La Tav è morta, viva la Tav

| Si rimanda a data da destinarsi, come da prassi, vietando a Telt di bloccare i capitolati di gara ma al tempo stesso autorizzandola a emettere avvisi per 2,3 miliardi di euro

+ Miei preferiti
“A sprezzo del pericolo, l’artificiere di Stato Conte Giuseppe non esitava a gettarsi nella fossa dove due incauti compagni di battaglione avevano inavvertitamente sistemato un ordigno pronto ad esplodere. Incurante delle conseguenze, Conte Giuseppe disinnescava l’ordigno a pochi secondi dall’esplosione, salvando le umane genti circostanti”. Se un giorno il premier si beccherà una medaglia e un encomio solenne, questa potrebbe essere la motivazione ufficiale, letta da qualche generale mentre in cielo passano le Frecce Tricolori.

Non sarà così, quasi certamente. Ma la missione di Conte, al contrario, era esattamente solo una: sedare la rissa fra Salvini e Di Maio, nessuno dei due disposto a cedere di fronte alla Tav, almeno di fronte ai rispettivi elettorati. Ma facendo anche in modo che ambedue potessero dirsi vincitori della disfida di Chiomonte. 

Non era facile, va ammesso. C’era di mezzo una crisi sfiorata, per qualche ora addirittura palpabile, con nervi tesi, minacce, musi lunghi e nervosismo. Poi Conte, l’avvocato solo di una parte degli italiani - è bene chiarirlo - ha tirato fuori l’unica carta possibile, che ancora una volta non decide niente ma rimanda, come sempre, a data da destinarsi. In una lettera inviata a “Telt” (Tunnel Euralpin Lyon-Turin), il premier ha chiesto alla società che si occupa dei lavori della Tav di non far partire i capitolati di gara senza l’avallo dei governi di Italia e Francia. Al loro posto, per non perdere i finanziamenti europei già stanziati, sono però stati autorizzati gli avvisi di gara per 2,3 miliardi di lavori del tunnel di base, con la clausola di dissolvenza a cui appellarsi per “ridiscutere integralmente” il progetto. Dove sia la differenza non è chiaro, ma fosse l’unica cosa non chiara, potremmo farcene una ragione.

Eppure, senza star lì a sprecare righe elencando le lamentele di chi vuole la Tav (compresa la nuova discesa in campo delle “Madamin”, a cui si riferiscono le foto), i proclami vittoriosi dei pentastellati e la granitica convinzione dei leghisti di essere sempre e comunque quelli dalla parte giusta, Conte è riuscito nell’impresa di darsi tempo per preparare massicce dosi di sedativi, nascosti sotto la frase “necessità di ridiscutere l’opera con la Francia e la commissione UE”. Altro modo, per rallentare la corsa verso il baratro su cui si erano imbarcati i due vicepremier, che ormai litigano un giorno sì e l’altro pure, non c’era.

Quelli cattivi, che in questo paese ci sono eccome, ricordano “en passant” che a fine marzo Salvini sarà costretto a superare il voto del Senato sull’autorizzazione a procedere sul caso della nave Diciotti. Qualcuno deve avergli ricordato il peso dei grillini per salvarlo una seconda volta dal Tribunale di Catania, e lui ha probabilmente scelto sardonicamente di rimandare tutto al termine delle elezioni Europee, quando ogni cosa sarà più chiara e qualcuno potrà iniziare a fare le valigie per tornare a casa. Ma senza passare da Chiomonte.

Galleria fotografica
La Tav è morta, viva la Tav - immagine 1
Italia
Grillo (la ministra) e grillini NI VAX
Grillo (la ministra) e grillini NI VAX
Oggi in vigore la legge Lorenzin che impone l'obbligo dei vaccini a scolari e studenti, ma Grillo minaccia una nuova legge all'insegna "della scelta senza imposizioni". Puoi ammette: "C'è un'epidemia di morbillo"
Donne, quanto cammino ancora da fare
Donne, quanto cammino ancora da fare
Oggi la giornata dedicata alle donne, tempo di bilanci. Intervista al giurista Vincenzo Maltese. Dai conflitti familiari alle violenze di genere. Ancora discriminazioni
Elezioni Vercelli, l'ora del 'Lone Ranger'
Elezioni Vercelli, l
Luca Pedrale, candidato per una lista civica, ha commissionato un sondaggio alla Ghisleri con un risultato sorprendente: sbaraglierebbe gli avversati di tutte le formazioni. Scenari possibili anche a livello nazionale?
TAV, CONTE FA L'ARBITRO
TAV, CONTE FA L
Mentre a Roma Conte riunisce i suoi vice per un vertice (“non risolutivo”) sull’Alta Velocità, la Torino che vuole la Tav fa sentire la propria voce. Intervista a Fabrizio Ricca della Lega e Mino Giachino, promotore dei comitati Sì Tav
Orune, agguato in armi alla cisterna
Orune, agguato in armi alla cisterna
Uomini incappucciati bloccano autocisterna e, sotto la minaccia delle armi, costringono l'autista a versare il latte in strada. Dieci pastori denunciati per blocchi stradali. Tensione nel giorno delle elezioni
Sanità, Formigoni va in carcere
Sanità, Formigoni va in carcere
Dopo la condanna in giudicato di 5 anni e 10 mesi, il provvedimento eseguito dai carabinieri. L'ex governatore della Lombardia, il cui sistema sanitario è tra i migliori d'Europa, accusato di aver favorito aziende in cambio di favori
Condannato il figlio di Giovanni Rana
Condannato il figlio di Giovanni Rana
La Cassazione ha ribadito la condanna al risarcimento di un ex manager omosessuale definito “finocchio” sul posto di lavoro
"Nord Corea 007? Non c'entriamo nulla"
"Nord Corea 007? Non c
La figlia del diplomatico in fuga avrebbe scelto volontariamente di rientrare in patria per "vedere i nonni". Salvini non risponderà alle interrogazioni del
Anche Vasco nella truffa dei diamanti
Anche Vasco nella truffa dei diamanti
Due aziende, con la complicità di cinque banche, truffavano i clienti aumentando il valore dei preziosi
"I miei genitori arrestati, è assurdo"
"I miei genitori arrestati, è assurdo"
Con un lungo post su Facebook, Matteo Renzi commento gli arresti domiciliari per i genitori ultrasettantenni e incensurati. La decisione del gip di Firenze dopo le indagini della Guardia di finanza