Licenziata da Ikea, madre perde il ricorso

| Inutile la mobilitazione dei colleghi dopo il licenziamento di una lavoratrice che aveva solo chiesto di accedere un figlio disabile nelle prime ore della mattina, Il giudice ha respinto il ricorso

+ Miei preferiti

Marica Ricutti, la madre lavoratrice licenziata da Ikea, secondo la quale il licenziamento era "discriminatorio" e che chiedeva il reintegro e il risarcimento del danno, ha perso il ricorso. Per il giudice non c'è stata discriminazione. La donna era stata licenziata da Ikea perché non riusciva a osservare gli orari in quanto madre di due figli piccoli di cui uno disabile. La ex addetta della azienda svedese lavorava da quasi vent'anni nello stabilimento di Corsico. La Filcam-Cgil, che ha messo a disposizione della ex dipendente la assistenza legale, ha fatto sapere che "il provvedimento appare ingiusto e non condivisibile, e per questo la lavoratrice, con il sostegno della Filcams-Cgil Milano, ha già dato mandato ai suoi legali di presentare il ricorso in opposizione, che nei prossimi giorni verrà depositato. La decisione del giudice non sembra infatti tenere in alcuna considerazione una serie di questioni", continua la Filcams Cgil.

"Si tratta di un provvedimento non definitivo con cui il giudice, a seguito di una prima valutazione in fase di urgenza, ha ritenuto legittimo il provvedimento espulsivo adottato nei confronti della lavoratrice, la quale si sarebbe resa colpevole di gravi mancanze, 'disattendendo apertamente disposizioni aziendali'", conclude la nota. Accade nel mondo in apparenza iperdemocratico e progressista di Ikea. I manager della sede di Corsico (Lombardia) hanno  licenziato in tronco una lavoratrice, madre separata con due figli di cui uno disabile, perché non può cominciare a lavorare alle 7 del mattino. In solidarietà con la donna, Marica Ricutti, 39 anni, i colleghi di Corsico hanno scioperato oggi per due ore e hanno deciso per il 5 dicembre un presidio davanti al luogo di lavoro. La donna aveva accettato il cambiamento di reparto nel punto vendita alle porte di Milano, chiedendo che il gruppo svedese le andasse incontro per gli orari. All'inizio Ikea avrebbe dato l'assenso ma poi l'atteggiamento sarebbe cambiato. A Marica era stato contestato l'orario che faceva prima (con inizio alle 9 di mattina) e che aveva adottato nel nuovo reparto. Poi il licenziamento in tronco essendo venuto meno il rapporto di fiducia con la lavoratrice (che ha l'articolo 18) in due occasioni nella quali la donna si era presentata al lavoro in orari diversi da quello previsto. "Ikea dà un segnale a tutti: se non rispetti gli orari, te ne vai" sintetizzava il segretario milanese della Filcams Cgil, Marco Beretta. "Mi opporrò al licenziamento con tutte le mie forze - aveva detto Marica Ricutti che ha subito impugnato il provvedimento - è una questione di dignità".

 

Italia
Grillo (la ministra) e grillini NI VAX
Grillo (la ministra) e grillini NI VAX
Oggi in vigore la legge Lorenzin che impone l'obbligo dei vaccini a scolari e studenti, ma Grillo minaccia una nuova legge all'insegna "della scelta senza imposizioni". Puoi ammette: "C'è un'epidemia di morbillo"
La Tav è morta, viva la Tav
La Tav è morta, viva la Tav
Si rimanda a data da destinarsi, come da prassi, vietando a Telt di bloccare i capitolati di gara ma al tempo stesso autorizzandola a emettere avvisi per 2,3 miliardi di euro
Donne, quanto cammino ancora da fare
Donne, quanto cammino ancora da fare
Oggi la giornata dedicata alle donne, tempo di bilanci. Intervista al giurista Vincenzo Maltese. Dai conflitti familiari alle violenze di genere. Ancora discriminazioni
Elezioni Vercelli, l'ora del 'Lone Ranger'
Elezioni Vercelli, l
Luca Pedrale, candidato per una lista civica, ha commissionato un sondaggio alla Ghisleri con un risultato sorprendente: sbaraglierebbe gli avversati di tutte le formazioni. Scenari possibili anche a livello nazionale?
TAV, CONTE FA L'ARBITRO
TAV, CONTE FA L
Mentre a Roma Conte riunisce i suoi vice per un vertice (“non risolutivo”) sull’Alta Velocità, la Torino che vuole la Tav fa sentire la propria voce. Intervista a Fabrizio Ricca della Lega e Mino Giachino, promotore dei comitati Sì Tav
Orune, agguato in armi alla cisterna
Orune, agguato in armi alla cisterna
Uomini incappucciati bloccano autocisterna e, sotto la minaccia delle armi, costringono l'autista a versare il latte in strada. Dieci pastori denunciati per blocchi stradali. Tensione nel giorno delle elezioni
Sanità, Formigoni va in carcere
Sanità, Formigoni va in carcere
Dopo la condanna in giudicato di 5 anni e 10 mesi, il provvedimento eseguito dai carabinieri. L'ex governatore della Lombardia, il cui sistema sanitario è tra i migliori d'Europa, accusato di aver favorito aziende in cambio di favori
Condannato il figlio di Giovanni Rana
Condannato il figlio di Giovanni Rana
La Cassazione ha ribadito la condanna al risarcimento di un ex manager omosessuale definito “finocchio” sul posto di lavoro
"Nord Corea 007? Non c'entriamo nulla"
"Nord Corea 007? Non c
La figlia del diplomatico in fuga avrebbe scelto volontariamente di rientrare in patria per "vedere i nonni". Salvini non risponderà alle interrogazioni del
Anche Vasco nella truffa dei diamanti
Anche Vasco nella truffa dei diamanti
Due aziende, con la complicità di cinque banche, truffavano i clienti aumentando il valore dei preziosi