Il sorriso di Giulio, non dimenticarlo mai

| Un tour in memoria di Regeni, dal 25 giugno al 3 luglio, attraverserà le circoscrizioni cittadine per concludersi in Comune. Un modo per tenere alta l'attenzione sulla morte ancora senza colpevoli del giovane ricercatore triestino

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

GERMANO LONGO
Giulio Regeni spariva il 25 gennaio dello scorso anno in un nulla che l'avrebbe restituito soltanto il 3 febbraio successivo, all'interno di un fosso dell'autostrada fra il Cairo e Alessandria. Rapito, torturato e ucciso dopo averlo seguito e pedinato, per i probabili legami con il movimento sindacale che si oppone al governo del generale al-Sisi. Da allora, per la famiglia, l'opinione pubblica e per l'Italia intera, l'obiettivo è solo uno: conoscere la verità, trovare i colpevoli e chiudere per sempre i conti con l'ingiusta morte di un ragazzo di 28 anni.


È questo il senso della "Settimana per Giulio", sette giorni, dal 25 giugno al 3 luglio, organizzati da Amnesty International Piemonte e Valle d'Aosta, con la collaborazione delle Circoscrizioni della Città di Torino e il sostegno dell'Associazione Stampa Subalpina, il sindacato dei giornalisti piemontesi, per ricordare i 17 mesi trascorsi dalla scomparsa e il ritrovamento del corpo del giovane ricercatore triestino. "E' necessario il sostegno di tutti per ottenere verità e giustizia sulla tragedia di Giulio - ha commentato Alessandra Ballerini, avvocata della famiglia Regeni - vorremmo che l'Europa dichiarasse l'Egitto come un Paese non sicuro. In questi mesi, nonostante le nostre richieste, non siamo ancora riusciti a visionare il fascicolo sulla morte di Giulio, ed è possibile che a settembre i famigliari debbano tornare al Cairo per un nuovo tentativo di far luce sulla vicenda. In questo caso sarebbe importante avere accanto a noi giornalisti, parlamentari e rappresentanti della società civile".

Per lo striscione giallo diventato il simbolo dell'omicidio Regeni un piccolo tour che inizia dalla Circoscrizione 3, che in questi ospita la mostra fotografica "Stop tortura", curata da Amnesty. Il grosso striscione sarà affacciato su corso Peschiera, di fronte al mercato, in un punto di grande passaggio. Dopo aver attraversato le circoscrizioni torinesi, il tour si concluderà il 3 luglio in Municipio.

Ad assicurare il loro sostegno in questa campagna, a fianco dei genitori di Giulio, dei "genitori erranti", come si sono definiti nella ricerca della verità, sono anche gli europarlamentari Elly Schlein e Brando Benifei.

Italia
Sardegna, il tracollo dei grillini
Sardegna, il tracollo dei grillini
Bassa affluenza, vince il giornalista Andrea Frailis del centrosinistra. Battuto il candidato grillino Luca Caschili, nonostante la calata dei big, con una perdita di voti, rispetto al 4 marzo, del 14 per cento in meno
Piersanti Mattarella liberò politica da mafia
Piersanti Mattarella liberò politica da mafia
La Sicilia, il governo, e le istituzioni ricordano il sacrificio, avvenuto 39 anni fa in via Libertà a Palermo, ad opera della mafia, del fratello del Presidente. Ucciso dai corleonesi con complicità mai chiarite
La mafia uccise Fava, ma fu per debolezza
La mafia uccise Fava, ma fu per debolezza
Il clan Santapaola di Catania, 35 anni, fece assassinare il giornalista Giuseppe Fava ma le sue denunce furono poi riprese dalle procure di Palermo e Catania
"Luca sparito? Doveva restare segreto"
"Luca sparito? Doveva restare segreto"
Il padre dell'architetto Luca Tacchetto, 30 anni, sparito il 15 dicembre nel Burkina Faso, è molto preoccupato. "C'è il rischio di pregiudicare le ricerche". Sparita anche la canadese Edith Blais. Ipotesi rapimento Isis, l'analisi
Edoardo Agnelli, quanto lontana è ancora la pace eterna
Edoardo Agnelli, quanto lontana è ancora la pace eterna
Non si spengono gli echi dei sospetti sulla morte a 46 anni, nel 2000, dello sfortunato rampollo di Casa Agnelli. Per gli iraniani non fu suicidio ma delitto. Ma mancano le prove. Per Radio1 è sempre "un mistero"
Di Maio ricoverato al Gemelli ma non è vero
Di Maio ricoverato al Gemelli ma non è vero
La notizia era comparsa per 24 secondi sul sito di Repubblica. Il direttore si è scusato con l'interessato e con i lettori. Tanto è bastato agli haters per esultare: "L'Italia è salva!", scrivevano nei post. Di Maio: "Faccio gli scongiuri"
Profughi Seawatch in Olanda
Profughi Seawatch in Olanda
Si sblocca la situazione dopo l'allarme lanciato dai medici sulle condizioni dei profughi a bordo della Ong Sea Watch accolta nella rada di Malta ma con il divieto di ormeggiare. Olanda accoglie profughi, compresi donne e bambini
"Controllerò i profughi di Palermo..."
"Controllerò i profughi di Palermo..."
Salvini contro il sindaco di Palermo che rifiuta di applicare le norme del decreto sicurezza varato dal governo giallo-verde. Lui tira dritto: "E' anti-costituzionale
La grande monnezza
La grande monnezza
L’ultimo affondo dell’anno verso l’abbandono di Roma è un regalo del New York Times. Una passeggiata per le vie della capitale del mondo, afflitta da tutti i mali possibili e passata attraverso una sequela di giunte incapaci
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio
babbo Boschi ecco babbo Di Battista
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio<br>babbo Boschi ecco babbo Di Battista
L'azienda del padre di "Dibba", lui però è socio, non paga i dipendenti e nemmeno la sorella. Poi debiti con banche, fornitori, lo Stato. Lo scrive Il Giornale. Lui va all'attacco: "Berlusconi, verrò di nuovo ad Arcore"