Pamela, nigeriano confessa ma non convince

| Riflessioni dopo le ammissioni di Oseghale: "Pamela è morta di overdose e io ho sezionato il cadavere per farlo sparire, avevo paura di essere coinvolto". Ma ancora troppe contraddizioni su complici e dettagli

+ Miei preferiti

Innocent Oseghale confessa (“Ho fatto a pezzi Pamela ma era già morta per overdose e non l’ho stuprata”) ma non convince del tutto geli investigatori. qualcosa non quadra ancora in un racconto pieno di contraddizioni e di vuoti incomprensibili. In sostanza, il 29enne di origine nigeriana, legato sentimentalmente a una donna italiana da cui ha avuto proprio recentemente una figlia, afferma che quella mattina del 30 gennaio s’è preoccupato di trovare un pusher in grado di vendere una dose di eroina per la 18enne romana, in fuga da qualche ora dalla comunità di cui era ospite. Ebbene, ottenuta la droga, Pamela era rimasta sola in casa, mentre lui era uscito per i fatti suoi. Quando è rientrato, la ragazza era morta. Spaventato, è andato in un market a comprare un sacco di plastica e la candeggina. Ma, una volta rientrato, s’è accorto che il sacco era “troppo piccolo” e ha deciso di sezionare il cadavere. Ed è proprio su questo aspetto che appare poco credibile. 

Lo smembramento del cadavere, irrorato di candeggina, appare fatto da mani esperte e in brevissimo arco di tempo. Oseghale ricostruisce anche la fase dell’occultamento del cadavere, diviso in due trolley. Il taxi illegale che lo accompagnato fuori città avrebbe oltrepassato il punto in cui avrebbe voluto nasconderli e così aveva chiesto all’autista di gettarli in un fossato. Ma quest’ultimo, incuriosito dall’operazione, e sapendo che Oseghale era un pusher piuttosto noto in città, di notte era andato a controllare cosa contenevano le due valigie, restando sì sotto choc ma guardandosi bene di rivolgersi alle forze dell’ordine. 

E’ possibile che il nigeriano, in carcere da mesi, tenti di accreditare, tra le accuse da ergastolo che gli sono state mosse, l’ipotesi di vilipendio e occultamento di cadavere, per cui verrebbe liberato in breve tempo. La procura, per ora, in merito alla confessione, non si pronuncia e lui resta in carcere. Forse ha deciso di “coprire” per paura o in vista di una ricompensa per il suo silenzio, i complici che gli avrebbero dato una mano.  In questo senso, i clandestini arrestati a suo tempo, Lucky Desmond e Awelina Lucky, sono ancora in carcere ma solo per spaccio, poiché ritenuti estranei alla morte di Pamela e al successivo smembramento del cadavere. Oseghale, a rigor di logica, avrebbe dovuto confessare subito quanto era avvenuto, in modo da chiarire le sue responsabilità. Con il suo silenzio, le sue bugie, ha avvalorato un quadro sempre più da film dell’orrore, Perché ha taciuto? “Non volevo che la mia compagna sapesse cos’era accaduto, temevo le sue reazioni”. Sarà. Ma questa storia non può finire qui, con tutte le implicazioni politiche e sociali che s’è tirata dietro. I legali della famiglia di Pamela non sono per nulla convinti che la storia, quella vera, sia il racconto confuso del pusher nigeriano che aveva rifiutato il percorso di integrazione preferendo vendere ogni tipo di droghe.

Italia
Anche Vasco nella truffa dei diamanti
Anche Vasco nella truffa dei diamanti
Due aziende, con la complicità di cinque banche, truffavano i clienti aumentando il valore dei preziosi
"I miei genitori arrestati, è assurdo"
"I miei genitori arrestati, è assurdo"
Con un lungo post su Facebook, Matteo Renzi commento gli arresti domiciliari per i genitori ultrasettantenni e incensurati. La decisione del gip di Firenze dopo le indagini della Guardia di finanza
TAV bocciata dal dossier costi-benefici
TAV bocciata dal dossier costi-benefici
Come ampiamente previsto, la commissione voluta dal ministro Toninelli ha smontato numeri e previsioni dell'Alta Velocità. Attesa per le reazioni della Francia, della UE e di Salvini, che si è sempre detto favorevole all’opera
Sardegna: la guerra del latte
Sardegna: la guerra del latte
Chiedono un prezzo al litro che gli permetta di sopravvivere: attualmente i 0,60 cent non bastano neanche per coprire le spese. Migliaia di litri di latte di pecora hanno imbiancato le strade dell’isola
Di Maio-Di Battista, disastro in Abruzzo
Di Maio-Di Battista, disastro in Abruzzo
Abruzzo test nazionale, con la Lega che raddoppia i consensi e la coalizione di centro destra vincente. Governatore il senatore Marco Marsilio di Fratelli d'Italia, Tiene Forza Italia. E la sinistra è in forte ripresa
"Bacioni al rosicone Travaglio"
"Bacioni al rosicone Travaglio"
Una vignetta di Mannelli deforma il volto del ministro trasformandolo in una specie di maiale. Ma la vignetta su Toninelli finì prima censurata poi pressoché nascosta. Salvini: "Sempre carini eh? Bacioni ai rosiconi"
Ecco il Sim, il primo sindacato dei carabinieri
Ecco il Sim, il primo sindacato dei carabinieri
Prime adesioni, un brigadiere come segretario, presidente il capitano Ultimo. "Ringraziamo il ministro della Difesa Trenta per l'aiuto". Programma ancora da definire
Di Maio e Di Battista scelgono i violenti
Di Maio e Di Battista scelgono i violenti
Ennesima capriola del Movimento 5stelle che si schiera con i Gilet Jaune che hanno provocato morti e devastazioni nelle città francesi. Alleanza in vista delle Europee. Ma un sondaggio Swg certifica il calo di consensi: dal 4 marzo meno 8%
Il marito di Kyenge candidato con la Lega
Il marito di Kyenge candidato con la Lega
Domenico Grispino ha firmato per Salvini e sarà candidato alle prossime comunali con la Lega. La moglie: "Ci siamo separati, faccia come vuole". Lui: "Aiutare gli immigrati a casa loro". Rapporti tesi
Pupularsi, vitalizi a sbaffo, a dettaglio e divani a parcheggio
Pupularsi, vitalizi a sbaffo, a dettaglio e divani a parcheggio
L'onorevole grillina Teresa Manzo infila una serie di strafalcioni esilaranti durante un intervento in aula. Forse non basta essere (in teoria) onesti per governare l'Italia