Dopo il sequestro la rabbia dei Riina

| Nei giorni scorsi sono stati sequestrati beni per 600 mila euro al fratello dello scomparso TotÚ Riina. Operazione dei Ros. La rabbia dei familiari: "Lo Stato si vendica"

+ Miei preferiti

Dopo il sequestro per 600 mila euro a Gaetano Riina, ottantaquattrenne fratello del defunto capo di Cosa nostra Salvatore Riina, recluso nel carcere di Torino dal 2011, quando fu arrestato per associazione a delinquere di stampo mafioso ed estorsione aggravata, sale la rabbia dei familiari: "Sono beni acquistati tanti anni fa, decenni...lo Stato si vendica dei sopravvissuti, la mafia non c'entra niente". Il provvedimento, emesso dal tribunale di Palermo – sezione misure di prevenzione, è stato eseguito dai carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Trapani e fa seguito al sequestro effettuato nel luglio 2017 a Salvatore Riina. E’ stato richiesto dalla Procura Distrettuale Antimafia di Palermo e si inserisce nella manovra investigativa finalizzata a disarticolare le famiglie mafiose di Corleone e di Mazara del Vallo. I I carabinieri hanno sequestrato un appartamento di 10 vani a Mazara del Vallo e 7 rapporti bancari ed assicurativi riconducibili al nucleo familiare, per un valore complessivo di 600 mila euro. L’indagine patrimoniale ha consentito di accertare un’evidente sperequazione tra i redditi dichiarati da Gaetano Riina ed il valore dei beni a lui intestati o comunque a lui riconducibili, da cui può dedursi che negli anni si sia avvalso di mezzi e di disponibilità finanziarie illecite, derivanti dalla sua appartenenza a Cosa nostra. E’ stata in particolare accertata la derivazione illecita dell’abitazione a Mazara del Vallo, acquistata nel 2005 da Maria Concetta Rita Riina (figlia di Giuseppe) "ed è risultata ingiustificata la disponibilità della provvista necessaria ad effettuare le ingenti spese per i lavori di ristrutturazione dell’immobile".

Italia
Fare a pezzi una ragazza?
"Cose da bambini"
Fare a pezzi una ragazza?<br>"Cose da bambini"
Spunta la mafia nigeriana nel delitto di Pamela. Intercettati in carcere, i due complici del killer confessano: "Abbiamo fatto cose terribili in Nigeria, lui doveva farla a pezzettini piccoli e poi mangiare i resti"
Nessuna traccia del tunisino fuggito con i due figli
Nessuna traccia del tunisino fuggito con i due figli
Ricercato in tutta Italia, la donna se n'Ť accorta rientrando dal lavoro. La coppia viveva a Bolzano, appello dei carabinieri. Per segnalazioni tel 0471-337662
Sbarchi migranti, ripresi a ritmo da record
Sbarchi migranti, ripresi a ritmo da record
In poche ore oltre 2 mila arrivi, grazie alle condizioni favorevoli del meteo e a un allentamento dei controlli da parte dei libici. Morta nelle operazioni una donna di 25 anni
Prodi: "Rubati tutti i ricordi di una vita"
Prodi: "Rubati tutti i ricordi di una vita"
Svaligiata la casa di Bologna dell'ex Presidente del Consiglio e leader dell'Ulivo. Era a Roma con la moglie per un'udienza dal Papa. Spariti lettere, orologi, persino le medagliette della comunione
Studenti-bulli: sequestrati caschi, abiti e telefoni
Studenti-bulli: sequestrati caschi, abiti e telefoni
Gli studenti minorenni indagati. Accusati di violenza privata, tentato furto e minacce gravi. Tre bocciati, uno sospeso. Famiglie divise
Francesco, seguire l'esempio di Tonino Bello
Francesco, seguire l
Il Papa ad Alessano, Lecce, per ricordare la figura del vescovo in via di beatificazione
La crisi Qui!Ticket arriva in Senato
La crisi Qui!Ticket arriva in Senato
Interrogazione del senatore leghista Paolo Arrigoni per tutelare i dipendenti pubblici. Plauso della Fipe
Il corpo del magnate tedesco sepolto sotto la neve
Il corpo del magnate tedesco sepolto sotto la neve
Le squadre del soccorso aspettano il disgelo, per il momento nessuna traccia del manager sparito due settimane fa nell'area del Piccolo Cervino tra Svizzera e Italia
Tentato stupro, prete assolto: "Fu una trappola"
Tentato stupro, prete assolto: "Fu una trappola"
L'incredibile storia di don Elvio Re, 67 anni, arrestato nel 2013, poi condannato e infine assolto "perchŤ il fatto non sussiste". La procura generale ha chiesto l'assoluzione. Vita distrutta
"Riconosceremo i figli delle coppie gay"
"Riconosceremo i figli delle coppie gay"
Il sindaco di Torino decisa a mantenere una posizione annunciata dopo le sua elezione. Ultimi ostacoli burocratici ma ormai decisione presa