Non è reato insultare i politici
che non mantengono le promesse

| Così recita una sentenza della Corte di Cassazione, partendo dal caso di alcuni ex assessori comunali siciliani che avevano sbeffeggiato pubblicamente il sindaco

+ Miei preferiti

Mentre la campagna elettorale infuria, e ancor peggio farà con l’avvicinarsi del 4 marzo, arriva una buona notizia, di quelle confortanti, che aprono buoni spiragli di vendette postume contro la “casta”. Secondo una recentissima sentenza della quinta sezione penale della Corte di Cassazione - la numero 317 - insultare i politici che non hanno mantenuto le promesse elettorali non è reato. 

Tutto nasce dall’assoluzione di Sebastiano Foti, Carmelo Andronico, Beniamino Lo Giudice, Alessandro Niosi, Saverio Palato e Agatino Vinci, sei ex consiglieri comunali di Furci Siculo, piccolo centro del messinese, che nel 2011 avevano rimpiatto vie e piazze del paese con un manifesto nel quale accusavano l’ex sindaco Bruno Antonio Parisi di  essere “falso, bugiardo, ipocrita e malvagio” per non aver mantenuto una promessa elettorale lanciata in campagna elettorale: rinunciare ad ogni stipendio e indennità.

Inevitabile la querela, con un processo di primo grado concluso nel 2014 con una sentenza che dava piena ragione al sindaco e condannava i sei. In appello, la questione si ribalta totalmente: piena ragione agli ex consiglieri comunali, che avevano definito in modo “offensivo, ma pertinente” il primo cittadino, all’interno della dialettica di uno scontro politico acceso. Per l’ex sindaco una brutta botta, vista anche la costituzione di parte civile per arrivare ad un risarcimento del danno.

Da qui, la decisione di arrivare fino in fondo, rivolgendosi ai giudici di piazza Cavour. Ma, sorpresa, anche la Suprema Corte ha dato ragione ai sei consiglieri: gli epiteti, hanno spiegato gli ermellini, “presentavano stretta attinenza alle vicende che avevano visto l’opposizione contrapporsi al sindaco”. La promessa elettorale non mantenuta, e per di più con l’aggravante di mancanza di aver comunicato pubblicamente la decisione. In pratica, nessuno tipo di “attacco alla dignità morale e intellettuale” dell’ex sindaco.

Da qui, la possibilità di sbeffeggiare pubblicamente i politici che in campagna elettorale si lanciano in promesse, e non le mantengono. Arrivare al 4 marzo sarà divertente.

Italia
40000 contro Di Maio e Toninelli
40000 contro Di Maio e Toninelli
La rivolta gentile, senza odio e minacce, senza i teppisti dei centri sociali, scuote l'anima di Torino. Migliaia di cittadini, anche con la Lega, in piazza Castello, per salvare la Tav da grillini e ideologi del NO
La rivolta pacifica contro la decrescita infelice
La rivolta pacifica contro la decrescita infelice
La manifestazione oggi in piazza Castello (ore 11) a Torino, di fronte alla Regione con tutte le categorie produttive e sindacali del Piemonte per salvare l'Alta Velocità dal trio Di Maio-Toninelli-Grillo
Milano, bus al posto dei treni vuoti
Milano, bus al posto dei treni vuoti
Proposta choc di Trenord alla Regione Lombardia: eliminare le linee con pochi passeggeri. Penalizzate le piccole comunità. "Riguarda solo l'1% degli utenti, un modo per risparmiare"
Il sacrificio di Lele e la memoria corta
Il sacrificio di Lele e la memoria corta
Mentre infuria il caso Cucchi, muore intanto un altro carabiniere in servizio, travolto da un treno. Doveva arrestare un rapinatore che cercava di fuggire. E sullo sfondo la scarsa attenzione dello Stato nei confronti dell'Arma
Il gran finale della black week di Anonymous
Il gran finale della black week di Anonymous
Violati i sistemi di sicurezza informatica di enti pubblici e partiti politici, diffusi migliaia di dati sensibili di dipendenti e tesserati. La conclusione della settimana nera promessa con largo anticipo
Prescrizione, governo ancora in affanno
Prescrizione, governo ancora in affanno
Il ministro grillino Bonafede non "arretra di un millimetro" ma Salvini insiste: "Le riforme non si fanno con gli emendamenti"
Catanzaro e Vibo Valentia, sfonda il centro-destra
Catanzaro e Vibo Valentia, sfonda il centro-destra
Abramo e Solano sono i nuovi presidenti delle Province. Battuti i candidati Dem. Grillini non pervenuti
Torna a casa Cesare Battisti, in Italia ti aspetta il carcere
Torna a casa Cesare Battisti, in Italia ti aspetta il carcere
In Brasile Bolsonaro, con il suo programma di estrema destra, è stato eletto con il 55% dei voti. Ha promesso che concederà immediatamente l'estradizione dell'ex terrorista rosso, condannato all'ergastolo
"A Predappio apologia di fascismo"
"A Predappio apologia di fascismo"
Antifascisti contro le celebrazioni della Marcia su Roma a Predappio, dove nacque il capo del fascismo. Oltre 2 mila persone hanno portato in corteo una bandiera tricolore nella cripta dove riposa Mussolini
Virginia Raggi
la solitudine della numero uno
Virginia Raggi<br>la solitudine della numero uno
La prima cittadina di Roma veleggia sempre più in solitaria: gli entusiasmi dei suoi si sono spenti e la giustizia è al lavoro. Ma a farle il vuoto intorno è soprattutto il degrado di Roma, a cui i cittadini hanno detto basta