Racket, individuato laboratorio cocaina

| Blitz dei carabinieri a Torino, catturati 18 spacciatori che guidavano una rete di pusher diffusi in tutta la città. Presi anche due narcos albanesi, sequestrati soldi e documenti falsi. Ogni giorno centinaia di dosi

+ Miei preferiti

I carabinieri della compagnia Torino San Carlo hanno smantellato un'organizzazione criminale senegalese di trafficanti di cocaina. Una telecamera nascosta nel televisore dell'appartamento che fungeva da laboratorio per il confezionamento e la vendita della droga svela tutto. Notificate 7 misure della custodia cautelare in carcere a carico di altrettante persone, responsabili di detenzione e spaccio di droga.

L’indagine ha già permesso di individuare, nei mesi scorsi, altri 41 affiliati, di cui 18 arresti e 23 denunce, responsabili a vario di detenzione e spaccio di droga, di possesso e fabbricazione di documenti falsi, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sfruttamento della prostituzione. Presi i due fornitori albanesi e scoprire un laboratorio per il confezionamento e la vendita della cocaina gestito dall’organizzazione. Ognuno degli affiliati aveva un compito specifico: logistica, gestione dei pusher, preparazione delle dosi, consegne a domicilio. I trafficanti erano in grado di ceder centinaia di dosi ad altrettanti clienti, ogni giorno.

La droga era destinata a un appartamento-laboratorio di via Vigevano 52 a Torino dove la droga era stoccata, tagliata, confezionata e distribuita a decine di “operai dello spaccio” per la vendita al dettaglio nei quartieri torinesi. Individuati i principali fiancheggiatori del gruppo criminale che si occupavano di nascondere il denaro guadagnato con la vendita della droga. Denaro che era reinvestito nel traffico di cocaina e una parte serviva per pagare le spese legali degli affiliati arrestati e detenuti in carcere.

Sequestrati 160.000 euro in contanti e un numero considerevole di documenti, tra passaporti e altri documenti, apparentemente validi per l’espatrio e intestati a stranieri extracomunitari il cui possesso non era assolutamente giustificabile e di cui dieci, in ogni caso, erano stati contraffatti. Altri, invece, erano intestati a  soggetti extracomunitari privi del permesso di soggiorno sul territorio dello Stato Italiano e dediti ad attività di spaccio  sotto altro nome. Alla fine,18 arrestati in flagranza per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, 23 denunciati per reati in materia di stupefacenti, possesso di documenti falsi, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sfruttamento della prostituzione e 45 consumatori abituali segnalati alla Prefettura di Torino.

 
Video
Italia
La Shoah, non c'erano solo i nazisti
La Shoah, non c
Il vicepresidente del Lazio Massimiliano Smeriglio su Facebook: "Collaborarono anche i fascisti italiani, genocidio una colpa collettiva"
Lei non vuole fare sesso, lui chiede il divorzio
Lei non vuole fare sesso, lui chiede il divorzio
Se non fosse stato per questo dettaglio, forse nessuno si sarebbe accorto della truffa intentata da una donna ai danni di un anziano, circuito e sposato per ereditare tutto
#spariamoasalvini
MIGLIAIA DI LIKE
#spariamoasalvini<br>MIGLIAIA DI LIKE
ESCLUSIVO Continuano gli attentati anarchici contro la Lega, insulti e minacce di morte a Matteo Salvini, nel mirino dell'Anti-terrorismo l'area informale e simpatizzanti delle Br
La bomboniera pistola: gadget per mafiosi
La bomboniera pistola: gadget per mafiosi
Un consigliere regionale napoletano ha svelato la novità di un’azienda specializzata in bomboniere. “Segnale preoccupante per la società”
Gommone con 70 profughi sbarco a Lampedusa
Gommone con 70 profughi sbarco a Lampedusa
Malta non ha mezzi, interviene l'Italia. In arrivo solo la nave Ong "Mare Jonio". Il gommone era al largo dell'isola di Lampedusa, Guardia Costiera in soccorso.
"Così hanno ucciso Stefano Cucchi"
"Così hanno ucciso Stefano Cucchi"
La redazione di Ism pubblica integralmente uno dei verbali firmati dal carabiniere Francesco Tedesco che, dopo nove anni, ha raccontato cosa è avvenuto nella caserma Casilina dopo il fermo
Miriana Trevisan rinviata a giudizio per diffamazione
Miriana Trevisan rinviata a giudizio per diffamazione
La showgirl deve rispondere delle accuse lanciate al produttore Massiliano Caroletti, che l’avrebbe molestata ridimensionando il suo ruolo in un film dopo il rifiuto
Bimbi e ragazzi, sempre più vittime di reati
Bimbi e ragazzi, sempre più vittime di reati
Aumentano le denunce in cui vengono presi di mira i giovanissimi. Al primo posto i maltrattamenti in famiglia, poi violenze sessuali e detenzione di materiale pedo-pornografico
Sanità, il libro nero degli sprechi
Sanità, il libro nero degli sprechi
Su 6 miliardi di spesa, secondo uno studio Anac, se ne potrebbe risparmiare almeno 1 uniformando gli acquisti da fornitori comuni. I maggiori sprechi al Sud ma disfunzioni anche al Nord
"Attacchi cyber, ultima frontiera del male"
"Attacchi cyber, ultima frontiera del male"
ESCLUSIVO. Angelo Tofalo, 37 anni, pentastellato, ingegnere e sottosegretario alla Difesa spiega i nuovi scenari del conflitto globale. Gli attacchi alla rete fanno ormai parte delle strategie militari ostili. Come difendersi