RALLY KILLER ORA BASTA?

| Ennesimo schianto mortale. Un commissario di percorso, per di più esperto, travolto da un'auto durante le ricognizioni. In attesa di nuove regole

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta
(NOSTRO SERVIZIO)
di GERMANO LONGO
Sia chiaro: sono sempre tragiche fatalità. Dal bambino travolto a Coassolo durante il "Rally Citta di Torino" al pilota dilettante morto nel corso di una gara sanmarinese a cui non mancava mai. Ma qui qualcosa non torna, perché a forza di tragiche fatalità la scia di sangue non smette di allungarsi, portandosi dietro i nomi di chi era lì per caso o incarico, ma era lì, e questo è bastato a scrivere tutta un'altra storia.


A cambiare ogni volta è solo lo scenario: questa volta era il "Trofeo Vallecamonica" edizione 2017, una cronoscalata fra le più seguite, dalla metà degli anni Sessanta in scena fra tre comuni della vallata bresciana: Malegno, Osimo e Borno. Gara per gente tosta che nel 2005 aveva già avuto un tragico epilogo con la morte di un pilota che era costata all'organizzazione la validità internazionale, ripresa un paio d'anni dopo.

Professionisti esperti

Mauro Firmo, cinquant'anni, Commissario ACI, si trovava insieme ad alcuni suoi colleghi sulla Postazione Fissa dei Commissari di Percorso numero 21, nei pressi di Ossimo Inferiore. Un incarico come ne aveva visti tanti, da esperto com'era, nella giornata delle prove ufficiali dedicate alle ricognizioni del percorso di gara. È proprio quello il punto in cui alle 10,40 di sabato 29 luglio, Christian Furloni, numero di gara 149, ha perso il controllo della sua Peugeot 206 finendo sulla postazione dei commissari, travolgendone due e continuando la corsa con un volo di oltre dieci metri.

Le condizioni di Firmo sono apparse subito disperate: trasportato all'ospedale in eliambulanza, è morto poco dopo. Risulta ferita in modo non grave anche un'altra persona, ma non è ancora chiaro se si tratti di un altro dei commissari presenti nella postazione o di un fotografo. Il rally è stato immediatamente sospeso.

L'urgenza di fare qualcosa

Seguiranno il cordoglio, l'inchiesta, gli avvocati e gli indagati, ma a nutrirsi sarà soprattutto il dubbio sottile di una domanda a cui è onestamente difficile dare una risposta: è normale morire di rally? No, chiaro che non lo è. Ma per una specialità motoristica fra le più autentiche e adrenaliniche, significa l'ennesima discesa verso la necessità di riscrivere regole che la maggior parte delle volte funzionano e bastano, ma ogni tanto no. Ma aspettare con pazienza che si spengano gli echi delle cronache e finiscano le esequie non è la strada migliore: la lunga fila dei nomi di chi ha pagato con la vita essere lì, per passione o mestiere non importa, sono macigni. E i macigni prima o poi tirano giù le montagne.

Italia
Quando su divorzio e aborto, il popolo era sovrano
Quando su divorzio e aborto, il popolo era sovrano
Il primo referendum in Italia risale al 1946 ma è dagli anni 70 che, con una lunga serie di quesiti abrogativi, sempre più spesso si ricorre a questo strumento elettorale. La disaffezione dei cittadini negli ultimi anni
Alitalia, proroga della cassa integrazione
Alitalia, proroga della cassa integrazione
Altri sei mesi, dal 24 marzo al 23 settembre, per 830 dipendenti della compagnia aerea di bandiera italiana. Sindacati alzano il livello di attenzione
Torino, il gelato No-ZTL
Torino, il gelato No-ZTL
Il gusto del tutto inedito è una delle sorprese di “Gelato a Primavera”, manifestazione per promuovere l’arte della gelateria cittadina. Ma anche per esprimere disappunto sui progetti della giunta Appendino
Ousseynou Sy, un giorno di ordinaria follia
Ousseynou Sy, un giorno di ordinaria follia
L’autista che ieri ha sequestrato e minacciato di morte 51 ragazzini delle medie accusato di tentata strage e terrorismo, anche se non sembra abbia legami con gruppi. Un uomo normale, perfettamente inserito
Chiusa l’inchiesta sui depistaggi del caso Cucchi
Chiusa l’inchiesta sui depistaggi del caso Cucchi
Otto ufficiali dei carabinieri accusati di vari reati, fra cui la manomissione della nota sullo stato di salute del giovane geometra romano. Soddisfazione della sorella Ilaria
Grillo (la ministra) e grillini NI VAX
Grillo (la ministra) e grillini NI VAX
Oggi in vigore la legge Lorenzin che impone l'obbligo dei vaccini a scolari e studenti, ma Grillo minaccia una nuova legge all'insegna "della scelta senza imposizioni". Puoi ammette: "C'è un'epidemia di morbillo"
La Tav è morta, viva la Tav
La Tav è morta, viva la Tav
Si rimanda a data da destinarsi, come da prassi, vietando a Telt di bloccare i capitolati di gara ma al tempo stesso autorizzandola a emettere avvisi per 2,3 miliardi di euro
Donne, quanto cammino ancora da fare
Donne, quanto cammino ancora da fare
Oggi la giornata dedicata alle donne, tempo di bilanci. Intervista al giurista Vincenzo Maltese. Dai conflitti familiari alle violenze di genere. Ancora discriminazioni
Elezioni Vercelli, l'ora del 'Lone Ranger'
Elezioni Vercelli, l
Luca Pedrale, candidato per una lista civica, ha commissionato un sondaggio alla Ghisleri con un risultato sorprendente: sbaraglierebbe gli avversati di tutte le formazioni. Scenari possibili anche a livello nazionale?
TAV, CONTE FA L'ARBITRO
TAV, CONTE FA L
Mentre a Roma Conte riunisce i suoi vice per un vertice (“non risolutivo”) sull’Alta Velocità, la Torino che vuole la Tav fa sentire la propria voce. Intervista a Fabrizio Ricca della Lega e Mino Giachino, promotore dei comitati Sì Tav