Licenziata da Ikea, madre perde il ricorso

| Inutile la mobilitazione dei colleghi dopo il licenziamento di una lavoratrice che aveva solo chiesto di accedere un figlio disabile nelle prime ore della mattina, Il giudice ha respinto il ricorso

+ Miei preferiti

Marica Ricutti, la madre lavoratrice licenziata da Ikea, secondo la quale il licenziamento era "discriminatorio" e che chiedeva il reintegro e il risarcimento del danno, ha perso il ricorso. Per il giudice non c'è stata discriminazione. La donna era stata licenziata da Ikea perché non riusciva a osservare gli orari in quanto madre di due figli piccoli di cui uno disabile. La ex addetta della azienda svedese lavorava da quasi vent'anni nello stabilimento di Corsico. La Filcam-Cgil, che ha messo a disposizione della ex dipendente la assistenza legale, ha fatto sapere che "il provvedimento appare ingiusto e non condivisibile, e per questo la lavoratrice, con il sostegno della Filcams-Cgil Milano, ha già dato mandato ai suoi legali di presentare il ricorso in opposizione, che nei prossimi giorni verrà depositato. La decisione del giudice non sembra infatti tenere in alcuna considerazione una serie di questioni", continua la Filcams Cgil.

"Si tratta di un provvedimento non definitivo con cui il giudice, a seguito di una prima valutazione in fase di urgenza, ha ritenuto legittimo il provvedimento espulsivo adottato nei confronti della lavoratrice, la quale si sarebbe resa colpevole di gravi mancanze, 'disattendendo apertamente disposizioni aziendali'", conclude la nota. Accade nel mondo in apparenza iperdemocratico e progressista di Ikea. I manager della sede di Corsico (Lombardia) hanno  licenziato in tronco una lavoratrice, madre separata con due figli di cui uno disabile, perché non può cominciare a lavorare alle 7 del mattino. In solidarietà con la donna, Marica Ricutti, 39 anni, i colleghi di Corsico hanno scioperato oggi per due ore e hanno deciso per il 5 dicembre un presidio davanti al luogo di lavoro. La donna aveva accettato il cambiamento di reparto nel punto vendita alle porte di Milano, chiedendo che il gruppo svedese le andasse incontro per gli orari. All'inizio Ikea avrebbe dato l'assenso ma poi l'atteggiamento sarebbe cambiato. A Marica era stato contestato l'orario che faceva prima (con inizio alle 9 di mattina) e che aveva adottato nel nuovo reparto. Poi il licenziamento in tronco essendo venuto meno il rapporto di fiducia con la lavoratrice (che ha l'articolo 18) in due occasioni nella quali la donna si era presentata al lavoro in orari diversi da quello previsto. "Ikea dà un segnale a tutti: se non rispetti gli orari, te ne vai" sintetizzava il segretario milanese della Filcams Cgil, Marco Beretta. "Mi opporrò al licenziamento con tutte le mie forze - aveva detto Marica Ricutti che ha subito impugnato il provvedimento - è una questione di dignità".

 

Italia
Soldi facili, ma conseguenze pesanti
Soldi facili, ma conseguenze pesanti
Due episodi, uno nel napoletano l’altro in Sardegna: in entrambi protagonisti dei giovani, convinti di essere più lesti e furbi di tutti
Nave Aquarius senza bandiera
Nave Aquarius senza bandiera
Panama la cancella dai registri navali, Aquarius chiede di potere ancora navigare nel Mediterraneo Centrale. Msf: "Colpa delle minacce del governo italiano". Salvini: "Denuncia per favoreggiamento degli scafisti"
"Rispetto per gli italiani caduti in guerra"
"Rispetto per gli italiani caduti in guerra"
Emanuele Filiberto a Redipuglia, nel sacrario dei soldati morti nel primo conflitto mondiale. "Ricordiamo il sacrificio di questi giovani caduti per un ideale, hanno fatto l'Italia"
Emilia Romagna, 18 morti per la West Nile
Emilia Romagna, 18 morti per la West Nile
E' quasi emergenza per il diffondersi della malattia provocata dalle zanzare, 96 casi e 18 morti, l'ultima il 12 settembre
Fico da Al Sisi, al centro il caso Regeni
Fico da Al Sisi, al centro il caso Regeni
Il presidente della Camera in visita di due giorni in Egitto. Dopo l'infelice uscita di Di Maio, reduce pure lui dal Cairo, la famiglia del ricercatore torturato e ucciso aspetta notizie concrete sull'inchiesta
Le vittime silenziose del ponte Morandi
Le vittime silenziose del ponte Morandi
I contorni del disastro del 14 agosto non sono solo i 43 morti, ma coloro che sono stati sfiorati dalla morte, e faticano a riprendersi
Nove mesi di galera per finte recensioni su TripAdvisor
Nove mesi di galera per finte recensioni su TripAdvisor
La sentenza, accolta con grande soddisfazione dal portale, è stata decisa dal tribunale di Lecce
Fenomenologia del “Dibba”
Fenomenologia del “Dibba”
Ritratto del più inafferrabile dirigente del M5S: in viaggio dallo scorso maggio, di tanto in tanto si toglie lo sfizio di entrare a gamba tesa nella politica italiana e agitare le acque
"Italia razzista e violenta con Rom e profughi"
"Italia razzista e violenta con Rom e profughi"
La denuncia dell'Alto Commissario per i diritti Onu, decisa inviare i suoi team in Italia e Austria. L'analisi del The Guardian
Italia, il paese dei divorziati
Italia, il paese dei divorziati
Aumenta in modo esponenziale il numero di coppie che scoppiano: tra le cause l’imperversare dei social. Impennata degli over 80.