CAMPI ROM I VELENI UCCIDONO

| La drammatica storia di Franco. Ha scoperto di avere un brutto male, e sospetta sia frutto di vent'anni passati a ripulire i roghi dei campi Rom

+ Miei preferiti

DI GERMANO LONGO
Lo chiamiamo Franco, anche se non è il suo vero nome. Ha scelto lui di fare così, perché sui giornali non ci vuole finire, e neanche gli piace che la gente sappia i fatti suoi. Franco ha 64, cinque figli, una manciata di nipoti e un brutto male ai polmoni, scoperto qualche mese fa. L'accento del sud gli è rimasto forte, e viene fuori ancora di più quando il tono di voce si scalda.


"Ho lavorato ogni giorno per vent'anni, dal 1997, presso i più grandi campi nomadi di Torino: prima in strada dell'Arrivore, quindi in via Germagnano e per finire in strada Aeroporto. Lavoravo per cooperative che avevano l'appalto delle pulizie dei campi, e per vent'anni ho visto bruciare qualsiasi cosa: dalle gomme agli elettrodomestici, dalle auto ai mobili, perfino l'amianto. Tutta roba che produceva un fumo acre, che noi respiravamo pulendo quel che restava dei roghi".

Per completezza di cronaca è giusto precisare che al momento non esistono prove mediche che colleghino in modo certo il male di Franco con l'attività svolta per così tanti anni, ma semplicemente dei sospetti: "Un mio collega è morto poco tempo fa e un altro lo scorso anno: era appena andato in pensione, ma non ce l'ha fatta a godersela. Io sono stato operato una prima volta alla testa per togliere un tumore, poi mi hanno trovato un'altra macchia ai polmoni. E ora non so".

L'abitudine ai roghi

È risaputo: per limitare il tanfo e scongiurare la presenza dei ratti, i Rom hanno l'abitudine di bruciare i propri rifiuti. Ma per aziende senza scrupoli, un campo rom è da sempre il posto migliore dove sversare illecitamente cose che nessuno vuole. Cose di cui nessuno parla ma che sono ben piantati nella coscienza comune, tanto da portare alle vivaci proteste di fine maggio degli abitanti di corso Vercelli, a nord di Torino, scesi in piazza per dire basta alle nubi nere e pesanti create dai roghi dei campi nomadi di via Reiss Romoli e strada dell'Aeroporto. "Non sappiamo cosa stiamo respirando" dicevano quasi in coro. E avevano ragione: forse non lo sa nessuno.

Italia
Piersanti Mattarella liberò politica da mafia
Piersanti Mattarella liberò politica da mafia
La Sicilia, il governo, e le istituzioni ricordano il sacrificio, avvenuto 39 anni fa in via Libertà a Palermo, ad opera della mafia, del fratello del Presidente. Ucciso dai corleonesi con complicità mai chiarite
La mafia uccise Fava, ma fu per debolezza
La mafia uccise Fava, ma fu per debolezza
Il clan Santapaola di Catania, 35 anni, fece assassinare il giornalista Giuseppe Fava ma le sue denunce furono poi riprese dalle procure di Palermo e Catania
"Luca sparito? Doveva restare segreto"
"Luca sparito? Doveva restare segreto"
Il padre dell'architetto Luca Tacchetto, 30 anni, sparito il 15 dicembre nel Burkina Faso, è molto preoccupato. "C'è il rischio di pregiudicare le ricerche". Sparita anche la canadese Edith Blais. Ipotesi rapimento Isis, l'analisi
Edoardo Agnelli, quanto lontana è ancora la pace eterna
Edoardo Agnelli, quanto lontana è ancora la pace eterna
Non si spengono gli echi dei sospetti sulla morte a 46 anni, nel 2000, dello sfortunato rampollo di Casa Agnelli. Per gli iraniani non fu suicidio ma delitto. Ma mancano le prove. Per Radio1 è sempre "un mistero"
Di Maio ricoverato al Gemelli ma non è vero
Di Maio ricoverato al Gemelli ma non è vero
La notizia era comparsa per 24 secondi sul sito di Repubblica. Il direttore si è scusato con l'interessato e con i lettori. Tanto è bastato agli haters per esultare: "L'Italia è salva!", scrivevano nei post. Di Maio: "Faccio gli scongiuri"
Profughi Seawatch in Olanda
Profughi Seawatch in Olanda
Si sblocca la situazione dopo l'allarme lanciato dai medici sulle condizioni dei profughi a bordo della Ong Sea Watch accolta nella rada di Malta ma con il divieto di ormeggiare. Olanda accoglie profughi, compresi donne e bambini
"Controllerò i profughi di Palermo..."
"Controllerò i profughi di Palermo..."
Salvini contro il sindaco di Palermo che rifiuta di applicare le norme del decreto sicurezza varato dal governo giallo-verde. Lui tira dritto: "E' anti-costituzionale
La grande monnezza
La grande monnezza
L’ultimo affondo dell’anno verso l’abbandono di Roma è un regalo del New York Times. Una passeggiata per le vie della capitale del mondo, afflitta da tutti i mali possibili e passata attraverso una sequela di giunte incapaci
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio
babbo Boschi ecco babbo Di Battista
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio<br>babbo Boschi ecco babbo Di Battista
L'azienda del padre di "Dibba", lui però è socio, non paga i dipendenti e nemmeno la sorella. Poi debiti con banche, fornitori, lo Stato. Lo scrive Il Giornale. Lui va all'attacco: "Berlusconi, verrò di nuovo ad Arcore"
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Un memoriale a Nonantola, Modena, per ricordare l'aiuto della popolazione a 73 ragazzi ebrei salvati dai lager nazisti