Chi voleva incastrare Roger Rabbit-Renzi?

| Le chat tra gli ufficiali del Noe di Napoli e gli investigatori creano un profondo sconcerto. Volevano intercettare anche il comandante generale Del Sette

+ Miei preferiti
"Se è vero, come sembra, quel che è accaduto all'interno dell'Arma, a Napoli, con i depistaggi Noe è arrivato il momento di fermarci e di fare una riflessione". I servizi dei media mainstream rimbalzano da una chat all'altra di centinaia di investigatori italiani. Viene fuori un quadro sconcertante. Due ufficiali del Noe stanno lavorando sulle intercettazioni del caso Consip. Vengono informati che in una trascrizione c'è Renzi che incontra l'imprenditore Romeo, ora in carcere, per la corruzione legata a Consip, ancora presunta. Vogliono, anzi vorrebbero che questo Renzi, Tiziano non Matteo, vada in carcere. Per andarci, però, deve avere a tutti costi avuto contatti con Romeo. Ma la trascrizione, riportata fedelmente dai carabinieri di quel reparto, dice un'altra cosa. A parlare è Italo Bocchino, coinvolto in qualche modo nell'inchiesta e parla di un incontro politico con Renzi. Matteo, non Tiziano. Babbo Renzi non c'entra un tubo, anche se resta indagato per "traffico di influenze". Questi due ufficiali sembrano ignorare del tutto la realtà della trascrizione e premono per l'altra versione; non hanno fiducia nei loro superiori lassù, al comando generale. Vorrebbero intercettare pure il generale Tullio Del Sette, nel segreto del suo ufficio. Quando il falso viene scoperto, si giustificano così: troppo lavoro, confusione nell'ascoltare i nastri, è stato un errore. Ma le chat di uno dei due con i suoi sottoposti lo smentiscono.
Chi trascriveva aveva correttamente ricostruito quella conversazione che andava in direzione opposto ai desideri dei suoi responsabili i quali inserivano nell'informativa finale il testo, diciamo, sbagliato. Un velo di silenzio cade sulla procura di Napoli, e ci si interroga qual'è il senso di una condotta anche ingenua, poichè nel corso dei vari accertamenti di quanto contenuto nelle carte, prima o poi l'errore sarebbe stato scoperto. Allora? Che senso ha la frase "dobbiamo arrestare Tiziano Renzi"? Dobbiamo? Cosa nasconde l'inchiesta di Napoli che, con il trascorrere dei mesi, assume contorni sempre più confusi e inquietanti? Il Noe dei carabinieri di Napoli che ha svolto la funzione di polizia giudiziaria sembrava muoversi su linee autonome, come un corpo di polizia a se stante, con un obiettivo politico da raggiungere. C'è sconcerto tra i carabinieri, adesso. Si domandano perché i pm si sono rivolti a un reparto le cui competenze dovrebbero limitarsi alle questioni ambientali, mentre il tipo di indagini legate a Consip richiederebbero invece la professionalità e il rigore dei reparti operativi dell'Arma, e anche dei Ros. Cosa veramente è successo lo sapremo quando la procura di Roma avrà concluso le indagini. Ma quanto è trapelato sinora getta una luce sinistra su un'indagine su un colossale appalto pubblico che stava per essere oggetto di manovre - pare - correttive. Ma questa è un'altra storia. 


Italia
Condannato il figlio di Giovanni Rana
Condannato il figlio di Giovanni Rana
La Cassazione ha ribadito la condanna al risarcimento di un ex manager omosessuale definito “finocchio” sul posto di lavoro
"Nord Corea 007? Non c'entriamo nulla"
"Nord Corea 007? Non c
La figlia del diplomatico in fuga avrebbe scelto volontariamente di rientrare in patria per "vedere i nonni". Salvini non risponderà alle interrogazioni del
Anche Vasco nella truffa dei diamanti
Anche Vasco nella truffa dei diamanti
Due aziende, con la complicità di cinque banche, truffavano i clienti aumentando il valore dei preziosi
"I miei genitori arrestati, è assurdo"
"I miei genitori arrestati, è assurdo"
Con un lungo post su Facebook, Matteo Renzi commento gli arresti domiciliari per i genitori ultrasettantenni e incensurati. La decisione del gip di Firenze dopo le indagini della Guardia di finanza
TAV bocciata dal dossier costi-benefici
TAV bocciata dal dossier costi-benefici
Come ampiamente previsto, la commissione voluta dal ministro Toninelli ha smontato numeri e previsioni dell'Alta Velocità. Attesa per le reazioni della Francia, della UE e di Salvini, che si è sempre detto favorevole all’opera
Sardegna: la guerra del latte
Sardegna: la guerra del latte
Chiedono un prezzo al litro che gli permetta di sopravvivere: attualmente i 0,60 cent non bastano neanche per coprire le spese. Migliaia di litri di latte di pecora hanno imbiancato le strade dell’isola
Di Maio-Di Battista, disastro in Abruzzo
Di Maio-Di Battista, disastro in Abruzzo
Abruzzo test nazionale, con la Lega che raddoppia i consensi e la coalizione di centro destra vincente. Governatore il senatore Marco Marsilio di Fratelli d'Italia, Tiene Forza Italia. E la sinistra è in forte ripresa
"Bacioni al rosicone Travaglio"
"Bacioni al rosicone Travaglio"
Una vignetta di Mannelli deforma il volto del ministro trasformandolo in una specie di maiale. Ma la vignetta su Toninelli finì prima censurata poi pressoché nascosta. Salvini: "Sempre carini eh? Bacioni ai rosiconi"
Ecco il Sim, il primo sindacato dei carabinieri
Ecco il Sim, il primo sindacato dei carabinieri
Prime adesioni, un brigadiere come segretario, presidente il capitano Ultimo. "Ringraziamo il ministro della Difesa Trenta per l'aiuto". Programma ancora da definire
Di Maio e Di Battista scelgono i violenti
Di Maio e Di Battista scelgono i violenti
Ennesima capriola del Movimento 5stelle che si schiera con i Gilet Jaune che hanno provocato morti e devastazioni nelle città francesi. Alleanza in vista delle Europee. Ma un sondaggio Swg certifica il calo di consensi: dal 4 marzo meno 8%