Carceri italiane sempre più pericolose "Colpa anche del permissivismo"

| Denuncia del sindacato Osapp dopo una serie di gravi episodi, dalle evasioni ai suicidi, sino all'aggressione di Vallanzasca a un agente

+ Miei preferiti
Suicidi, evasioni, Vallanzasca che aggredisce gli agenti, circolari del governo (obbligo di portare l'arma individuale anche fuori servizio dopo i fatti di Barcellona) contestate dai sindacati. Ma che succede nelle carceri italiane? E' in atto una spaccatura profonda tra operatori e Dap, il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria. Sempre più profonda. A Saluzzo muore impiccato un narcotrafficante del quartiere Brancaccio di Palermo, Fabio C. Gli agenti lo avevano soccorso immediatamente, ma ha cessato di vivere due giorni dopo in ospedale. Se ci fosse più personale, forse, episodi come questo potrebbero essere evitati.  E non si sono ancora spenti del tutto gli echi legati alle ultime evasioni, da Johnny lo Zingaro (poi catturato dalla polizia), evaso da Fossano e ripreso con la sua fidanzata a Siena. Poi altre fughe, anche da parte di reclusi del carcere minorile. Dinamica sempre eguale. Uomini e donne che non rientrano dai permessi accordati dai giudici di sorveglianza.
VALLANZASCA RELOAD

Ma è l'episodio di cui è protagonista l'ex boss della Comasina (Milano Anni '80, tra delitti, sequestri di persona, poliziotti uccisi) Renato Vallanzasca a dare il senso a un diffuso malumore tra gli agenti della polizia penitenziaria. Ne spiega le ragioni il segretario generale Osapp Leo Beneduci: "Nel carcere-modello d'Italia, un'aggressione in piena regola da parte di un detenuto che almeno per il passato, modello non è stato. Renato Vallanzasca, detenuto nel carcere di Milano Bollate ha aggredito (pochi giorni fa, alle 10,30 di una mattina qualsiasi, ndr) un agente di polizia penitenziaria in servizio nel settore dove i detenuti effettuano i colloqui con i propri familiari chiamato ‘Area verde'. Durante un controllo di routine, Vallanzasca avrebbe inveito contro il poliziotto penitenziario, scagliando contro quest'ultimo la borsa che aveva con sé e il contenuto in essa presente, colpendo l'agente ad una gamba. Attimi di tensione, quindi, in un settore ove vi erano altri familiari ed altri detenuti, con le conseguenze che ben si possono immaginare. L'agente ha dovuto lasciare il servizio". 

Commenti amari: "E così, anche nel cosiddetto carcere modello, constatiamo una aggressione in danno di un agente da parte di Vallanzasca, il quale, con la solita spavalderia, ha dato modo di parlare di sé, dimostrando il disprezzo per il lavoro che gli agenti e gli operatori in un istituto devono fare".
UN SISTEMA CHE NON FUNZIONA


Insomma, qualcosa non funziona. E non da ieri: "Il caso Vallanzasca è la ennesima dimostrazione tangibile di come il modello ‘custodiale' della sorveglianza dinamica stia dimostrando limiti sempre più evidenti, attesa la totale mancanza di regole che si traduce in episodi pregiudizievoli per l'ordine e la disciplina che quotidianamente come sindacato denunciamo". La sorveglianza dinamica vuol dire, semplicemente, che gli operatori sono così pochi da essere costretti ad evitare i controlli diretti e continui, per lasciare posto a una specie di sorveglianza occasionale, con tempi distanziati da un intervento all'altro. Per esempio, la pattuglia che svolge, secondo orari precisi, il controllo dei muri di cinta esterni. "Non siamo aprioristicamente contro la sorveglianza dinamica, ma se il Dap sostiene che con questa sorveglianza le aggressioni diminuiscono, smentendo la realtà dei fatti, evidentemente l'avvicendamento dei vertici assume carattere d'urgenza, visto lo stato delle carceri in Italia". Conclude Beneduci: "Non si può confondere dignità dell'esecuzione penale, della quale siamo fermamente convinti, e permissivismo quando accadono fatti gravissimi".

Italia
castigato dai giudici'>L'ex nunzio ultra-moralizzatore
castigato dai giudici
Lcastigato dai giudici' class='article_img2'>
L'arcivescovo Carlo Maria Viganò,il severo accusatore di Papa Francesco, condannato in primo grado a versare metà dell'eredità al fratello don Lorenzo, pure disabile. Storia di fratelli-coltelli finita in Tribunale. Somme ingenti
40000 contro Di Maio e Toninelli
40000 contro Di Maio e Toninelli
La rivolta gentile, senza odio e minacce, senza i teppisti dei centri sociali, scuote l'anima di Torino. Migliaia di cittadini, anche con la Lega, in piazza Castello, per salvare la Tav da grillini e ideologi del NO
La rivolta pacifica contro la decrescita infelice
La rivolta pacifica contro la decrescita infelice
La manifestazione oggi in piazza Castello (ore 11) a Torino, di fronte alla Regione con tutte le categorie produttive e sindacali del Piemonte per salvare l'Alta Velocità dal trio Di Maio-Toninelli-Grillo
Milano, bus al posto dei treni vuoti
Milano, bus al posto dei treni vuoti
Proposta choc di Trenord alla Regione Lombardia: eliminare le linee con pochi passeggeri. Penalizzate le piccole comunità. "Riguarda solo l'1% degli utenti, un modo per risparmiare"
Il sacrificio di Lele e la memoria corta
Il sacrificio di Lele e la memoria corta
Mentre infuria il caso Cucchi, muore intanto un altro carabiniere in servizio, travolto da un treno. Doveva arrestare un rapinatore che cercava di fuggire. E sullo sfondo la scarsa attenzione dello Stato nei confronti dell'Arma
Il gran finale della black week di Anonymous
Il gran finale della black week di Anonymous
Violati i sistemi di sicurezza informatica di enti pubblici e partiti politici, diffusi migliaia di dati sensibili di dipendenti e tesserati. La conclusione della settimana nera promessa con largo anticipo
Prescrizione, governo ancora in affanno
Prescrizione, governo ancora in affanno
Il ministro grillino Bonafede non "arretra di un millimetro" ma Salvini insiste: "Le riforme non si fanno con gli emendamenti"
Catanzaro e Vibo Valentia, sfonda il centro-destra
Catanzaro e Vibo Valentia, sfonda il centro-destra
Abramo e Solano sono i nuovi presidenti delle Province. Battuti i candidati Dem. Grillini non pervenuti
Torna a casa Cesare Battisti, in Italia ti aspetta il carcere
Torna a casa Cesare Battisti, in Italia ti aspetta il carcere
In Brasile Bolsonaro, con il suo programma di estrema destra, è stato eletto con il 55% dei voti. Ha promesso che concederà immediatamente l'estradizione dell'ex terrorista rosso, condannato all'ergastolo
"A Predappio apologia di fascismo"
"A Predappio apologia di fascismo"
Antifascisti contro le celebrazioni della Marcia su Roma a Predappio, dove nacque il capo del fascismo. Oltre 2 mila persone hanno portato in corteo una bandiera tricolore nella cripta dove riposa Mussolini