"La moto ha rallentato impossibile frenare non volevo uccidere, solo una disgrazia"

| La disperata difesa di Maurizio De Giulio, l'elettricista che ha travolto con il suo furgone la Ktm 650 con Matteo Penna ed Elisa Ferrero, morta sul colpo

+ Miei preferiti
"Sono uscito dalla traversa lentamente, ho guardato bene prima di immettermi sulla Statale, quella moto proprio non l'ho vista, la colonna era quasi ferma, poi mi hanno affiancato, quel ragazzo ha tirato un pugno allo specchietto che si è rotto. Sono rimasto sorpreso, non ho capito subito cos'era successo. Allora ho voluto inseguire la moto per prendere almeno il numero di targa e segnalare il fatto all'assicurazione per farmi ripagare lo specchietto rotto". 

BATTAGLIA TRA PERITI

Questa è la ricostruzione dell'elettricista di Collegno, Maurizio Di Giulio, 50 anni, in carcere per omicidio volontario aggravato in una cella delle Vallette dopo il tragico schianto di Condove. Una ricostruzione e, attraverso l'assistenza dell'avvocato di fiducia Vittorio Nizza, ribadita sia nel corso dei primi interrogatori, sia al gip durante l'udienza di convalida dell'arresto. Ora una lunga memoria, molto dettagliata, è nelle mani della difesa che si appresta ad affrontare la chiusura indagini e l'imminente processo, la cui prima udienza sarà comunque entro il 2017. Se è vero o no questo aspetto centrale dell'inchiesta sullo schianto mortale avvenuto all'altezza della rotatoria del Gravio, nel pomeriggio di domenica 9 luglio, lo stabiliranno i periti.

SPECCHIETTO SOTTO SEQUESTRO

Lo specchietto è stato infatti sequestrato dagli investigatori pochi minuti dopo l'incidente e saranno i periti (Roberto Bergantin per l'accusa, Cosimo Mancini per la difesa) a stabilire se s'è rotto nell'impatto contro il guard rail (costato la vita ad Elisa Ferrero, 27 anni, riducendo in fin di vita il fidanzato Matteo Penna tutelato dall'avvocato Pierfranco Bertolino), dimesso pochi giorni fa dall'ospedale) o prima, a causa della reazione di Matteo. Resta una terza ipotesi: Il motociclista s'è avvicinato per fare delle rimostranze con l'autista del Transit, reo di avere rischiato di travolgerlo, e, nel ripatire, avrebbe involontariamente urtato lo specchietto, rompendolo in modo parziale. Ma Maurizio De Giulio, come sembra dimostrare il video raccolto dal discoteca di video-sorveglianza di un'azienda della zona, non solo avrebbe raggiunto, dopo il sorpasso di sei auto, la moto poco prima della rotatoria, ma l'avrebbe volontariamente investita, senza neanche tentare di frenare. I testimoni, infatti, gli automobilisti che lo seguivano, non avranno visto il rosso delle luci posteriori, né sembrava avere  diminuito l'andatura. Ne è stata trovata, nel corso dei rilievi, traccia di frenata.

"LA MOTO HA RALLENTATO DI COLPO" 

"La moto ha rallentato di colpo, prima di immettersi, e non ho fatto in tempo a frenare, l'ho fatto dopo ma ormai era troppo tardi. Non volevo uccidere, non volevo far male a nessuno, mi spiace per quello che è successo alla ragazza, forse i freni non hanno funzionato". Infatti, tra pochi giorni, saranno noti i risultati delle perizie sui freni del Transit, posto immediatamente sotto sequestro dai carabinieri. Resta di quei tragici minuti, la testimonianza della campagna: "Gli ho implorato di lasciare perdere, ma lui ha voluto a tutti i costi inseguire quella moto per prendere il numero di targa". A bordo c'era anche la figlia della coppia, di 11 anni.

Italia
Caso Diciotti, slitta il verdetto del popolo 5s
Caso Diciotti, slitta il verdetto del popolo 5s
La piattaforma della Casaleggio Associati va in tilt e il voto slitta di un'ora, idem la chiusura. Di Maio : "Sosterrò il risultato della consultazione". W Grillo? "La battuta ci sta, sì vuol dire no e no il contrario. Ora è più chiaro"
TAV bocciata dal dossier costi-benefici
TAV bocciata dal dossier costi-benefici
Come ampiamente previsto, la commissione voluta dal ministro Toninelli ha smontato numeri e previsioni dell'Alta Velocità. Attesa per le reazioni della Francia, della UE e di Salvini, che si è sempre detto favorevole all’opera
Sardegna: la guerra del latte
Sardegna: la guerra del latte
Chiedono un prezzo al litro che gli permetta di sopravvivere: attualmente i 0,60 cent non bastano neanche per coprire le spese. Migliaia di litri di latte di pecora hanno imbiancato le strade dell’isola
Di Maio-Di Battista, disastro in Abruzzo
Di Maio-Di Battista, disastro in Abruzzo
Abruzzo test nazionale, con la Lega che raddoppia i consensi e la coalizione di centro destra vincente. Governatore il senatore Marco Marsilio di Fratelli d'Italia, Tiene Forza Italia. E la sinistra è in forte ripresa
"Bacioni al rosicone Travaglio"
"Bacioni al rosicone Travaglio"
Una vignetta di Mannelli deforma il volto del ministro trasformandolo in una specie di maiale. Ma la vignetta su Toninelli finì prima censurata poi pressoché nascosta. Salvini: "Sempre carini eh? Bacioni ai rosiconi"
Ecco il Sim, il primo sindacato dei carabinieri
Ecco il Sim, il primo sindacato dei carabinieri
Prime adesioni, un brigadiere come segretario, presidente il capitano Ultimo. "Ringraziamo il ministro della Difesa Trenta per l'aiuto". Programma ancora da definire
Di Maio e Di Battista scelgono i violenti
Di Maio e Di Battista scelgono i violenti
Ennesima capriola del Movimento 5stelle che si schiera con i Gilet Jaune che hanno provocato morti e devastazioni nelle città francesi. Alleanza in vista delle Europee. Ma un sondaggio Swg certifica il calo di consensi: dal 4 marzo meno 8%
Il marito di Kyenge candidato con la Lega
Il marito di Kyenge candidato con la Lega
Domenico Grispino ha firmato per Salvini e sarà candidato alle prossime comunali con la Lega. La moglie: "Ci siamo separati, faccia come vuole". Lui: "Aiutare gli immigrati a casa loro". Rapporti tesi
Pupularsi, vitalizi a sbaffo, a dettaglio e divani a parcheggio
Pupularsi, vitalizi a sbaffo, a dettaglio e divani a parcheggio
L'onorevole grillina Teresa Manzo infila una serie di strafalcioni esilaranti durante un intervento in aula. Forse non basta essere (in teoria) onesti per governare l'Italia
Parlamentari e sindaco sulla Sea Watch
Parlamentari e sindaco sulla Sea Watch
Salvini all'attacco: "Sono fuorilegge, subito inchiesta sui responsabili Ong". Fratoianni e Prestigiacomo: "Subito lo sbarco dei profughi". Il governo: "No"