Fenomenologia del “Dibba”

| Ritratto del più inafferrabile dirigente del M5S: in viaggio dallo scorso maggio, di tanto in tanto si toglie lo sfizio di entrare a gamba tesa nella politica italiana e agitare le acque

+ Miei preferiti
“I politici sono come i pannolini: vanno cambiati spesso”. Alessandro Di Battista si è preso alla lettera, cosa che non succede così spesso alla sua categoria: lui, che politico vero non si è mai sentito fino in fondo, nel momento in cui le truppe grilline sfondavano le porte di Palazzo Chigi, ha preferito gettare la sciabola e andare via. Nei film lo fanno solo gli eroi veri, quelli che si allontanano sciolti in un tramonto rosso fuoco. Ma fra chi resta a guardare c’è sempre qualche maligno, che sussurra non si tratti di eroismo, ma di una raffinata strategia di marketing politico: sfilarsi dalla prima ondata di peones capitanata da Giggino Di Maio ed essere pronto a guidare le truppe scelte, l’élite dell’esercito grillino.

Dibba è in viaggio dal 29 maggio con moglie e figlio. Lo ha annunciato via social, raccontando di un peregrinare fra California, Messico e Panama che non finirà prima di dicembre. In tasca un contratto con “Il Fatto Quotidiano” per cui scrive reportage, definendosi un cacciatore di “idee e persone che lottano per i loro diritti, di politica con la P maiuscola”.

E malgrado un oceano e qualche ora di fuso orario di mezzo, si tiene stretto il vezzo sottile di scompigliare le carte entrando a gamba tesa nelle questioni politiche italiane: “Salvini deve restituire i 49 milioni di euro, le sentenze si rispettano”. Così, tanto per grattare via un po’ di vernice all’alleanza scricchiolante fra i suoi e la Lega.

Risvolti di un personaggio che non ha mai nascosto simpatie e antipatie: definisce la Boldrini un’ipocrita, Renzi un incoerente, Denis Verdini il vero capo del PD, la Boschi una persona disconnessa. Amico fraterno di Fedez, con cui ha messo in piedi una sorta di scambio alla pari: il rapper lo aggiorna sulla musica, lui sulle cose politiche.

Romano, classe 1978, nasce a Vigna Stelluti, enclave della buona borghesia con tendenze destrorse. In realtà la politica ce l’ha nel sangue: suo padre Vittorio, titolare della “Dibitech”, un’azienda di sanitari, era consigliere comunale per il Movimento Sociale Italiano. Ma le idee fasciste del padre lasciano il posto a Marx e Che Guevara.

Ricorda che a 18 anni, in vacanza a Corfù, sale sul gommone insieme al padre e insieme raggiungono il panfilo di D’Alema. Suo padre inveisce accusando “baffino” di aver tradito gli ideali della sinistra. D’Alema li guarda, ammutolito.

Qualche canna da ragazzino e svariati tentativi di diventare vegetariano, miseramente abbandonati davanti ad un piatto di pesce o una grigliata di carne fatta come dio comanda. 

Studia allo scientifico e si laurea in Arti, Musica e Spettacolo all’Università di “Roma Tre”. Lavora come animatore nei villaggi in Calabria e Sicilia, ma la passione per i grandi viaggi lo accompagna da sempre: messa in tasca la laurea parte per il Guatemala con un progetto della Caritas italiana. È l’inizio di un lungo girovagare per il Sudamerica: quando torna scrive “Sulle nuove politiche continentali”.

L’incontro con Casaleggio nel 2011: Dibba fa colpo. È colto, impegnato e vanitoso, ma con una nota da “cazzaro” di buona famiglia che buca lo schermo. Gli offrono tremila euro per andare in Colombia e scrivere un libro, “Sicari a cinque euro”, pubblicato con l’editrice L’Adagio”. Torna e sembra pronto a ripetere l’esperienza raccontando il Portogallo, ma gli offrono la candidatura nel Movimento 5 Stelle.

Nel 2014 il “New York Times”, affascinato dalla figura di un politico controcorrente, lo mette al primo posto della classifica per le balle più grosse dell’anno: in una manifestazione al Circo Massimo definisce la Nigeria come “un paese per il 60% in mano a Boko Haram, e per quel che resta in mano all’Ebola”. Le gaffe, lungo il cammino di Dibba, non mancano: scambia l’ex presidente francese Hollande per un premio Nobel, confonde Austerliz con Auschwitz, tuona chiedendo i vaccini gratuiti, poi qualcuno gli sussurra che già lo sono.

I colleghi lo chiamano “anguilla”, per l’abilità con cui si divincola quando l’aria intorno si fa stretta, per altri è “gallo cedrone”, un vanitoso politico 2.0, che c’è solo quando decide di esserci.

Galleria fotografica
Fenomenologia del “Dibba” - immagine 1
Fenomenologia del “Dibba” - immagine 2
Fenomenologia del “Dibba” - immagine 3
Fenomenologia del “Dibba” - immagine 4
Italia
castigato dai giudici'>L'ex nunzio ultra-moralizzatore
castigato dai giudici
Lcastigato dai giudici' class='article_img2'>
L'arcivescovo Carlo Maria Viganò,il severo accusatore di Papa Francesco, condannato in primo grado a versare metà dell'eredità al fratello don Lorenzo, pure disabile. Storia di fratelli-coltelli finita in Tribunale. Somme ingenti
40000 contro Di Maio e Toninelli
40000 contro Di Maio e Toninelli
La rivolta gentile, senza odio e minacce, senza i teppisti dei centri sociali, scuote l'anima di Torino. Migliaia di cittadini, anche con la Lega, in piazza Castello, per salvare la Tav da grillini e ideologi del NO
La rivolta pacifica contro la decrescita infelice
La rivolta pacifica contro la decrescita infelice
La manifestazione oggi in piazza Castello (ore 11) a Torino, di fronte alla Regione con tutte le categorie produttive e sindacali del Piemonte per salvare l'Alta Velocità dal trio Di Maio-Toninelli-Grillo
Milano, bus al posto dei treni vuoti
Milano, bus al posto dei treni vuoti
Proposta choc di Trenord alla Regione Lombardia: eliminare le linee con pochi passeggeri. Penalizzate le piccole comunità. "Riguarda solo l'1% degli utenti, un modo per risparmiare"
Il sacrificio di Lele e la memoria corta
Il sacrificio di Lele e la memoria corta
Mentre infuria il caso Cucchi, muore intanto un altro carabiniere in servizio, travolto da un treno. Doveva arrestare un rapinatore che cercava di fuggire. E sullo sfondo la scarsa attenzione dello Stato nei confronti dell'Arma
Il gran finale della black week di Anonymous
Il gran finale della black week di Anonymous
Violati i sistemi di sicurezza informatica di enti pubblici e partiti politici, diffusi migliaia di dati sensibili di dipendenti e tesserati. La conclusione della settimana nera promessa con largo anticipo
Prescrizione, governo ancora in affanno
Prescrizione, governo ancora in affanno
Il ministro grillino Bonafede non "arretra di un millimetro" ma Salvini insiste: "Le riforme non si fanno con gli emendamenti"
Catanzaro e Vibo Valentia, sfonda il centro-destra
Catanzaro e Vibo Valentia, sfonda il centro-destra
Abramo e Solano sono i nuovi presidenti delle Province. Battuti i candidati Dem. Grillini non pervenuti
Torna a casa Cesare Battisti, in Italia ti aspetta il carcere
Torna a casa Cesare Battisti, in Italia ti aspetta il carcere
In Brasile Bolsonaro, con il suo programma di estrema destra, è stato eletto con il 55% dei voti. Ha promesso che concederà immediatamente l'estradizione dell'ex terrorista rosso, condannato all'ergastolo
"A Predappio apologia di fascismo"
"A Predappio apologia di fascismo"
Antifascisti contro le celebrazioni della Marcia su Roma a Predappio, dove nacque il capo del fascismo. Oltre 2 mila persone hanno portato in corteo una bandiera tricolore nella cripta dove riposa Mussolini