Cantare in auto, una mano santa

| Riduce lo stress, aumenta la produzione di endorfine e il livello del buon umore. Lo dicono alcune ricerche scientifiche e lo conferma Nissan, che ha sondato fra le abitudini degli italiani

+ Miei preferiti
Su, dai: alzi la mano chi non ha mai cantato in macchina. Magari in autostrada, e meglio ancora se da soli, ma cantare nel chiuso dell’abitacolo è una di quelle tentazioni irresistibili che accomuna il genere umano, in una playlist ideale che va da “Grazie dei fiori” a “Despacito”. Dipende dai gusti.

Bene, secondo un paio di indagini divulgate proprio in questi giorni, la prima pubblicata sulle serissime pagine di “Frontiers in Psychology” e l’altra su quelle altrettanto prestigiose del “Journal of Behavioral Medicine”, cantare in auto fa bene, riduce lo stress, aumenta la sensazione di buon umore e provoca nell’organismo effetti che potrebbero addirittura essere paragonabili al rilassamento dello Yoga. Lo conferma un'altra indagine, realizzata dall’Università di Goteborg, in Svezia, che conferma la teoria: cantare aumenta la produzione di endorfine e ossitocina.

Da qui nasce un’altra iniziativa, questa volta firmata “Nissan” e creata per accompagnare il lancio sul mercato di una “Micra” pensata per le “ugole da città”, dotata di un un potente impianto Bose. A 2.500 italiani fra i 20 ed i 55 anni, interpellati via web, è stata chiesta l’opinione sull’abitudine di cantare in macchina. I risultati sono sorprendenti: per quasi un italiano su due, il 49%, cantare in macchina significa ritrovare il buon umore, per il 46% allenta lo stress e per il 38% aiuta non poco ad affrontare il traffico. Potendo, meglio cantare in compagnia (25%), anche se il 21% ammette l’esibizione solista.

Due parole sui generi, che vanno dalle hit più recenti (25%) ai classici del rock (23%), seguiti da hip-hop e rap a dividersi il 19%.

L’ultima nota sull’atteggiamento: solo il 16% preferisce limitare la performance a quando è in marcia, evitando di farlo durante le soste, mentre tutti gli altri se ne infischiano bellamente degli sguardi che arrivano dalle altre auto.

Italia
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio
babbo Boschi ecco babbo Di Battista
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio<br>babbo Boschi ecco babbo Di Battista
L'azienda del padre di "Dibba", lui però è socio, non paga i dipendenti e nemmeno la sorella. Poi debiti con banche, fornitori, lo Stato. Lo scrive Il Giornale. Lui va all'attacco: "Berlusconi, verrò di nuovo ad Arcore"
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Un memoriale a Nonantola, Modena, per ricordare l'aiuto della popolazione a 73 ragazzi ebrei salvati dai lager nazisti
Firenze, festa Capodanno ma senza peperoncino
Firenze, festa Capodanno ma senza peperoncino
Dopo gli incidenti in discoteca e a Torino, il sindaco Nardella vieta con un'ordinanza vieta lo spray al peperoncino per la notte del 31 dicembre con Baglioni, Baby K e Renga
M5s, senatore Airola pronto a dimettersi
M5s, senatore Airola pronto a dimettersi
Il senatore NoTav e l'ex senatore Marco Scibona erano stati in prima fila contro il Tav Terzo Valico, ma ora Toninelli ha detto Sì alla grande opera. Accuse e minacce sul web: "Traditori e infami"
Mense, Lodi costretta al dietro-front
Mense, Lodi costretta al dietro-front
Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso delle associazioni e impone al Comune di modificare il regolamento poiché "discriminatorio" nei confronti dei bimbi stranieri
Dal balcone alla delusione
Dal balcone alla delusione
La retromarcia del governo di fronte alla correzione della manovra richiesta da Bruxelles: un taglio di 7,5 miliardi di euro, con taglie a reddito di cittadinanza e quota 100
Spray urticante nelle scuole, una lunga scia di incoscienza
Spray urticante nelle scuole, una lunga scia di incoscienza
Non sono bastati i morti di piazza San Carlo, a Torino, e neanche quelli della discoteca di Corinaldo, per fermare la bravata di spruzzare spray urticante. Tutti gli episodi delle scuole italiane
Antisemitismo, strappate le pietre d'inciampo
Antisemitismo, strappate le pietre d
Gravissimo gesto, sparite le pietre d'inciampo che ricordano la Shoah a Roma, erano dedicate alla famiglia Di Consiglio, sterminata nei lager. Opera dell'artista Deminig, furono installate nel 2012. Segre: "Le rimetteremo"
No Tav a Torino
fare numeri chiamando rinforzi
No Tav a Torino<br>fare numeri chiamando rinforzi
Non potendo rischiare di essere uno in meno dei Sì Tav, la chiamata a raccolta di chiunque in Italia sia contro qualcosa. Alla fine 100mila per i No Tav, 25mila per i conteggi ufficiali
I tre criminali italiani più ricercati nel mondo
I tre criminali italiani più ricercati nel mondo
Dopo l'arresto del capo dell'ndrangheta Giuseppe Pelle, nella lista dei più ricercati del mondo Matteo Messina Denaro, Giovanni Motisi, Marco De Lauro e Attilio Cubeddu