Sardegna: la guerra del latte

| Chiedono un prezzo al litro che gli permetta di sopravvivere: attualmente i 0,60 cent non bastano neanche per coprire le spese. Migliaia di litri di latte di pecora hanno imbiancato le strade dell’isola

+ Miei preferiti
“Meglio buttarlo che regalarlo”, urla un giovane pastore sardo mentre insieme ad altri suoi colleghi scaraventa migliaia di litri di latte sulla “Carlo Felice”, la SS 131, la principale arteria della Sardegna, quella che congiunge Cagliari a Porto Torres. È uno dei fronti della protesta che sta infiammando la Sardegna per una situazione ormai definita insostenibile: “Un litro di latte di pecora a 0,60 centesimi al litro è un’offesa alla nostra dignità, non riusciamo neanche a coprire le spese”. La protesta è esplosa dopo un tavolo di trattative con le industrie di trasformazione, secondo i pastori colpevoli di aver abbassato il costo al litro che la scorsa stagione era di 0,85 centesimi. Sempre poco, ma almeno dignitoso.

È in Sardegna che si producono 3 milioni di quintali di litri di latte di pecora, la metà esatta di quanto prodotto in tutta Italia, grazie a 2,6 milioni di pecore di 12mila aziende agropastorali ormai strette in una morsa che le strangola: “Sono mesi che lo diciamo: si sta tirando troppo la corda e il tempo è scaduto. Chiediamo che il prezzo al litro sia portato a un euro al litro, Iva esclusa, oppure andiamo avanti”.

Dalla parte dei pastori si è schierata fin dall’inizio Coldiretti, che attraverso il presidente regionale Battista Cualbu, assicura: “Ci rifaremo all’articolo 62 della legge 1 del 2012 in cui è previsto che in caso di abuso del contraente che sfrutti la propria forza commerciale per imporre condizioni contrattuali gravose, prezzi iniqui o palesemente al di sotto dei costi di produzione: sono previste sanzioni che superano i tre milioni di euro. Chiederemo l’applicazione della legge contro quelle aziende che pagano il latte 60 centesimi al litro”.

Il ministro delle politiche agricole Gian Marco Centinaio, che si è detto “molto preoccupato” per la protesta, la prossima settimana sarà in Sardegna per portare una proposta che prevede l’aumento la quantità di latte esportato all’estero, dove è molto apprezzato. Vogliamo anche ripensare alla questione dei consorzi”.

Secondo l’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), è in corso da tempo un’erosione dei prezzi: nel gennaio di quest’anno, il prezzo era di 62 cent/litro Iva inclusa, ovvero 56 cent al netto delle tasse. Ma nello stesso mese, i costi di produzione, Iva esclusa, hanno raggiunto io 70 centesimi al litro, con una perdita netta per gli allevatori di 14 centesimi al litro.

La protesta inizia ad agitare le acque nei palazzi del potere, a Roma, vista la minaccia dei pastori di bloccare le elezioni regionali previste per il 24 febbraio prossimo: basta ventilare quello, perché la politica si metta in moto.

Italia
TAV bocciata dal dossier costi-benefici
TAV bocciata dal dossier costi-benefici
Come ampiamente previsto, la commissione voluta dal ministro Toninelli ha smontato numeri e previsioni dell'Alta Velocità. Attesa per le reazioni della Francia, della UE e di Salvini, che si è sempre detto favorevole all’opera
Di Maio-Di Battista, disastro in Abruzzo
Di Maio-Di Battista, disastro in Abruzzo
Abruzzo test nazionale, con la Lega che raddoppia i consensi e la coalizione di centro destra vincente. Governatore il senatore Marco Marsilio di Fratelli d'Italia, Tiene Forza Italia. E la sinistra è in forte ripresa
"Bacioni al rosicone Travaglio"
"Bacioni al rosicone Travaglio"
Una vignetta di Mannelli deforma il volto del ministro trasformandolo in una specie di maiale. Ma la vignetta su Toninelli finì prima censurata poi pressoché nascosta. Salvini: "Sempre carini eh? Bacioni ai rosiconi"
Ecco il Sim, il primo sindacato dei carabinieri
Ecco il Sim, il primo sindacato dei carabinieri
Prime adesioni, un brigadiere come segretario, presidente il capitano Ultimo. "Ringraziamo il ministro della Difesa Trenta per l'aiuto". Programma ancora da definire
Di Maio e Di Battista scelgono i violenti
Di Maio e Di Battista scelgono i violenti
Ennesima capriola del Movimento 5stelle che si schiera con i Gilet Jaune che hanno provocato morti e devastazioni nelle città francesi. Alleanza in vista delle Europee. Ma un sondaggio Swg certifica il calo di consensi: dal 4 marzo meno 8%
Il marito di Kyenge candidato con la Lega
Il marito di Kyenge candidato con la Lega
Domenico Grispino ha firmato per Salvini e sarà candidato alle prossime comunali con la Lega. La moglie: "Ci siamo separati, faccia come vuole". Lui: "Aiutare gli immigrati a casa loro". Rapporti tesi
Pupularsi, vitalizi a sbaffo, a dettaglio e divani a parcheggio
Pupularsi, vitalizi a sbaffo, a dettaglio e divani a parcheggio
L'onorevole grillina Teresa Manzo infila una serie di strafalcioni esilaranti durante un intervento in aula. Forse non basta essere (in teoria) onesti per governare l'Italia
Parlamentari e sindaco sulla Sea Watch
Parlamentari e sindaco sulla Sea Watch
Salvini all'attacco: "Sono fuorilegge, subito inchiesta sui responsabili Ong". Fratoianni e Prestigiacomo: "Subito lo sbarco dei profughi". Il governo: "No"
Grillini, tornano persino i Sette Savi di Sion
Grillini, tornano persino i Sette Savi di Sion
Il falso della polizia zarista, usato anche per legittimare il genocidio degli ebrei, in un tweet del senatore grillino Lannuti. L'Ansa rileva "il silenzio" di Grillo e della Casaleggio Associati. Banche nel mirino
Sardegna, il tracollo dei grillini
Sardegna, il tracollo dei grillini
Bassa affluenza, vince il giornalista Andrea Frailis del centrosinistra. Battuto il candidato grillino Luca Caschili, nonostante la calata dei big, con una perdita di voti, rispetto al 4 marzo, del 14 per cento in meno