Continuano i flash mob: "Sgomberare i campi Rom"

| Protestano I residenti dopo gli esiti delle analisi Arpa: giovedì nuova manifestazione

+ Miei preferiti
Dopo l'inquietante silenzio dell'amministrazione alla richiesta di un confronto da parte del sindacato Silpol, sale la protesta dei residenti che protesteranno sabato pomeriggio dopo l'esito delle analisi Arpa. Con questo slogan, "Appendino, se ci sei, batti un colpo", il sindacato dei vigili urbani Silpol attende da giorni una risposta concreta, in merito a terapie di decontaminazione e protocolli sicurezza per gli operatori, dopo la pubblicazione dei dati Arpa - resi noti dalle colonne de La Stampa - sulle aree di Germagnano e dintorni. La zona è inquinata, va bonificata e sgomberata dai residenti che vivono tra i veleni dei campi Rom. Per i vigili urbani del nucleo nomadi di Torino, da anni a contatto con i veleni e i fumi prodotti dai Rom ospiti dei campi di Germagnano, strada Aeroporto e Venaria. I tecnici dell'Arpa hanno completato le analisi dopo le rilevazioni dei giorni scorsi, in un'area già sottoposta a sequestro dalla procura per "disastro ambientale". Dodici vigili che si sono sottoposti all'analisi del capello a cura del centro antidopiung di Orbassano risultano contaminati da metalli pesanti e sostanze pesante in misura molto superiore ai livelli consentiti dalle norme sanitarie. Ci sono due problemi gravissimi: l'inquinamento pregresso, presente da decenni nelle ex aree industriali e quello, appunto, causato dagli ospiti, soliti bruciare rifiuti, plastiche e detriti di cantieri. Intanto i medici che hanno effettuato le prime visite ai vigili urbani hanno informato i responsabili della sicurezza che verranno svolti "ulteriori accertamenti" e sarà realizzato contestualmente un protocollo per tutelare la salute degli operatori impegnati nelle aree a rischio.

Nel report de "La Stampa" risultano in aria e terreni tracce di diossine, pm10, idrocarburi, altre sostanze tossiche e cancerogene. E nei terreni resta il sospetto, nero su bianco, che siano stati sversati illegalmente nel corso degli anni veleni di natura misteriosa. Scrivono i tecnici Arpa: "L'indagine mostra una evidenza di impatto della matrice aria legata alle attività del campo nomadi, combustione e riscaldamento delle unità abitative con valori elevati di particolato e di sostanze cancerogene". Poi: "I monitoraggi indicano concentrazioni elevate di Pm10 (particolato di elevata tossicità per la salute, ndr) metalli e Ipa (idrocarburi policiclici aromatici, cancerogeni, possono inquinare anche le falde acquifere, ndr) in prossimità delle sorgenti costituite dai roghi e dalle fonti di riscaldamento presenti nei campi con scenario compatibile con il contesto meteorologico. Da dicembre a febbraio, con aggiornamenti sino al 22 marzo, ci sono stati elevati sforamenti dei limiti di legge sia nel lato Nord di via Germagnano, sia del lato Sud, sino all'area Amiat, di idrocarburi, zinco, diossina, rame, piombo, benzo(a)pirene". Il sito viene definito "potenzialmente contaminato" e si annuncia un ulteriore "campionamento maggiormente rappresentativo della qualità dei terreni...Le concentrazioni di Ipa all'interno dei campi nomadi sono decisamente più elevate rispetto a quelle misurate in piazza Rebaudengo e permettono di associare questa contaminazione ai diversi fenomeni di combustione in atto sl momento del prelievo, era nettamente percepita la presenza di fumi proveniente principalmente dale studi utilizzati per il riscaldamento elle baracche. Le concentrazioni rilevate sono nello stesso ordine di grandezza di quelle misurate in ambienti industriali ad elevata contaminazione per la fusione di metalli". Riporta il quotidiano di via Lugaro: "La concentrazione di Ipa non può superare 1 ng/m3 (nanogrammo per metro cubo) ma nei campi Rom, a febbraio sono stati riscontrati valori pari a 323, 358 e 288  ng/m3. E' avvenuto il 2 febbraio, in tre campi Rom. Su tutti i lati. Nella classificazione Ipa rientrano Acenaftilene, Fluorene, Antracene, Fenantrene e Pirene e altre sostanze altamente tossiche. Ancora: il livello di particelle di Rame risulta talvolta altissimo, idem Zinco, Nichel, Cromo. Le tabelle dell'Arpa tracciano un quadro drammatico della situazione ambientale. Viene riscontrato che il livello di Pm10, davanti al campo vicino al canile è spesso quasi il triplo dei limiti di legge. Nel suolo di Germagnano i valori di Pcb (policlorobifenili, non devono superare 60ng/kg, hanno  una elevatissima capacità tossica)  hanno raggiunto quota 450ng/kg. Un dato valutato per la prima volta nel 2017. 

dice il segretario Silpol Ferdinando Minello:  "Con estremo rammarico abbiano appreso dall'Arpa che i nostri timori erano assolutamente fondati. Non ci sono dubbi sulla pericolosità della zona con rilevamenti di diossine, pm10, idrocarburi e altre sostanze tossiche e cancerogene. Sempre La Stampa riporta un intervento di Leambiente Torino:"Per anni abbiamo avuto incontri con gli amministratori - dice Carla Paroilero, presidente Legambiente Metropolitano - sollecitando l'intervento di Arpa per poter dimostrare con dati scientifici l'evidenza dell'inquinamento dell'aria a Torino Nord, Borsaro e Venaria, legata alle attività di combustione per riscaldamento prodotto con legna di risulta verniciata e trattata, del campo nomadi e per i quotidiani roghi di rifiuti anche pericolosi, sia di via Germagnano sia di strada Aeroporto e vie limitrofe". Da mesi il Silpol ha chiesto un incontro con il sindaco Appendino. Tuttora senza alcuna risposta.

Italia
Quando su divorzio e aborto, il popolo era sovrano
Quando su divorzio e aborto, il popolo era sovrano
Il primo referendum in Italia risale al 1946 ma è dagli anni 70 che, con una lunga serie di quesiti abrogativi, sempre più spesso si ricorre a questo strumento elettorale. La disaffezione dei cittadini negli ultimi anni
Alitalia, proroga della cassa integrazione
Alitalia, proroga della cassa integrazione
Altri sei mesi, dal 24 marzo al 23 settembre, per 830 dipendenti della compagnia aerea di bandiera italiana. Sindacati alzano il livello di attenzione
Torino, il gelato No-ZTL
Torino, il gelato No-ZTL
Il gusto del tutto inedito è una delle sorprese di “Gelato a Primavera”, manifestazione per promuovere l’arte della gelateria cittadina. Ma anche per esprimere disappunto sui progetti della giunta Appendino
Ousseynou Sy, un giorno di ordinaria follia
Ousseynou Sy, un giorno di ordinaria follia
L’autista che ieri ha sequestrato e minacciato di morte 51 ragazzini delle medie accusato di tentata strage e terrorismo, anche se non sembra abbia legami con gruppi. Un uomo normale, perfettamente inserito
Chiusa l’inchiesta sui depistaggi del caso Cucchi
Chiusa l’inchiesta sui depistaggi del caso Cucchi
Otto ufficiali dei carabinieri accusati di vari reati, fra cui la manomissione della nota sullo stato di salute del giovane geometra romano. Soddisfazione della sorella Ilaria
Grillo (la ministra) e grillini NI VAX
Grillo (la ministra) e grillini NI VAX
Oggi in vigore la legge Lorenzin che impone l'obbligo dei vaccini a scolari e studenti, ma Grillo minaccia una nuova legge all'insegna "della scelta senza imposizioni". Puoi ammette: "C'è un'epidemia di morbillo"
La Tav è morta, viva la Tav
La Tav è morta, viva la Tav
Si rimanda a data da destinarsi, come da prassi, vietando a Telt di bloccare i capitolati di gara ma al tempo stesso autorizzandola a emettere avvisi per 2,3 miliardi di euro
Donne, quanto cammino ancora da fare
Donne, quanto cammino ancora da fare
Oggi la giornata dedicata alle donne, tempo di bilanci. Intervista al giurista Vincenzo Maltese. Dai conflitti familiari alle violenze di genere. Ancora discriminazioni
Elezioni Vercelli, l'ora del 'Lone Ranger'
Elezioni Vercelli, l
Luca Pedrale, candidato per una lista civica, ha commissionato un sondaggio alla Ghisleri con un risultato sorprendente: sbaraglierebbe gli avversati di tutte le formazioni. Scenari possibili anche a livello nazionale?
TAV, CONTE FA L'ARBITRO
TAV, CONTE FA L
Mentre a Roma Conte riunisce i suoi vice per un vertice (“non risolutivo”) sull’Alta Velocità, la Torino che vuole la Tav fa sentire la propria voce. Intervista a Fabrizio Ricca della Lega e Mino Giachino, promotore dei comitati Sì Tav