RALLY KILLER ORA BASTA?

| Ennesimo schianto mortale. Un commissario di percorso, per di più esperto, travolto da un'auto durante le ricognizioni. In attesa di nuove regole

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta
(NOSTRO SERVIZIO)
di GERMANO LONGO
Sia chiaro: sono sempre tragiche fatalità. Dal bambino travolto a Coassolo durante il "Rally Citta di Torino" al pilota dilettante morto nel corso di una gara sanmarinese a cui non mancava mai. Ma qui qualcosa non torna, perché a forza di tragiche fatalità la scia di sangue non smette di allungarsi, portandosi dietro i nomi di chi era lì per caso o incarico, ma era lì, e questo è bastato a scrivere tutta un'altra storia.


A cambiare ogni volta è solo lo scenario: questa volta era il "Trofeo Vallecamonica" edizione 2017, una cronoscalata fra le più seguite, dalla metà degli anni Sessanta in scena fra tre comuni della vallata bresciana: Malegno, Osimo e Borno. Gara per gente tosta che nel 2005 aveva già avuto un tragico epilogo con la morte di un pilota che era costata all'organizzazione la validità internazionale, ripresa un paio d'anni dopo.

Professionisti esperti

Mauro Firmo, cinquant'anni, Commissario ACI, si trovava insieme ad alcuni suoi colleghi sulla Postazione Fissa dei Commissari di Percorso numero 21, nei pressi di Ossimo Inferiore. Un incarico come ne aveva visti tanti, da esperto com'era, nella giornata delle prove ufficiali dedicate alle ricognizioni del percorso di gara. È proprio quello il punto in cui alle 10,40 di sabato 29 luglio, Christian Furloni, numero di gara 149, ha perso il controllo della sua Peugeot 206 finendo sulla postazione dei commissari, travolgendone due e continuando la corsa con un volo di oltre dieci metri.

Le condizioni di Firmo sono apparse subito disperate: trasportato all'ospedale in eliambulanza, è morto poco dopo. Risulta ferita in modo non grave anche un'altra persona, ma non è ancora chiaro se si tratti di un altro dei commissari presenti nella postazione o di un fotografo. Il rally è stato immediatamente sospeso.

L'urgenza di fare qualcosa

Seguiranno il cordoglio, l'inchiesta, gli avvocati e gli indagati, ma a nutrirsi sarà soprattutto il dubbio sottile di una domanda a cui è onestamente difficile dare una risposta: è normale morire di rally? No, chiaro che non lo è. Ma per una specialità motoristica fra le più autentiche e adrenaliniche, significa l'ennesima discesa verso la necessità di riscrivere regole che la maggior parte delle volte funzionano e bastano, ma ogni tanto no. Ma aspettare con pazienza che si spengano gli echi delle cronache e finiscano le esequie non è la strada migliore: la lunga fila dei nomi di chi ha pagato con la vita essere lì, per passione o mestiere non importa, sono macigni. E i macigni prima o poi tirano giù le montagne.

Italia
Piersanti Mattarella liberò politica da mafia
Piersanti Mattarella liberò politica da mafia
La Sicilia, il governo, e le istituzioni ricordano il sacrificio, avvenuto 39 anni fa in via Libertà a Palermo, ad opera della mafia, del fratello del Presidente. Ucciso dai corleonesi con complicità mai chiarite
La mafia uccise Fava, ma fu per debolezza
La mafia uccise Fava, ma fu per debolezza
Il clan Santapaola di Catania, 35 anni, fece assassinare il giornalista Giuseppe Fava ma le sue denunce furono poi riprese dalle procure di Palermo e Catania
"Luca sparito? Doveva restare segreto"
"Luca sparito? Doveva restare segreto"
Il padre dell'architetto Luca Tacchetto, 30 anni, sparito il 15 dicembre nel Burkina Faso, è molto preoccupato. "C'è il rischio di pregiudicare le ricerche". Sparita anche la canadese Edith Blais. Ipotesi rapimento Isis, l'analisi
Edoardo Agnelli, quanto lontana è ancora la pace eterna
Edoardo Agnelli, quanto lontana è ancora la pace eterna
Non si spengono gli echi dei sospetti sulla morte a 46 anni, nel 2000, dello sfortunato rampollo di Casa Agnelli. Per gli iraniani non fu suicidio ma delitto. Ma mancano le prove. Per Radio1 è sempre "un mistero"
Di Maio ricoverato al Gemelli ma non è vero
Di Maio ricoverato al Gemelli ma non è vero
La notizia era comparsa per 24 secondi sul sito di Repubblica. Il direttore si è scusato con l'interessato e con i lettori. Tanto è bastato agli haters per esultare: "L'Italia è salva!", scrivevano nei post. Di Maio: "Faccio gli scongiuri"
Profughi Seawatch in Olanda
Profughi Seawatch in Olanda
Si sblocca la situazione dopo l'allarme lanciato dai medici sulle condizioni dei profughi a bordo della Ong Sea Watch accolta nella rada di Malta ma con il divieto di ormeggiare. Olanda accoglie profughi, compresi donne e bambini
"Controllerò i profughi di Palermo..."
"Controllerò i profughi di Palermo..."
Salvini contro il sindaco di Palermo che rifiuta di applicare le norme del decreto sicurezza varato dal governo giallo-verde. Lui tira dritto: "E' anti-costituzionale
La grande monnezza
La grande monnezza
L’ultimo affondo dell’anno verso l’abbandono di Roma è un regalo del New York Times. Una passeggiata per le vie della capitale del mondo, afflitta da tutti i mali possibili e passata attraverso una sequela di giunte incapaci
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio
babbo Boschi ecco babbo Di Battista
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio<br>babbo Boschi ecco babbo Di Battista
L'azienda del padre di "Dibba", lui però è socio, non paga i dipendenti e nemmeno la sorella. Poi debiti con banche, fornitori, lo Stato. Lo scrive Il Giornale. Lui va all'attacco: "Berlusconi, verrò di nuovo ad Arcore"
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Un memoriale a Nonantola, Modena, per ricordare l'aiuto della popolazione a 73 ragazzi ebrei salvati dai lager nazisti