Strage di Bologna, l'ex Nar non si pente

| "Non mi posso pentire di qualcosa che non ho fatto, sono la 86a vittima della strage, chi l'ha fatta è un infame". Ma non ricorda chi incontrò nel covo di Treviso dove fu pianificato l'attentato. Lunga dichiarazione

+ Miei preferiti

Processo di appello per la strage di Bologna. L’ex Nar Luigi Ciavardini dice: “Sono innocente. Non posso pentirmi di una cosa che non ho fatto. Non ho messo io le bombe nella stazione di Bologna nell’agosto 1980. Sono la 86a vittima…”. Nell’ultima udienza per la strage di Bologna ha spiegato che non ricorda chi incontrò nella base di Treviso, dove, secondo le sentenze, fu pianificato l’attentato. Non li ricorda o non li vuole dire. Il risultato è lo stesso. Ma Ciavardini non sa nulla di utile "covo" di Treviso, né dei rapporti che avrebbe avuto in allora con Roberto Fiore (attuale leader di Forza Nuova). Fiore nel mirino per arrivare a Gilberto Cavallini, accusato di concorso nella strage) e di altri camerati rimasti nell’ombra e protetti in tutti questi anni chissà mai da chi. Proviamo ad indovinare, non è poi così difficile.

"Il mio pentimento - dice Ciavardini - c'è stato con alcuni parenti delle vittime su un fatto specifico e personale, sul quale ho ammesso la mia responsabilità. Per quanto riguarda Bologna, non ho da pentirmi: non perché devo giustificarmi ma perché non è in alcuna maniera riconducibile a me la colpevolezza. Quando parlo in modo negativo di chi ha commesso questo reato, non ho remore a dire che chiunque l'abbia commesso deve essere condannato definitivamente. Lo dico sapendo di essere innocente, non lo sto dicendo autoa-accusandomi di qualcosa…Vorrei che fosse chiaro: indipendentemente dal nostro passato e da tutto quel che abbiamo commesso, noi non abbiamo niente a che vedere con Bologna. Il pentimento giudiziario di altre persone, invece, non può essere in nessun modo paragonato a un pentimento da innocente...Ho fatto gli anni di carcere fino alla fine per Bologna, il tribunale non mi ha voluto riconoscere un beneficio ulteriore perché dicevano che non mi ero pentito: ma se uno si dichiara innocente, come può pentirsi per qualcosa che non ha fatto”.

Ma ricordando la morte di Nanni De Angelis, ex Terza Posizione e fidanzato di sua sorella, Ciavardini ha fatto capire di sentirsi in qualche modo in colpa. "La morte di De Angelis è una delle colpe di cui mi sento responsabile - ha detto l'ex Nar, commosso-, lui è un'altra vittima di questo processo".

De Angelis, latitante come Ciavardini, fu arrestato il 3 ottobre del 1980. De Angelis venne trovato impiccato nella sua cella, forse era stato picchiato perché scambiato per Ciavardini, killer di un poliziotto.

 “Mi hanno condannato senza prove senza indizi senza niente. Quando ho detto che ero l'86esima non volevo offendere né la città né questi processi, in nessuna maniera, che sono più che legittimi anche se contestiamo la sentenza…chi ha commesso quell'atto è un infame….le vittime sono tante, non solo purtroppo quelle di Bologna. Ci sono i nostri famigliari o i famigliari dei nostri amici che hanno portato sulla loro pelle danni irreparabili, fino alla morte, per salvare i loro figli, accusati di banda armata o di azioni legate a questa strage. Ci sono state molte vittime anche in questo senso".

Infine: "Sono stato  arrestato per una rapina, dicendo che l'avevo commessa in quello stesso periodo: con quella rapina mi hanno portato in carcere e hanno aspettato la sentenza definitiva di Bologna. Dopo la sentenza definitiva, sono stato assolto per la rapina”. Le conclusioni sono ovvie. Ma chi ha messo la bomba, allora?

Italia
Condono fiscale all'insaputa di Di Maio
Condono fiscale all
Lo statista di Pomigliano d'Arco si rivolgerà alla procura per accertare di chi è la "manina" che ha modificato il decreto sul condono fiscale. Conte non se n'era accorto,Lma al Quirinale il documento non è mai arrivato
Emilia-Romagna, flagello Halyomonas halys
Emilia-Romagna, flagello Halyomonas halys
La cimice di origine asiatica ha danneggiato il 40% della frutta: arrivata nel 2016 si è moltiplicata per le temperature miti
Guide Alpine, presidente un valdostano
Guide Alpine, presidente un valdostano
Pietro Giglio, 75 anni, figura storica dell'alpinismo italiano, è il nuovo presidente del le Guide Alpine italiane. Giornalista e cine-operatore. Vice il trentino Martino Peterlongo
"Attacchi alla stampa, minacciata la Costituzione"
"Attacchi alla stampa, minacciata la Costituzione"
Il presidente Fieg Andrea Riffeser Monti scrive al sottosegretario 5stelle, il senatore Vito Crimi: "Attitudine a minacciare, fatto sconosciuto alle democrazie accidentali"
La Shoah, non c'erano solo i nazisti
La Shoah, non c
Il vicepresidente del Lazio Massimiliano Smeriglio su Facebook: "Collaborarono anche i fascisti italiani, genocidio una colpa collettiva"
Lei non vuole fare sesso, lui chiede il divorzio
Lei non vuole fare sesso, lui chiede il divorzio
Se non fosse stato per questo dettaglio, forse nessuno si sarebbe accorto della truffa intentata da una donna ai danni di un anziano, circuito e sposato per ereditare tutto
"Attacchi cyber, ultima frontiera del male"
"Attacchi cyber, ultima frontiera del male"
ESCLUSIVO. Angelo Tofalo, 37 anni, pentastellato, ingegnere e sottosegretario alla Difesa spiega i nuovi scenari del conflitto globale. Gli attacchi alla rete fanno ormai parte delle strategie militari ostili. Come difendersi
#spariamoasalvini
MIGLIAIA DI LIKE
#spariamoasalvini<br>MIGLIAIA DI LIKE
ESCLUSIVO Continuano gli attentati anarchici contro la Lega, insulti e minacce di morte a Matteo Salvini, nel mirino dell'Anti-terrorismo l'area informale e simpatizzanti delle Br
La bomboniera pistola: gadget per mafiosi
La bomboniera pistola: gadget per mafiosi
Un consigliere regionale napoletano ha svelato la novità di un’azienda specializzata in bomboniere. “Segnale preoccupante per la società”
Gommone con 70 profughi sbarco a Lampedusa
Gommone con 70 profughi sbarco a Lampedusa
Malta non ha mezzi, interviene l'Italia. In arrivo solo la nave Ong "Mare Jonio". Il gommone era al largo dell'isola di Lampedusa, Guardia Costiera in soccorso.