LOGLI CONDANNATO A 20 ANNI

| Confermata in appello a Firenze la condanna in primo grado per Antonio Logli, marito di Roberta Ragusa. I difensori: "Testi non credibili". Ma i giudici credono a chi lo ha visto litigare con la moglie la notte in cui sparì

+ Miei preferiti

 La Corte d’assise d’appello di Firenze, ha confermato nel tardo pomeriggio la condanna in primo grado, 20 anni di carcere, inflitta ad Antonio Logli, attualmente ancora libero. La moglie. Roberta Ragusa, 44 anni, svanì nel nulla nel gennaio 2012 dalla sua villetta di Gello, in via Dini, nella provincia di Pisa. Antonio Logli, condannato per omicidio volontario e distruzione di cadavere ha atteso, secondo i suoi legali “sereno e con fiducia” la sentenza, ma adesso il suo stato d'animo è profondamente diverso. Ha detto qualcosa ai suoi avvocati, dopo la lettura delle sentenza, poi ha lasciato l'aula con una somorfia di disappunto, gli occhi bassi. Ultima speranza la Cassazione.

Sara Calzolaio


 Al suo fianco anche il figlio Daniele che per lui ha scritto una memoria in cui lo difende con passione. Daniele è stato criticato dai familiari della madre a cui "avrebbe inflitto una sofferenza indicibile, lei che per loro ha dato tutto, anche la vita, nel saperlo indifferente alla sua sorte". Attraverso i legali, il giovane aveva però precisato che, pur difendendo il padre, non aveva affatto dimenticato l'affetto per la mamma sparita da così tanto tempo. La stessa posizione della sorella. Nell’udienza del 28 marzo, la richiesta da parte del pubblico ministero Filippo Di Benedetto della conferma della pena già inflitta il 21 dicembre 2016: 20 anni e il carcere. Al centro la deposizione dei testi che videro la coppia litigare la notte della scomparsa in strada. Secondo la difesa, sono “inattendibili”.  Resta sospeso il caso del padre Valdemaro. Ha affermato di essere convinto dell’innocenza del figlio quanto dell’allontanamento volontario della nuora. «Credo si sia fatta aiutare da un’agenzia specializzata che permette alla gente di andarsene senza lasciare traccia – ha detto l’ottantenne –. Roberta è una brava donna, ma sembrava stanca della routine familiare». Logli ha smentito con forza il padre, definendo l’intervista “inopportuna” e “fuorviante”.

la presidente Maria Cannizzaro, la giudice a latere Silvia Mugnaini e la giuria popolare hanno creduto in piano tesi della accusa, che punta a portare subito in carcere Logli. Credono a Loris Gozi  che la notte, fra il 12 e il 13 gennaio 2012, ha visto Logli due volte prima da solo e poi con Roberta, a bordo della loro auto. Che riconosce "senza esitazioni". I due litigano, sono in via Gigli, non distanti dalla loro casa. Gozi stava accompagnando a casa la moglie Anita Gombi, uscita dal lavoro. Mezzora dopo, all'una, esce di nuovo e rivede i due.  Si confonde con i modelli delle auto di famiglia di Logli e della moglie, una Escort e una Citroen. Poi precisa meglio, in due tempi, le circostanze del riconoscimento.  I giudici non sembrano avere dubbi, anche se la testimonianza-chiave arriva solo mesi dopo, a ottobre. "Sono un Sinti e per noi collaborare con la polizia vuile dire essere isolati per sempre, poi ho dovuto dirlo". Manca ancora il verdetto della Cassazione, per ora è  Logli ad avere ucciso la moglie per poi distruggerne e occultarne il corpo. E non può, secondo i giudici, essere fuggita da un matrimonio finito dopo l’ultimo litigio avuto col marito, legato da anni alla collaboratrice della scuola guida, Sara Calzolaio con cui vive tuttora sotto lo stesso tetto, compresi i figli di Roberta, apertamente schierati con il padre.

Galleria fotografica
LOGLI CONDANNATO A 20 ANNI - immagine 1
LOGLI CONDANNATO A 20 ANNI - immagine 2
LOGLI CONDANNATO A 20 ANNI - immagine 3
LOGLI CONDANNATO A 20 ANNI - immagine 4
LOGLI CONDANNATO A 20 ANNI - immagine 5
LOGLI CONDANNATO A 20 ANNI - immagine 6
Italia
Piersanti Mattarella liberò politica da mafia
Piersanti Mattarella liberò politica da mafia
La Sicilia, il governo, e le istituzioni ricordano il sacrificio, avvenuto 39 anni fa in via Libertà a Palermo, ad opera della mafia, del fratello del Presidente. Ucciso dai corleonesi con complicità mai chiarite
La mafia uccise Fava, ma fu per debolezza
La mafia uccise Fava, ma fu per debolezza
Il clan Santapaola di Catania, 35 anni, fece assassinare il giornalista Giuseppe Fava ma le sue denunce furono poi riprese dalle procure di Palermo e Catania
"Luca sparito? Doveva restare segreto"
"Luca sparito? Doveva restare segreto"
Il padre dell'architetto Luca Tacchetto, 30 anni, sparito il 15 dicembre nel Burkina Faso, è molto preoccupato. "C'è il rischio di pregiudicare le ricerche". Sparita anche la canadese Edith Blais. Ipotesi rapimento Isis, l'analisi
Edoardo Agnelli, quanto lontana è ancora la pace eterna
Edoardo Agnelli, quanto lontana è ancora la pace eterna
Non si spengono gli echi dei sospetti sulla morte a 46 anni, nel 2000, dello sfortunato rampollo di Casa Agnelli. Per gli iraniani non fu suicidio ma delitto. Ma mancano le prove. Per Radio1 è sempre "un mistero"
Di Maio ricoverato al Gemelli ma non è vero
Di Maio ricoverato al Gemelli ma non è vero
La notizia era comparsa per 24 secondi sul sito di Repubblica. Il direttore si è scusato con l'interessato e con i lettori. Tanto è bastato agli haters per esultare: "L'Italia è salva!", scrivevano nei post. Di Maio: "Faccio gli scongiuri"
Profughi Seawatch in Olanda
Profughi Seawatch in Olanda
Si sblocca la situazione dopo l'allarme lanciato dai medici sulle condizioni dei profughi a bordo della Ong Sea Watch accolta nella rada di Malta ma con il divieto di ormeggiare. Olanda accoglie profughi, compresi donne e bambini
"Controllerò i profughi di Palermo..."
"Controllerò i profughi di Palermo..."
Salvini contro il sindaco di Palermo che rifiuta di applicare le norme del decreto sicurezza varato dal governo giallo-verde. Lui tira dritto: "E' anti-costituzionale
La grande monnezza
La grande monnezza
L’ultimo affondo dell’anno verso l’abbandono di Roma è un regalo del New York Times. Una passeggiata per le vie della capitale del mondo, afflitta da tutti i mali possibili e passata attraverso una sequela di giunte incapaci
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio
babbo Boschi ecco babbo Di Battista
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio<br>babbo Boschi ecco babbo Di Battista
L'azienda del padre di "Dibba", lui però è socio, non paga i dipendenti e nemmeno la sorella. Poi debiti con banche, fornitori, lo Stato. Lo scrive Il Giornale. Lui va all'attacco: "Berlusconi, verrò di nuovo ad Arcore"
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Un memoriale a Nonantola, Modena, per ricordare l'aiuto della popolazione a 73 ragazzi ebrei salvati dai lager nazisti