Soldi facili, ma conseguenze pesanti

| Due episodi, uno nel napoletano l’altro in Sardegna: in entrambi protagonisti dei giovani, convinti di essere più lesti e furbi di tutti

+ Miei preferiti
Groucho Marx, uno che in fatto di ironie la sapeva lunga, ricordava spesso che “Nella vita ci sono cose ben più importanti del denaro: il guaio è che ci vogliono i soldi per comprarle”. Una massima che due recenti episodi, riportati dalle cronache italiane, sembrano confermare in pieno.

La prima è la bravata di un militare di Roma, prossimo sposo, che per finanziarsi un personalissimo addio al celibato ha pensato di impossessarsi dei soldi inviati da parenti e amici nelle classiche “buste”. E il piano sarebbe perfino stato perfetto, se i parenti della sposa non avessero capito qualcosa, smascherando il giovane durante il pranzo di nozze previsto in un ristorante del napoletano: ne è nata una rissa furibonda, con tanto di intervento della polizia e denunce. Più tre giorni di prognosi per lo sposino.

Da un’altra parte, più precisamente a Quartu Sant’Elena, in Sardegna, due ragazzini qualche sera fa si presentano al ristorante “Sushi Revolution”: ordinano piatti di pesce come se non ci fosse un domani, e quando finalmente sono satolli, aspettano che i camerieri siano distratti per alzarsi e uscire dal locale indisturbati.

Nella confusione del locale, piuttosto affollato, nessuno sul momento ci fa caso, a parte il proprietario che la sera stessa, durante la chiusura della cassa, si accorge che manca all’appello del denaro: basta un rapido controllo delle telecamere di sicurezza per individuare i colpevoli. Per nulla intenzionato a lasciar perdere, il ristoratore ha individuato i due su Facebook, avvisandoli: “Non so che educazione abbiate ricevuto dai vostri genitori e mi spiace molto per loro, ma se non che volete che queste immagini siano inviate alla polizia, ricevendo la conseguente denuncia, siete pregati di venire a saldare il conto”.

I due si sono presentati il giorno dopo, con il denaro in contanti nelle mani, cercando di giustificarsi con il proprietario, che ha poi commentato: “Avevano dimenticato a casa i portafogli e invece di cercare una soluzione con noi, sono fuggiti. È stata una ragazzata, per questo ho chiesto una somma simbolica: 20 euro a testa”. Una cifra modesta, per una sonora lezione di vita.

Italia
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio
babbo Boschi ecco babbo Di Battista
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio<br>babbo Boschi ecco babbo Di Battista
L'azienda del padre di "Dibba", lui però è socio, non paga i dipendenti e nemmeno la sorella. Poi debiti con banche, fornitori, lo Stato. Lo scrive Il Giornale. Lui va all'attacco: "Berlusconi, verrò di nuovo ad Arcore"
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Un memoriale a Nonantola, Modena, per ricordare l'aiuto della popolazione a 73 ragazzi ebrei salvati dai lager nazisti
Firenze, festa Capodanno ma senza peperoncino
Firenze, festa Capodanno ma senza peperoncino
Dopo gli incidenti in discoteca e a Torino, il sindaco Nardella vieta con un'ordinanza vieta lo spray al peperoncino per la notte del 31 dicembre con Baglioni, Baby K e Renga
M5s, senatore Airola pronto a dimettersi
M5s, senatore Airola pronto a dimettersi
Il senatore NoTav e l'ex senatore Marco Scibona erano stati in prima fila contro il Tav Terzo Valico, ma ora Toninelli ha detto Sì alla grande opera. Accuse e minacce sul web: "Traditori e infami"
Mense, Lodi costretta al dietro-front
Mense, Lodi costretta al dietro-front
Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso delle associazioni e impone al Comune di modificare il regolamento poiché "discriminatorio" nei confronti dei bimbi stranieri
Dal balcone alla delusione
Dal balcone alla delusione
La retromarcia del governo di fronte alla correzione della manovra richiesta da Bruxelles: un taglio di 7,5 miliardi di euro, con taglie a reddito di cittadinanza e quota 100
Spray urticante nelle scuole, una lunga scia di incoscienza
Spray urticante nelle scuole, una lunga scia di incoscienza
Non sono bastati i morti di piazza San Carlo, a Torino, e neanche quelli della discoteca di Corinaldo, per fermare la bravata di spruzzare spray urticante. Tutti gli episodi delle scuole italiane
Antisemitismo, strappate le pietre d'inciampo
Antisemitismo, strappate le pietre d
Gravissimo gesto, sparite le pietre d'inciampo che ricordano la Shoah a Roma, erano dedicate alla famiglia Di Consiglio, sterminata nei lager. Opera dell'artista Deminig, furono installate nel 2012. Segre: "Le rimetteremo"
No Tav a Torino
fare numeri chiamando rinforzi
No Tav a Torino<br>fare numeri chiamando rinforzi
Non potendo rischiare di essere uno in meno dei Sì Tav, la chiamata a raccolta di chiunque in Italia sia contro qualcosa. Alla fine 100mila per i No Tav, 25mila per i conteggi ufficiali
I tre criminali italiani più ricercati nel mondo
I tre criminali italiani più ricercati nel mondo
Dopo l'arresto del capo dell'ndrangheta Giuseppe Pelle, nella lista dei più ricercati del mondo Matteo Messina Denaro, Giovanni Motisi, Marco De Lauro e Attilio Cubeddu