Cent'anni di gratitudine

| Sono quelli che la lingua italiana deve a Nicola Zingarelli, paziente autore del primo Vocabolario della lingua italiana, efficace strumento che testimonia le mutazioni culturali e sociali del nostro paese

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta
È un esperimento impossibile, ovviamente, ma se un italiano vissuto ben oltre un secolo fa si trovasse a vivere nel suo stesso paese oggi, probabilmente capirebbe ben poco. Cent'anni sono un frammento di tempo infinitesimale ma al ugualmente immenso, specie quando a cambiare non sono solo abitudini, mode, tendenze e costumi della gente, ma il modo stesso di esprimersi.

La pensava così anche Nicola Zingarelli, pugliese di nascita, umile figlio di un sarto destinato a diventare uno dei più grandi linguisti italiani. La sua intuizione più grande: ascoltare la gente, semplicemente, e capire prima di molti altri che la lingua cambia e diventa l'indizio più visibile dei mutamenti della società e della cultura. Mettere insieme un'opera da considerare eterna non bastava, perché "come per i progressi dell'aviazione e dell'automobilismo, anche il vocabolario invecchia a distanza di poco tempo, ed è necessario rifarlo ogni anno".

Migliaia di parole nuove

Oggi la carta stampata non è più sufficiente: l'edizione 2018 dello Zingarelli, quella del centenario e forse la più evoluta, arriva nelle librerie sotto forma di volume, ma con una dotazione tecnologica fatta di DVD per Windows e Mac, ebook e una "app", ma soprattutto racchiude 145mila voci, comprese 380mila fra sfumature di significato, inserti grammaticali, citazioni, sinonimi, contrari, definizioni d'autore e parole da salvare. Perché tanti termini scompaiono, non si usano più, sostituiti da altre e dagli invadenti inglesismi ormai entrati nel linguaggio comune.

E visto che oggi come allora, un vocabolario è una sorta di notaio che certifica o meno i mutamenti lessicali, entrano di diritto termini come "Post-verità", il fenomeno delle fake-news amplificate dalle rete, oppure termini come "Dronista", che indica i piloti dei droni. Ancora "Meetup", i siti che mettono in contatto più persone, "Jamboree", diventato sinonimo generico di raduno, "Emoij", le amatissime faccine della messaggistica digitale, le "Bacche di Goij", oggi molto di moda, e il "pane carrasau", il tipico pane sardo, sottile e croccante.

Ogni anno, le pagine diventano la testimonianza di piccoli, grandi e inevitabili mutamenti storici e sociali, come l'edizione del 1994, quando il termine "Tangentopoli" entra in modo dirompente nel linguaggio di tutti i giorni, seguito tre anni dopo da "Gratta e Vinci", il gioco introdotto dalla Finanziaria del 1997 e "Siliconato", per indicare chi aveva subito interventi di chirurgia plastica. Nel 2000 è la volta "Prozac", farmaco eletto a simbolo degli antidepressivi, e cinque anni dopo - grazie alle imprese di Francesco Totti ai Campionati Europei - è la volta del "Cucchiaio". Nel 2013, lo Zingarelli dà per buono perfino "Aumma aumma", il termine napoletano che indica qualcosa di nascosto, spalancando le porte due anni dopo a "Selfie", nuovo modo di definire l'antico autoscatto. Lo scorso anno l'onore è toccato alla "Supercazzola", termine inesistente reso celebre dalla saga di "Amici Miei" ma ormai utilizzato da nord a sud per dire nulla, insieme a "Stepchild Adoption", la legge sulle unioni civili, e "Foreign Fighters". L'elenco potrebbe continuare all'infinito con "Bullizzare", "Ecocastratofismo", "Bullizzare", "Cattivista" ed "Euroburocrazia", giusto per citare altri esempi.

Per contro, sono 3.125 le parole da salvare, quelle che quasi nessuno usa più, come sapido, fulgore, fragranza e solerte. Oggi preferiamo dire salato, luminoso, profumo, veloce. E forse ci siamo persi qualche sfumatura per strada.

L'uomo che amava i libri

Malgrado nel 1917 la popolazione fosse di gran lunga più umile e limitata culturalmente, non dev'essere stato comunque facile, per Nicola Zingarelli, mettere per iscritto tutti i vocaboli resi possibili dall'immensa lingua italiana. Un'opera titanica di ricerca e catalogazione iniziata nel 1912 e pubblicata a dispense, quando il "Vocabolario della Lingua Italiana", diventa un volume immancabile negli scaffali degli italiani.

Nicola Zingarelli, il fondatore di tutto questo, fra i libri ci era cresciuto: classe 1860, studia a Napoli per poi perfezionarsi in Germania. Una preparazione che gli vale una carriera di prim'ordine come docente nei più prestigiosi licei e atenei italiani, compreso il ruolo di direttore di letterature romanze dell'Enciclopedia Italiana presso l'Istituto Treccani.

Della sua opera più celebre, il Vocabolario, riuscirà a curarne tre edizioni, compresa la quinta, pubblicata nel 1935, a pochi mesi dalla morte.

Per i cento anni del suo Vocabolario, la Zingarelli ha organizzato un tour di incontri nelle scuole partita il 23 ottobre scorso da Cerignola, città natale di Nicola, per concludersi a Bologna il 15 dicembre prossimo.

Italia
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio
babbo Boschi ecco babbo Di Battista
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio<br>babbo Boschi ecco babbo Di Battista
L'azienda del padre di "Dibba", lui però è socio, non paga i dipendenti e nemmeno la sorella. Poi debiti con banche, fornitori, lo Stato. Lo scrive Il Giornale. Lui va all'attacco: "Berlusconi, verrò di nuovo ad Arcore"
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Un memoriale a Nonantola, Modena, per ricordare l'aiuto della popolazione a 73 ragazzi ebrei salvati dai lager nazisti
Firenze, festa Capodanno ma senza peperoncino
Firenze, festa Capodanno ma senza peperoncino
Dopo gli incidenti in discoteca e a Torino, il sindaco Nardella vieta con un'ordinanza vieta lo spray al peperoncino per la notte del 31 dicembre con Baglioni, Baby K e Renga
M5s, senatore Airola pronto a dimettersi
M5s, senatore Airola pronto a dimettersi
Il senatore NoTav e l'ex senatore Marco Scibona erano stati in prima fila contro il Tav Terzo Valico, ma ora Toninelli ha detto Sì alla grande opera. Accuse e minacce sul web: "Traditori e infami"
Mense, Lodi costretta al dietro-front
Mense, Lodi costretta al dietro-front
Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso delle associazioni e impone al Comune di modificare il regolamento poiché "discriminatorio" nei confronti dei bimbi stranieri
Dal balcone alla delusione
Dal balcone alla delusione
La retromarcia del governo di fronte alla correzione della manovra richiesta da Bruxelles: un taglio di 7,5 miliardi di euro, con taglie a reddito di cittadinanza e quota 100
Spray urticante nelle scuole, una lunga scia di incoscienza
Spray urticante nelle scuole, una lunga scia di incoscienza
Non sono bastati i morti di piazza San Carlo, a Torino, e neanche quelli della discoteca di Corinaldo, per fermare la bravata di spruzzare spray urticante. Tutti gli episodi delle scuole italiane
Antisemitismo, strappate le pietre d'inciampo
Antisemitismo, strappate le pietre d
Gravissimo gesto, sparite le pietre d'inciampo che ricordano la Shoah a Roma, erano dedicate alla famiglia Di Consiglio, sterminata nei lager. Opera dell'artista Deminig, furono installate nel 2012. Segre: "Le rimetteremo"
No Tav a Torino
fare numeri chiamando rinforzi
No Tav a Torino<br>fare numeri chiamando rinforzi
Non potendo rischiare di essere uno in meno dei Sì Tav, la chiamata a raccolta di chiunque in Italia sia contro qualcosa. Alla fine 100mila per i No Tav, 25mila per i conteggi ufficiali
I tre criminali italiani più ricercati nel mondo
I tre criminali italiani più ricercati nel mondo
Dopo l'arresto del capo dell'ndrangheta Giuseppe Pelle, nella lista dei più ricercati del mondo Matteo Messina Denaro, Giovanni Motisi, Marco De Lauro e Attilio Cubeddu