Giustizia-'ndrangheta, ucciso il boss Nirta

| Freddato da tre incappucciati a Murcia, in Spagna, coinvolto nella strage di Duisburg e nell'inchiesta del gip di Milano sull'ex procuratore Longarini

+ Miei preferiti
La giustizia dell'ndrangheta non perde tempo in processi, appello e Cassazione. Quando decide di uccidere, agisce. Così i sicari del racket hanno ucciso poche ore fa nella città di Murcia, in Spagna, il boss Giuseppe Nirta, 52 anni, originario di San Luca (Reggio Calabria), già condannato a tre anni e 8 mesi nell'operazione Minotauro del pm Roberto Maria Spargna e dei carabinieri, condanna poi annullata dalla suprema Corte. Era un narcos ben agganciato ai cartelli sudamericani in contatto con le cosche calabresi. Indirettamente, era finito anche nell'indagine del gip di Milano Giuseppina Barbara che il 30 gennaio scorso aveva portato all'arresto del pm di Aosta, ora sospeso, Pasquale Longarini e del suo amico imprenditore Gerardo Cuomo. Avrebbe avvisato l'amico di un'inchiesta della Dda sul clan Nirta esubito si era allontanato da quelle amicizie pericolose. Gli inquirenti della Dda di Torino stanno ora cercando di valutare il significato di un'esecuzione che potrebbe essere collegata ai verbali resi in questi mesi da alcuni pentiti, in qualche modo in contatto con il boss che da San Luca si era radicato con la sua famiglia in Val d'Aosta.
Il delitto è avvenuto, secondo L'Opinion de Murcia, un giornale locale, nel quartiere di El Charcon, nella zona costiera. Una donna, l'altra notte ha dato l'allarme al 112: "Uomini incapucciati stanno uccidendo il mio uomo". Incapucciati forse per salvarla dalla stessa fine, un modo scelto dai killer per non farsi riconoscere dai testimoni. Al contrario avrebbero ucciso anche lei. La donna non è stata in grado di dare altre notizie utili agli investigatori; quando s'è accorta di cosa stava succedendo è fuggita il più distante possibile. Nirta aveva una casa nel quaritere e lì si incontravano da qualche tempo. Ls Polizia locale di Aguillas e la Guardia Civil, più una unità del Servizio Sanitario di Murcia sono intervenuti in pochi minuti dalla segnalazione. Hanno tentato di rinanimare Nirta ma invano. Colpito dai 6 proiettili all'addome, l'ultimo in testa. I testimoni hanno sentito gli spari e visto fuggire i tre incappucciati: "Pensavamo fossero cacciatori di conigli", hanno detto alla polizia. La casa del boss, isolata rispetto alla città, aveva sistemi di sicurezza per controllare le vie d'accesso. I detectivestanno interrogado la donna da ore ma per ora senza risultati positivi. Pensano a una vedetta legata alla strage di Duisburg, quando sei calabresi di San Luca furono uccisi davanti alla porta di una pizzeria nel 2008. Nelle faide calabresi, la parole oblio e perdono, non esistono. Se devi morire ucciso, prima o poi, accadrà. E Nirta, di questo, era assolutamente certo. La polizia, comunque, indaga anche nell'ipotesi di una rapina finita male. Ma la pista è assai labile.
Italia
Caso Diciotti, slitta il verdetto del popolo 5s
Caso Diciotti, slitta il verdetto del popolo 5s
La piattaforma della Casaleggio Associati va in tilt e il voto slitta di un'ora, idem la chiusura. Di Maio : "Sosterrò il risultato della consultazione". W Grillo? "La battuta ci sta, sì vuol dire no e no il contrario. Ora è più chiaro"
TAV bocciata dal dossier costi-benefici
TAV bocciata dal dossier costi-benefici
Come ampiamente previsto, la commissione voluta dal ministro Toninelli ha smontato numeri e previsioni dell'Alta Velocità. Attesa per le reazioni della Francia, della UE e di Salvini, che si è sempre detto favorevole all’opera
Sardegna: la guerra del latte
Sardegna: la guerra del latte
Chiedono un prezzo al litro che gli permetta di sopravvivere: attualmente i 0,60 cent non bastano neanche per coprire le spese. Migliaia di litri di latte di pecora hanno imbiancato le strade dell’isola
Di Maio-Di Battista, disastro in Abruzzo
Di Maio-Di Battista, disastro in Abruzzo
Abruzzo test nazionale, con la Lega che raddoppia i consensi e la coalizione di centro destra vincente. Governatore il senatore Marco Marsilio di Fratelli d'Italia, Tiene Forza Italia. E la sinistra è in forte ripresa
"Bacioni al rosicone Travaglio"
"Bacioni al rosicone Travaglio"
Una vignetta di Mannelli deforma il volto del ministro trasformandolo in una specie di maiale. Ma la vignetta su Toninelli finì prima censurata poi pressoché nascosta. Salvini: "Sempre carini eh? Bacioni ai rosiconi"
Ecco il Sim, il primo sindacato dei carabinieri
Ecco il Sim, il primo sindacato dei carabinieri
Prime adesioni, un brigadiere come segretario, presidente il capitano Ultimo. "Ringraziamo il ministro della Difesa Trenta per l'aiuto". Programma ancora da definire
Di Maio e Di Battista scelgono i violenti
Di Maio e Di Battista scelgono i violenti
Ennesima capriola del Movimento 5stelle che si schiera con i Gilet Jaune che hanno provocato morti e devastazioni nelle città francesi. Alleanza in vista delle Europee. Ma un sondaggio Swg certifica il calo di consensi: dal 4 marzo meno 8%
Il marito di Kyenge candidato con la Lega
Il marito di Kyenge candidato con la Lega
Domenico Grispino ha firmato per Salvini e sarà candidato alle prossime comunali con la Lega. La moglie: "Ci siamo separati, faccia come vuole". Lui: "Aiutare gli immigrati a casa loro". Rapporti tesi
Pupularsi, vitalizi a sbaffo, a dettaglio e divani a parcheggio
Pupularsi, vitalizi a sbaffo, a dettaglio e divani a parcheggio
L'onorevole grillina Teresa Manzo infila una serie di strafalcioni esilaranti durante un intervento in aula. Forse non basta essere (in teoria) onesti per governare l'Italia
Parlamentari e sindaco sulla Sea Watch
Parlamentari e sindaco sulla Sea Watch
Salvini all'attacco: "Sono fuorilegge, subito inchiesta sui responsabili Ong". Fratoianni e Prestigiacomo: "Subito lo sbarco dei profughi". Il governo: "No"