Informali: "Fateci rientrare nel movimento"

| Operazione Scripta Manent: in cella gli arrestati da procura e Digos. I dossiers

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Gli anarchici della Federazione Anarchica Informale ora cercano di legittimarsi, con le loro azioni di natura eversiva, con il resto del movimento, anche con l'odiata e derisa Federazione Anarchica Italiana, anche l'ala insurrezionalista con capitale Trento e sub-capitale Torino. Non sono più "anarchici da operetta", "cittadinisti alla ricerca di inutili consensi" ma di nuovo "compagni" o "compas" con cui condividere un percorso comune. Tanto evidente, questa nuova linea, che i redattori di Croce Nera, il sito di riferimento degli Informali, hanno tolto i post più critici mentre sono pronti a cambiare gli avvocati della difesa, scegliendo proprio quei legali che seguono le vicende degli anarchici e degli antagonisti di area autonoma, senza ulteriori irrigidimenti ideologici. Non sono più, loro, gli unici rivoluzionari in circolazione. Hanno capito che, da soli, non vanno da nessuna parte, al massimo in galera. E per anni e anni.
I sette arrestati dalla Digos di Torino nel corso dell'operazione Scripta Manent, - infatti - coordinata dal pm Roberto Sparagna, sono tutti militanti della Federazione Anarchica Infomale. E' quanto afferma la sentenza della Cassazione nel rigettare le istanze di scarcerazione avanzate nei confronti dei sette arrestati. Alcune le ha ritenute "inammissibili". Gli anarchici che teorizzano l'uso della violenza per sostenere le proprie tesi anti-sistema, sono ritenuti responsabili di una lunga serie di attentati. 

Restano in cella i torinesi Alfredo Cospito, Anna Beniamino, Nicola Gai, Danilo Cremonese e Valentina Speziale. I primi tre sono torinesi, gli altri del Centro Sud, compresi Alessandro Mercogliano e Marco Bisesti. Una decisione, quella della Cassazione, passata totalmente sotto silenzio lungo gli infiniti nodi della rete web anarchico comunque di contro-informazione. Neppure il sito Croce Nera Anarchica, il sito di riferimento degli informali, ha riportato un rigo di una decisione che mantiene in carcere tutti gli arrestati. E' un colpo a sopresa, mentre  si delineano le linee di comando a livello europeo, saldamente nelle mani degli scarcerati Gabriel Pombo da Silva, ex convivente di una delle fiure femminili più importanti della Fai Informale italiana, e di Marco Camenisch, il terrorista che ha scontato una lunga pena in Svizzera per omicidio. segnale di un'operazione di riavvicinamento dei vari segmenti del movimento anarchico europeo, deciso a superare quella monocoltura filo-terrorista, espressa dall'area informale e in particolare da Cospito, Gai e Beniamino. Alcuni post pubblicati su Croce Nera, critici nei confronti degli ideologi torinesi, sono stati rapidamente cancellati. Anna Beniamino invece accredita la tesi, a proposito di Scripta Manent, di un'operazione volta a reprimere l'intero movimento anarchico: "Questo procedimento - scrive - mira a reprimere sul nascere qualsiasi espressione del sentire anarchico e non rappresenta altro che la guerra che l'autorità porta avanti contro il connubio di pensiero ed azione che sta alla base dell'anarchismo". 

Ma, osservano gli investigatori, queste voglie matte di unità, "mal si conciliano con le precedenti accuse di immobilismo rivolte negli ultimi mesi contro altri settori dello stesso movimento anarchico di matrice insurrezionalista". I riferimenti erano contenuti nei documenti di rivendicazione dell'attentato contro il manager Ansaldo Roberto Adinolfi, e su un testo comparso appunto su Croce Nera: "Su etica, sabotaggio e terrorismo". Oggi la cellula Fai/Fri informale vuole presentarsi, con il capo cosparso di cenere e in ginocchio sui ceci, secondo la definizione di un anarco-insurrezionalista torinese, come rappresentante di un'intera area politica "per assumere la veste della sete di vendetta dello Stato". La lunga catena di attentati, sinora a bassa intensità, sembra far capire che gli anarchici hanno almeno in parte accolto questa nuova posizione. Per capire se, anche se solo in parte, questo processo di riunificazione tra la Federazione Informale e il resto del movimento, s'è davvero realizzato, si vedrà sui siti di riferimento delle aree anarchice coinvolte. Questione di giorni. Il tempo di consentire a Cospito-Beniamino di elaborare il lutto per una Fai/Fri che di fatto non c'è più.





Italia
La Shoah, non c'erano solo i nazisti
La Shoah, non c
Il vicepresidente del Lazio Massimiliano Smeriglio su Facebook: "Collaborarono anche i fascisti italiani, genocidio una colpa collettiva"
Lei non vuole fare sesso, lui chiede il divorzio
Lei non vuole fare sesso, lui chiede il divorzio
Se non fosse stato per questo dettaglio, forse nessuno si sarebbe accorto della truffa intentata da una donna ai danni di un anziano, circuito e sposato per ereditare tutto
#spariamoasalvini
MIGLIAIA DI LIKE
#spariamoasalvini<br>MIGLIAIA DI LIKE
ESCLUSIVO Continuano gli attentati anarchici contro la Lega, insulti e minacce di morte a Matteo Salvini, nel mirino dell'Anti-terrorismo l'area informale e simpatizzanti delle Br
La bomboniera pistola: gadget per mafiosi
La bomboniera pistola: gadget per mafiosi
Un consigliere regionale napoletano ha svelato la novità di un’azienda specializzata in bomboniere. “Segnale preoccupante per la società”
Gommone con 70 profughi sbarco a Lampedusa
Gommone con 70 profughi sbarco a Lampedusa
Malta non ha mezzi, interviene l'Italia. In arrivo solo la nave Ong "Mare Jonio". Il gommone era al largo dell'isola di Lampedusa, Guardia Costiera in soccorso.
"Così hanno ucciso Stefano Cucchi"
"Così hanno ucciso Stefano Cucchi"
La redazione di Ism pubblica integralmente uno dei verbali firmati dal carabiniere Francesco Tedesco che, dopo nove anni, ha raccontato cosa è avvenuto nella caserma Casilina dopo il fermo
Miriana Trevisan rinviata a giudizio per diffamazione
Miriana Trevisan rinviata a giudizio per diffamazione
La showgirl deve rispondere delle accuse lanciate al produttore Massiliano Caroletti, che l’avrebbe molestata ridimensionando il suo ruolo in un film dopo il rifiuto
Bimbi e ragazzi, sempre più vittime di reati
Bimbi e ragazzi, sempre più vittime di reati
Aumentano le denunce in cui vengono presi di mira i giovanissimi. Al primo posto i maltrattamenti in famiglia, poi violenze sessuali e detenzione di materiale pedo-pornografico
Sanità, il libro nero degli sprechi
Sanità, il libro nero degli sprechi
Su 6 miliardi di spesa, secondo uno studio Anac, se ne potrebbe risparmiare almeno 1 uniformando gli acquisti da fornitori comuni. I maggiori sprechi al Sud ma disfunzioni anche al Nord
"Attacchi cyber, ultima frontiera del male"
"Attacchi cyber, ultima frontiera del male"
ESCLUSIVO. Angelo Tofalo, 37 anni, pentastellato, ingegnere e sottosegretario alla Difesa spiega i nuovi scenari del conflitto globale. Gli attacchi alla rete fanno ormai parte delle strategie militari ostili. Come difendersi