CAMPI ROM I VELENI UCCIDONO

| La drammatica storia di Franco. Ha scoperto di avere un brutto male, e sospetta sia frutto di vent'anni passati a ripulire i roghi dei campi Rom

+ Miei preferiti

DI GERMANO LONGO
Lo chiamiamo Franco, anche se non è il suo vero nome. Ha scelto lui di fare così, perché sui giornali non ci vuole finire, e neanche gli piace che la gente sappia i fatti suoi. Franco ha 64, cinque figli, una manciata di nipoti e un brutto male ai polmoni, scoperto qualche mese fa. L'accento del sud gli è rimasto forte, e viene fuori ancora di più quando il tono di voce si scalda.


"Ho lavorato ogni giorno per vent'anni, dal 1997, presso i più grandi campi nomadi di Torino: prima in strada dell'Arrivore, quindi in via Germagnano e per finire in strada Aeroporto. Lavoravo per cooperative che avevano l'appalto delle pulizie dei campi, e per vent'anni ho visto bruciare qualsiasi cosa: dalle gomme agli elettrodomestici, dalle auto ai mobili, perfino l'amianto. Tutta roba che produceva un fumo acre, che noi respiravamo pulendo quel che restava dei roghi".

Per completezza di cronaca è giusto precisare che al momento non esistono prove mediche che colleghino in modo certo il male di Franco con l'attività svolta per così tanti anni, ma semplicemente dei sospetti: "Un mio collega è morto poco tempo fa e un altro lo scorso anno: era appena andato in pensione, ma non ce l'ha fatta a godersela. Io sono stato operato una prima volta alla testa per togliere un tumore, poi mi hanno trovato un'altra macchia ai polmoni. E ora non so".

L'abitudine ai roghi

È risaputo: per limitare il tanfo e scongiurare la presenza dei ratti, i Rom hanno l'abitudine di bruciare i propri rifiuti. Ma per aziende senza scrupoli, un campo rom è da sempre il posto migliore dove sversare illecitamente cose che nessuno vuole. Cose di cui nessuno parla ma che sono ben piantati nella coscienza comune, tanto da portare alle vivaci proteste di fine maggio degli abitanti di corso Vercelli, a nord di Torino, scesi in piazza per dire basta alle nubi nere e pesanti create dai roghi dei campi nomadi di via Reiss Romoli e strada dell'Aeroporto. "Non sappiamo cosa stiamo respirando" dicevano quasi in coro. E avevano ragione: forse non lo sa nessuno.

Italia
Blitz sulla Nivin, profughi picchiati
Blitz sulla Nivin, profughi picchiati
I marinai della Guadia Costiera libica costringono i profughi a lasciare la nave dove si erano barricati da giorni. Ci sono feriti
No Tav, mobilitazione globale via social
No Tav, mobilitazione globale via social
L'8 dicembre a Torino non ci sarà solo il movimento No Tav ma No Muos, No Tap, No Tav di Brescia, Trento, Firenze, Terzo Valico, No F-35. Anche attivisti europei. Il vice-sindaco di Torino con fascia tricolore. Violenti in prima fila
castigato dai giudici'>L'ex nunzio ultra-moralizzatore
castigato dai giudici
Lcastigato dai giudici' class='article_img2'>
L'arcivescovo Carlo Maria Viganò,il severo accusatore di Papa Francesco, condannato in primo grado a versare metà dell'eredità al fratello don Lorenzo, pure disabile. Storia di fratelli-coltelli finita in Tribunale. Somme ingenti
40000 contro Di Maio e Toninelli
40000 contro Di Maio e Toninelli
La rivolta gentile, senza odio e minacce, senza i teppisti dei centri sociali, scuote l'anima di Torino. Migliaia di cittadini, anche con la Lega, in piazza Castello, per salvare la Tav da grillini e ideologi del NO
La rivolta pacifica contro la decrescita infelice
La rivolta pacifica contro la decrescita infelice
La manifestazione oggi in piazza Castello (ore 11) a Torino, di fronte alla Regione con tutte le categorie produttive e sindacali del Piemonte per salvare l'Alta Velocità dal trio Di Maio-Toninelli-Grillo
Milano, bus al posto dei treni vuoti
Milano, bus al posto dei treni vuoti
Proposta choc di Trenord alla Regione Lombardia: eliminare le linee con pochi passeggeri. Penalizzate le piccole comunità. "Riguarda solo l'1% degli utenti, un modo per risparmiare"
Il sacrificio di Lele e la memoria corta
Il sacrificio di Lele e la memoria corta
Mentre infuria il caso Cucchi, muore intanto un altro carabiniere in servizio, travolto da un treno. Doveva arrestare un rapinatore che cercava di fuggire. E sullo sfondo la scarsa attenzione dello Stato nei confronti dell'Arma
Il gran finale della black week di Anonymous
Il gran finale della black week di Anonymous
Violati i sistemi di sicurezza informatica di enti pubblici e partiti politici, diffusi migliaia di dati sensibili di dipendenti e tesserati. La conclusione della settimana nera promessa con largo anticipo
Prescrizione, governo ancora in affanno
Prescrizione, governo ancora in affanno
Il ministro grillino Bonafede non "arretra di un millimetro" ma Salvini insiste: "Le riforme non si fanno con gli emendamenti"
Catanzaro e Vibo Valentia, sfonda il centro-destra
Catanzaro e Vibo Valentia, sfonda il centro-destra
Abramo e Solano sono i nuovi presidenti delle Province. Battuti i candidati Dem. Grillini non pervenuti