Militari italiani uccisi da negligenze e silenzi

| Drammatico documento finale della commissione parlamentare. I gravi danni alla salute provocati dall'uranio impoverito e dall'amianto nei mezzi di tutte le armi. Oltre mille morti per absestosi solo in Marina

+ Miei preferiti

Un quadro di “sconvolgente criticità” che, “in Italia e nelle missioni all’estero”, ha “seminato morti e malattie tra i lavoratori militari del nostro Paese”, con un “risultato devastante”. Criticità “alimentate da un problema irrisolto”, che “l’universo della sicurezza militare non è governato da norme e da prassi adeguate”, ed aggravate da un certo “‘negazionismo’ dei vertici militari” e dal fatto che “nell’Amministrazione della Difesa continua a diffondersi un senso d’impunità quanto mai deleterio per il futuro: l’idea che le regole c’erano, ci sono e ci saranno, ma che si potevano, si possono e si potranno violare senza incorrere in effettive responsabilità. E quel che è ancora peggio, dilaga tra le vittime e i loro parenti un altrettanto sconfortante senso di giustizia negata”.

Sono le accuse lanciate dalla Commissione parlamentare di inchiesta sugli effetti dell’utilizzo dell’uranio impoverito (la quarta costituita nella storia del Parlamento italiano) che, concluso il suo mandato, ha presentato una relazione finale nella quale si fa un bilancio delle indagini sulle questioni che concernono l’utilizzo dell’uranio impoverito e su altri fattori patogeni incidenti sulla salute dei militari, dei dipendenti civili dell’Amministrazione della Difesa e delle popolazioni residenti nei territori su cui insistono i poligoni e le installazioni militari.

Le criticità affrontate dalla Commissione, spiega la relazione, “sono alimentate da un problema irrisolto: l’universo della sicurezza militare non è governato da norme e da prassi adeguate. Restano immutate le scelte strategiche di fondo che attualmente ispirano la politica della sicurezza nel mondo delle Forze Armate. Quelle scelte strategiche che paradossalmente trasformano il personale della Difesa in una categoria di lavoratori deboli”.

La Commissione parlamentare ha accertato che “la presenza di amianto ha purtroppo caratterizzato navi, aerei, elicotteri” che “solo nell’ambito della Marina Militare 1.101 persone sono decedute o si sono ammalate per patologie asbesto-correlate”. Sono inoltre “molteplici e temibili” i rischi “a cui sono esposti lavoratori e cittadini nelle attività svolte dalle Forze Armate, ma anche dalla Polizia di Stato e dai Vigili del Fuoco” per l’utilizzo o la presenza di uranio impoverito o amianto: “Basti pensare ai poligoni di tiro presenti sul territorio nazionale nei quali la mancata o tardiva bonifica dei residui dei munizionamenti impiegati nelle esercitazioni ha prodotto rischi ambientali in danno di quanti sono chiamati ad operare o a vivere nel loro ambito”.

Infine per la Commissione “le reiterate sentenze della magistratura ordinaria e amministrativa hanno costantemente affermato l’esistenza, sul piano giuridico, di un nesso di causalità tra l’accertata esposizione all’uranio impoverito e le patologie denunciate dai militari o, per essi, dai loro superstiti” e, “sulla scorta della documentazione acquisita, raccomanda al prossimo Parlamento di vigilare con il massimo scrupolo sulle modalità di realizzazione della missione” italiana in Niger, “anche per quanto attiene alla valutazione dei rischi, all’idoneità sanitaria e ambientale dei luoghi di insediamento del contingente, alla congruità delle pratiche vaccinali adottate e alle pratiche di sorveglianza sanitaria”.

Italia
Anno dei record, caldo e piogge torrenziali
Anno dei record, caldo e piogge torrenziali
Più 1,40 gradi rispetto alla media storica dal 1800 a oggi. Ma i cambiamenti climatici hanno portato anche a fortissime precipitazioni, grandine e tempeste di vento. Con gravi danni all'agricoltura. I dati di Coldiretti
Msf: "Morti 600 naufraghi in un mese"
Msf: "Morti 600 naufraghi in un mese"
Dopo il blocco delle navi Ong, nel Mediterraneo sono morte 600 persone in un mese, compresi bambini e donne. Lo afferma Medici senza frontiere in base ai rapporti Onu
Consip stacca la spina a Qui! Ticket
Consip stacca la spina a Qui! Ticket
La consociata del Tesoro ha risolto il contratto con la società genovese Qui Group per le macro aree Buoni Pasto ed.7, Piemonte, Liguria, Val d'Aosta, Lombardia e Lazio per "reiterate inadempienze". Che fine fanno i tagliandi gialli?
Gli operai di Melfi contro Ronaldo
Gli operai di Melfi contro Ronaldo
Tre giorni di protesta negli stabilimenti in Molise, per contestare la cifra spesa dalla Juventus per acquistare il fuoriclasse portoghese, “In un momento che l’azienda definisce difficile e senza che all’orizzonte si vedano nuovi modelli"
Le app-spia che tracciano vita e abitudini
Le app-spia che tracciano vita e abitudini
Dopo Strava nel mirino anche Polar. In teoria servono per gestire le attività sportive, ma in teoria possono rivelare dettagli importanti e dati sensibili. Tracciati soprattutto militari che prestano servizio nelle basi Nato
Cinquanta sfumature di Noir
Cinquanta sfumature di Noir
Quarta edizione per il seguitissimo Festival AG Noir di Andora, che ogni anno propone un programma fittissimo di incontri con autori e addetti ai lavori. Premiato il volume di Fabio Federici e Alessandro Meluzzi
A Bolzano gli stipendi più alti
A Bolzano gli stipendi più alti
Salario medio attorno ai 1500 euro, il già basso a Ragusa con 1059. Bene Varese e Bologna. Sud in crisi, ok Benevento
Francesco ribalta la chiesa cilena
Francesco ribalta la chiesa cilena
Dimessi altri due vescovi legati al pedofilo Fernado Karadima. I prelati non sarebbero intervenuti in tempo per denunciare gli abusi
Richieste asilo, bocciate 6 su 10
Richieste asilo, bocciate 6 su 10
Pratiche in aumento, nel volgere di pochi anni, del 30 per cento. Il Tribunale di Milano, la Lombardia ha accolto il 14 per cento dei migranti a livello nazionale
Ovadia invita Salvini in Africa
Ovadia invita Salvini in Africa
"Venga con me, vediamo se ha le p...". L'attore ospite in Calabria al Trame Festival, lancia la sfida al ministro dell'Interno, ricordata la morte di Soumalia Sacko