"Non portate Francesco in ospedale, basta l'omeopatia" ma il bambino è morto

| L'assurda fine di Francesco, 7 anni, morto a Pesaro per un'otite trascurata. Genitori disperati, il nonno accusa l'omeopata: "Ci ha convinti a non curarlo"

+ Miei preferiti
Antibiotici. Principio attivo ceftriazone. Cortisone. E' semplice. L'otite, anche nei bambini, si cura così. E non con l'omeopatia, una pratica che con la scienza medica non ha nulla a che fare e che, al massimo, può essere un placebo, una cosa che agisce sulla mente delle persone, ma non su batteri e infazioni. Può servire e nemmeno sempre ai malati immaginari, agli ipocondriaci. Non chi ha una grave infezione. Oggi i genitori del piccolo Francesco di 7 anni di Cagli (Pesaro) morto nel reparto di rianimazione dell'ospedale Salesi di Ancona per un'otite curata con l'acqua contenuta nelle accattivanti confezioni della "medicina" omeopatica, sono disperati. Se la prendono, assieme ai nonni, troppo tardi, con un medico omeopatico che, secondo le prime indagini, avrebbe pervicacemente insistito di non curare francesco con i farmaci veri, mentre aveva da giorni la febbre e le terapie alternative non facevano alcun affetto. Quando l'hanno finalmente portato in ospedale, il piccolo aveva  un ascesso che ha danneggiato il cervello in modo irreparabile. Gli antibiotici a largo spettro che i medici del Salesi gli hanno immediatamente somministrato non hanno fatto il miracolo, nemmeno un intervento chirurgico, per limitare le dimensioni dell'ascesso. Poi hanno convocato la commissione apposita per l'accertamento della morte cerebrale. I genitori "hanno congiuntamente dato il consenso al prelievo degli organi".

La famiglia aveva scelto di curarlo con farmaci omeopatici, perché gli antibiotici "fanno male". Le solite teorie assorbite dal web, con il corredo di accuse alle multinazionali del farmaco, descritte come mostri crudeli e voraci. Dopo 15 giorni di farmaci omeopatici, Francesco era già incosciente, con febbre e un ascesso cerebrale, provocato dal pus che era arrivato alle pareti del cervello.   

Maurizio Olivieri, il nonno, accusa invece senza mezzi termini il medico omeopata il vero responsabile di questa assurda tragedia. L'omeopata avrebbe consigliato la famiglia di non portare il piccolo in ospedale nonostante la febbre a 40.

La procura di Ancona , dopo la segnalazione dei medici del Salesi, ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo a carico di ignoti. Gli atti sono stati trasmessi per competenza alla Procura di Urbino.

Il bollettino medico del dr. Fabio Santelli, direttore della Sod di Anestesia e Rianimazione Pediatrica del Presidio di Alta Specializzazione 'G. Salesi' di Ancona, lascia poco spazio ai dubbi dei e alle convinzioni dei seguaci delle terapie alternative, che si sposano, spesso, con quelle contro i vaccini: "Nella prima mattinata  il quadro clinico del paziente F. si presentava con una stabilità cardio-circolatoria, parametri ventilatori e della diuresi validi. Persistenza del quadro neurologico di coma irreversibile. Effettuato un nuovo controllo elettroencefalografico che risultava con assenza di attività elettrica, contattata la Direzione medica si è provveduto a convocare la Commissione per l'accertamento della morte cerebrale". Garattini, presidente dell'agenzia del farmaco, propone la misura più semplice: radiare dall'ordine dei medici chi si ostina a prescrivere preparati che non servono a guarire ma solo a fare guadagnare somme spaventose e a costo zero a chi li produce.


Italia
Piersanti Mattarella liberò politica da mafia
Piersanti Mattarella liberò politica da mafia
La Sicilia, il governo, e le istituzioni ricordano il sacrificio, avvenuto 39 anni fa in via Libertà a Palermo, ad opera della mafia, del fratello del Presidente. Ucciso dai corleonesi con complicità mai chiarite
La mafia uccise Fava, ma fu per debolezza
La mafia uccise Fava, ma fu per debolezza
Il clan Santapaola di Catania, 35 anni, fece assassinare il giornalista Giuseppe Fava ma le sue denunce furono poi riprese dalle procure di Palermo e Catania
"Luca sparito? Doveva restare segreto"
"Luca sparito? Doveva restare segreto"
Il padre dell'architetto Luca Tacchetto, 30 anni, sparito il 15 dicembre nel Burkina Faso, è molto preoccupato. "C'è il rischio di pregiudicare le ricerche". Sparita anche la canadese Edith Blais. Ipotesi rapimento Isis, l'analisi
Edoardo Agnelli, quanto lontana è ancora la pace eterna
Edoardo Agnelli, quanto lontana è ancora la pace eterna
Non si spengono gli echi dei sospetti sulla morte a 46 anni, nel 2000, dello sfortunato rampollo di Casa Agnelli. Per gli iraniani non fu suicidio ma delitto. Ma mancano le prove. Per Radio1 è sempre "un mistero"
Di Maio ricoverato al Gemelli ma non è vero
Di Maio ricoverato al Gemelli ma non è vero
La notizia era comparsa per 24 secondi sul sito di Repubblica. Il direttore si è scusato con l'interessato e con i lettori. Tanto è bastato agli haters per esultare: "L'Italia è salva!", scrivevano nei post. Di Maio: "Faccio gli scongiuri"
Profughi Seawatch in Olanda
Profughi Seawatch in Olanda
Si sblocca la situazione dopo l'allarme lanciato dai medici sulle condizioni dei profughi a bordo della Ong Sea Watch accolta nella rada di Malta ma con il divieto di ormeggiare. Olanda accoglie profughi, compresi donne e bambini
"Controllerò i profughi di Palermo..."
"Controllerò i profughi di Palermo..."
Salvini contro il sindaco di Palermo che rifiuta di applicare le norme del decreto sicurezza varato dal governo giallo-verde. Lui tira dritto: "E' anti-costituzionale
La grande monnezza
La grande monnezza
L’ultimo affondo dell’anno verso l’abbandono di Roma è un regalo del New York Times. Una passeggiata per le vie della capitale del mondo, afflitta da tutti i mali possibili e passata attraverso una sequela di giunte incapaci
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio
babbo Boschi ecco babbo Di Battista
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio<br>babbo Boschi ecco babbo Di Battista
L'azienda del padre di "Dibba", lui però è socio, non paga i dipendenti e nemmeno la sorella. Poi debiti con banche, fornitori, lo Stato. Lo scrive Il Giornale. Lui va all'attacco: "Berlusconi, verrò di nuovo ad Arcore"
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Un memoriale a Nonantola, Modena, per ricordare l'aiuto della popolazione a 73 ragazzi ebrei salvati dai lager nazisti