Carceri italiane sempre più pericolose "Colpa anche del permissivismo"

| Denuncia del sindacato Osapp dopo una serie di gravi episodi, dalle evasioni ai suicidi, sino all'aggressione di Vallanzasca a un agente

+ Miei preferiti
Suicidi, evasioni, Vallanzasca che aggredisce gli agenti, circolari del governo (obbligo di portare l'arma individuale anche fuori servizio dopo i fatti di Barcellona) contestate dai sindacati. Ma che succede nelle carceri italiane? E' in atto una spaccatura profonda tra operatori e Dap, il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria. Sempre più profonda. A Saluzzo muore impiccato un narcotrafficante del quartiere Brancaccio di Palermo, Fabio C. Gli agenti lo avevano soccorso immediatamente, ma ha cessato di vivere due giorni dopo in ospedale. Se ci fosse più personale, forse, episodi come questo potrebbero essere evitati.  E non si sono ancora spenti del tutto gli echi legati alle ultime evasioni, da Johnny lo Zingaro (poi catturato dalla polizia), evaso da Fossano e ripreso con la sua fidanzata a Siena. Poi altre fughe, anche da parte di reclusi del carcere minorile. Dinamica sempre eguale. Uomini e donne che non rientrano dai permessi accordati dai giudici di sorveglianza.
VALLANZASCA RELOAD

Ma è l'episodio di cui è protagonista l'ex boss della Comasina (Milano Anni '80, tra delitti, sequestri di persona, poliziotti uccisi) Renato Vallanzasca a dare il senso a un diffuso malumore tra gli agenti della polizia penitenziaria. Ne spiega le ragioni il segretario generale Osapp Leo Beneduci: "Nel carcere-modello d'Italia, un'aggressione in piena regola da parte di un detenuto che almeno per il passato, modello non è stato. Renato Vallanzasca, detenuto nel carcere di Milano Bollate ha aggredito (pochi giorni fa, alle 10,30 di una mattina qualsiasi, ndr) un agente di polizia penitenziaria in servizio nel settore dove i detenuti effettuano i colloqui con i propri familiari chiamato ‘Area verde'. Durante un controllo di routine, Vallanzasca avrebbe inveito contro il poliziotto penitenziario, scagliando contro quest'ultimo la borsa che aveva con sé e il contenuto in essa presente, colpendo l'agente ad una gamba. Attimi di tensione, quindi, in un settore ove vi erano altri familiari ed altri detenuti, con le conseguenze che ben si possono immaginare. L'agente ha dovuto lasciare il servizio". 

Commenti amari: "E così, anche nel cosiddetto carcere modello, constatiamo una aggressione in danno di un agente da parte di Vallanzasca, il quale, con la solita spavalderia, ha dato modo di parlare di sé, dimostrando il disprezzo per il lavoro che gli agenti e gli operatori in un istituto devono fare".
UN SISTEMA CHE NON FUNZIONA


Insomma, qualcosa non funziona. E non da ieri: "Il caso Vallanzasca è la ennesima dimostrazione tangibile di come il modello ‘custodiale' della sorveglianza dinamica stia dimostrando limiti sempre più evidenti, attesa la totale mancanza di regole che si traduce in episodi pregiudizievoli per l'ordine e la disciplina che quotidianamente come sindacato denunciamo". La sorveglianza dinamica vuol dire, semplicemente, che gli operatori sono così pochi da essere costretti ad evitare i controlli diretti e continui, per lasciare posto a una specie di sorveglianza occasionale, con tempi distanziati da un intervento all'altro. Per esempio, la pattuglia che svolge, secondo orari precisi, il controllo dei muri di cinta esterni. "Non siamo aprioristicamente contro la sorveglianza dinamica, ma se il Dap sostiene che con questa sorveglianza le aggressioni diminuiscono, smentendo la realtà dei fatti, evidentemente l'avvicendamento dei vertici assume carattere d'urgenza, visto lo stato delle carceri in Italia". Conclude Beneduci: "Non si può confondere dignità dell'esecuzione penale, della quale siamo fermamente convinti, e permissivismo quando accadono fatti gravissimi".

Italia
Chiusa l’inchiesta sui depistaggi del caso Cucchi
Chiusa l’inchiesta sui depistaggi del caso Cucchi
Otto ufficiali dei carabinieri accusati di vari reati, fra cui la manomissione della nota sullo stato di salute del giovane geometra romano. Soddisfazione della sorella Ilaria
Grillo (la ministra) e grillini NI VAX
Grillo (la ministra) e grillini NI VAX
Oggi in vigore la legge Lorenzin che impone l'obbligo dei vaccini a scolari e studenti, ma Grillo minaccia una nuova legge all'insegna "della scelta senza imposizioni". Puoi ammette: "C'è un'epidemia di morbillo"
La Tav è morta, viva la Tav
La Tav è morta, viva la Tav
Si rimanda a data da destinarsi, come da prassi, vietando a Telt di bloccare i capitolati di gara ma al tempo stesso autorizzandola a emettere avvisi per 2,3 miliardi di euro
Donne, quanto cammino ancora da fare
Donne, quanto cammino ancora da fare
Oggi la giornata dedicata alle donne, tempo di bilanci. Intervista al giurista Vincenzo Maltese. Dai conflitti familiari alle violenze di genere. Ancora discriminazioni
Elezioni Vercelli, l'ora del 'Lone Ranger'
Elezioni Vercelli, l
Luca Pedrale, candidato per una lista civica, ha commissionato un sondaggio alla Ghisleri con un risultato sorprendente: sbaraglierebbe gli avversati di tutte le formazioni. Scenari possibili anche a livello nazionale?
TAV, CONTE FA L'ARBITRO
TAV, CONTE FA L
Mentre a Roma Conte riunisce i suoi vice per un vertice (“non risolutivo”) sull’Alta Velocità, la Torino che vuole la Tav fa sentire la propria voce. Intervista a Fabrizio Ricca della Lega e Mino Giachino, promotore dei comitati Sì Tav
Orune, agguato in armi alla cisterna
Orune, agguato in armi alla cisterna
Uomini incappucciati bloccano autocisterna e, sotto la minaccia delle armi, costringono l'autista a versare il latte in strada. Dieci pastori denunciati per blocchi stradali. Tensione nel giorno delle elezioni
Sanità, Formigoni va in carcere
Sanità, Formigoni va in carcere
Dopo la condanna in giudicato di 5 anni e 10 mesi, il provvedimento eseguito dai carabinieri. L'ex governatore della Lombardia, il cui sistema sanitario è tra i migliori d'Europa, accusato di aver favorito aziende in cambio di favori
Condannato il figlio di Giovanni Rana
Condannato il figlio di Giovanni Rana
La Cassazione ha ribadito la condanna al risarcimento di un ex manager omosessuale definito “finocchio” sul posto di lavoro
"Nord Corea 007? Non c'entriamo nulla"
"Nord Corea 007? Non c
La figlia del diplomatico in fuga avrebbe scelto volontariamente di rientrare in patria per "vedere i nonni". Salvini non risponderà alle interrogazioni del