In clausura sì ma almeno i social

| Rivoluzione nei conventi delle 37 mila suore di clausura del mondo, via libera all'uso dei social ma "con prudente discernimento"

+ Miei preferiti

Nei conventi di clausura sì a tweet, post e 'storie', ma con "sobrietà e discrezione". Sono le indicazioni del Vaticano agli istituti di vita contemplativa, precisate nell'Istruzione 'Cor Orans', della Congregazione per la Vita consacrata.

Nell'uso dei "mezzi di comunicazione - si legge nel documento - si chiede sobrietà e discrezione, per salvare il raccoglimento e il silenzio, demandando al Capitolo conventuale il compito di stabilire la modalità di uso di questi mezzi, chiedendo dunque alle monache maturità di giudizio e capacità di discernimento, e soprattutto amore alla propria vocazione contemplativa".

Il rischio, insomma, è di "svuotare il silenzio contemplativo quando si riempie la clausura di rumori, di notizie e di parole". La sobrietà richiesta non riguarda solo i "contenuti" ma anche la "quantità delle informazioni" e il "tipo di comunicazione", affinché "siano al servizio della formazione alla vita contemplativa e delle comunicazioni necessarie e non occasione di dissipazione o di evasione della vita fraterna": l'uso dei mezzi di comunicazione, per motivo di informazione, di formazione o di lavoro, "può essere consentito nel monastero, con prudente discernimento, ad utilità comune".

In questo momento nel mondo ci sono 37.970 suore di clausura, "non poche in questo contesto di crisi vocazionale", spiega monsignor José Rodríguez Carballo, segretario della Congregazione. Tra gli altri provvedimenti, l'istruzione stabilisce che quando un monastero si ritrova con meno di cinque monache perde la sua autonomia giuridica in vista di una sua affiliazione o soppressione, e disincentiva il "reclutamento" di candidate da altri Paesi "al solo scopo di salvaguardare la sopravvivenza del monastero". (fonte La Presse)

Italia
Un tranquillo dopo-tragedia all’italiana
Un tranquillo dopo-tragedia all’italiana
Nulla di nuovo sotto il ponte: da quando il Morandi è crollato, vale tutto e il contrario di tutto. Dalle parole alle teorie complottiste, dalle minacce alle promesse
Parola d’ordine: tutti contro i Benetton
Parola d’ordine: tutti contro i Benetton
Sono considerati i veri colpevoli del disastro di Genova: coloro che pur di alzare i guadagni non hanno esitato ad abbassare interventi e manutenzioni
Il governo giallo-verde sa già la verità
Il governo giallo-verde sa già la verità
Dimissioni, revoca della concessione alla società e multa da 150 milioni. Di Maio: "Devono pagare". Ma l'inchiesta della procura è solo all'inizio. Il bilancio di morti e feriti, bonifiche in corso
West Nile, la terza vittima
West Nile, la terza vittima
Il caso a Trviso, vittima era malata di tumore, aveva 74 anni. Gli altri casi a Ferrara sempre per l'intossicazione provocata dalle punture della zanzara "Culex"
Salvini &Toninelli, ci pensino gli inglesi
Salvini &Toninelli, ci pensino gli inglesi
Tweet in sincronia dei ministri giallo-verdi. La nave Aquarius non potrà sbarcare i naufraghi in un porto italiano
Italiani indebitati per 534 miliardi
Italiani indebitati per 534 miliardi
I dati della CGIA fotografano un quadro con luci e ombre. La banche hanno ripreso a erogare prestiti ai privati, meglio il settore immobiliare. Aumento Iva? "Un disastro" per gli analisti
Samsung, arriva l'intelligente Note9
Samsung, arriva l
Nuova fotocamera in grado di guidare le immagini in modo nuovo. Costo 1279 euro per la versione top. Promozioni per i consumatori italiani
Festa del gatto, social sommersi da foto
Festa del gatto, social sommersi da foto
Oggi nel mondo si celebrano i felini, in casa degli italiani ne circolano 7 milioni e mezzo
"Zingari, scendete avete rotto i c..."
"Zingari, scendete avete rotto i c..."
Una speaker di Trenord già identificata ora rischia il licenziamento, ha diffuso via altoparlanti un messaggio contro mendicanti e zingari. I passeggeri segnalano il fatto all'azienda: "Atto grave"
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
Marcinelle, la strage dei minatori italiani
L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta