo pareggio della Juve e Marquez campione del mondo MotoGp.

Ma purtroppo non è così: all’indomani dell’argento dell’Italvolley femminile, Uliveto - sponsor della Nazionale azzurra - ha pubblicato sui vari quotidiani una pubblicità con cui ringrazia la squadra, ricordando che anche le campionesse bevono Uliveto. O forse la bevevano, non si sa.

Il problema sta tutto in un dettaglio: nell’immagine delle ragazze azzurre, mancano all’appello Paola Egonu e Miriam Sylla, le due atlete di colore, casualmente coperte dalla gigantografia della bottiglia dell’acqua che piace anche a Del Piero e all’uccellino amico suo.

L’immagine pare sia stata pescata dall’archivio, e non si riferisce alla finale di Yokohama, ma la sparizione delle due atlete di colore ha scatenato i social, dividendoli equamente in due: da una parte chi è convinto si tratti di un esempio di caso e sfortuna, dall’altro chi pensa sia una neanche tanto velata questione di razzismo.

La “Uliveto”, azienda del gruppo “Cogedi”, rimanda al mittente ogni accusa: il direttore marketing Patrizio Catalano Gongaza parla di assoluta casualità, aggiungendo che le foto utilizzate nella pubblicità e nella comunicazione sono in realtà scelte dalla stessa Federazione Italiana Volley.

Ma era ormai troppo tardi: la gogna dei social, dove i processi si giudicano per direttissima, aveva già fatto partire la propria macchina di fango e fumo: meme, ironie, fotomontaggi e anatemi di ogni tipo verso l’acqua.

Dove stia di casa la verità è difficile dirlo con certezza, ma in fondo si tratta sempre di acqua che passa, va ed evapora. Speriamo.

Italia
Piersanti Mattarella liberò politica da mafia
Piersanti Mattarella liberò politica da mafia
La Sicilia, il governo, e le istituzioni ricordano il sacrificio, avvenuto 39 anni fa in via Libertà a Palermo, ad opera della mafia, del fratello del Presidente. Ucciso dai corleonesi con complicità mai chiarite
La mafia uccise Fava, ma fu per debolezza
La mafia uccise Fava, ma fu per debolezza
Il clan Santapaola di Catania, 35 anni, fece assassinare il giornalista Giuseppe Fava ma le sue denunce furono poi riprese dalle procure di Palermo e Catania
"Luca sparito? Doveva restare segreto"
"Luca sparito? Doveva restare segreto"
Il padre dell'architetto Luca Tacchetto, 30 anni, sparito il 15 dicembre nel Burkina Faso, è molto preoccupato. "C'è il rischio di pregiudicare le ricerche". Sparita anche la canadese Edith Blais. Ipotesi rapimento Isis, l'analisi
Edoardo Agnelli, quanto lontana è ancora la pace eterna
Edoardo Agnelli, quanto lontana è ancora la pace eterna
Non si spengono gli echi dei sospetti sulla morte a 46 anni, nel 2000, dello sfortunato rampollo di Casa Agnelli. Per gli iraniani non fu suicidio ma delitto. Ma mancano le prove. Per Radio1 è sempre "un mistero"
Di Maio ricoverato al Gemelli ma non è vero
Di Maio ricoverato al Gemelli ma non è vero
La notizia era comparsa per 24 secondi sul sito di Repubblica. Il direttore si è scusato con l'interessato e con i lettori. Tanto è bastato agli haters per esultare: "L'Italia è salva!", scrivevano nei post. Di Maio: "Faccio gli scongiuri"
Profughi Seawatch in Olanda
Profughi Seawatch in Olanda
Si sblocca la situazione dopo l'allarme lanciato dai medici sulle condizioni dei profughi a bordo della Ong Sea Watch accolta nella rada di Malta ma con il divieto di ormeggiare. Olanda accoglie profughi, compresi donne e bambini
"Controllerò i profughi di Palermo..."
"Controllerò i profughi di Palermo..."
Salvini contro il sindaco di Palermo che rifiuta di applicare le norme del decreto sicurezza varato dal governo giallo-verde. Lui tira dritto: "E' anti-costituzionale
La grande monnezza
La grande monnezza
L’ultimo affondo dell’anno verso l’abbandono di Roma è un regalo del New York Times. Una passeggiata per le vie della capitale del mondo, afflitta da tutti i mali possibili e passata attraverso una sequela di giunte incapaci
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio
babbo Boschi ecco babbo Di Battista
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio<br>babbo Boschi ecco babbo Di Battista
L'azienda del padre di "Dibba", lui però è socio, non paga i dipendenti e nemmeno la sorella. Poi debiti con banche, fornitori, lo Stato. Lo scrive Il Giornale. Lui va all'attacco: "Berlusconi, verrò di nuovo ad Arcore"
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Un memoriale a Nonantola, Modena, per ricordare l'aiuto della popolazione a 73 ragazzi ebrei salvati dai lager nazisti