Stupratori inchiodati da telecamere e testi "Abbiamo violentato la coppia polacca"

| ULTIMA ORA. I primo due si sono costituiti. Indagini ad alto tasso tecnologico, l'analisi di celle telefoniche, tabulati, impronte digitali e profili Dna

+ Miei preferiti
Si sono costituiti. Due minorenni marocchini e forse anche un terzo nordafricano. Si sono presentati in una caserma dei carabinieri e hanno confessato: "Siamo stati a noi a violentare la coppia polacca e il trans peruviano". Ne mancano all'appello due. La polizia del branco di stupratori che, su una spiaggia di Rimini, una notte, hanno violentato una giovane donna polacca, picchiato un suo amico e, successivamente, riservato il medesimo trattamento a un trans di origine peruviana, era a un passo dalla cattura. Al di là del fatto di cronaca, atroce, il caso sta mettendo alla prova gli investigatori dello Sco della polizia e gli analisti della Scientifica. Sappiamo che i criminali sono quattro, più un quinto che non ha partecipato al raid; che uno di loro ha lasciato un'impronta digitale sulla bottiglia usata per tramortire il turista polacco, subito inserita nei terminali del Viminale con esito positivo. Dunque, sappiamo chi è. I suoi ultimi domicili, i suoi movimenti in zona, i suoi precedenti di polizia. Lo possiamo definire, per semplicità "Ricercato 1", e così in sequenza, dal 2 sino al 4. Il suo volto, estratto da un album di soggetti simili, è stato riconosciuto - senza esitazioni - dal transessuale. Numero 1 ha 26 anni e di lui non possiamo dare altri dati sensibili. La polizia sa quale numero di cellulare utilizzava ma con una scheda non intestata a lui. Il suo smartphone è spento dalle prime ore della mattina dopo le violenze. Di Ricercato2, 3 e 4, abbiamo indizi simili, più i profili del Dna, estratti dai vestiti delle vittime e impronte digitali parziali, a differenza di quelle di Ricercato1, che sono invece complete. La nazionalità di tutti e cinque è nordafricana. Gli inquirenti sanno che uno di loro ha una posizione molto meno grave; gli rivolgono, indirettamente, un appello a presentarsi in un qualsiasi commissariato, in questura o in procura. Il suo aiuto potrebbero essere prezioso per scovare in fretta il rifugio dove i quattro si nascondono, ammesso che non siano già espatriati e finiti chissà dove. Sarà una indagine molto tecnologica anche se ha bisogno della collaborazione di tutti. Soprattutto della comunità nordafricana che potrebbe aver dato loro, almeno nella prima fase, un aiuto per fuggire. Un grave errore, che si può ancora rimediare.

Le vittime stanno meglio. La coppia polacca rientrerà presto in patria. Investigatori polacchi si affiancheranno ai colleghi italiani per risolvere il caso. E grazie al transessuale, i dubbi sulle identità degli stupratori sono stati eliminati. 

Italia
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio
babbo Boschi ecco babbo Di Battista
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio<br>babbo Boschi ecco babbo Di Battista
L'azienda del padre di "Dibba", lui però è socio, non paga i dipendenti e nemmeno la sorella. Poi debiti con banche, fornitori, lo Stato. Lo scrive Il Giornale. Lui va all'attacco: "Berlusconi, verrò di nuovo ad Arcore"
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Un memoriale a Nonantola, Modena, per ricordare l'aiuto della popolazione a 73 ragazzi ebrei salvati dai lager nazisti
Firenze, festa Capodanno ma senza peperoncino
Firenze, festa Capodanno ma senza peperoncino
Dopo gli incidenti in discoteca e a Torino, il sindaco Nardella vieta con un'ordinanza vieta lo spray al peperoncino per la notte del 31 dicembre con Baglioni, Baby K e Renga
M5s, senatore Airola pronto a dimettersi
M5s, senatore Airola pronto a dimettersi
Il senatore NoTav e l'ex senatore Marco Scibona erano stati in prima fila contro il Tav Terzo Valico, ma ora Toninelli ha detto Sì alla grande opera. Accuse e minacce sul web: "Traditori e infami"
Mense, Lodi costretta al dietro-front
Mense, Lodi costretta al dietro-front
Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso delle associazioni e impone al Comune di modificare il regolamento poiché "discriminatorio" nei confronti dei bimbi stranieri
Dal balcone alla delusione
Dal balcone alla delusione
La retromarcia del governo di fronte alla correzione della manovra richiesta da Bruxelles: un taglio di 7,5 miliardi di euro, con taglie a reddito di cittadinanza e quota 100
Spray urticante nelle scuole, una lunga scia di incoscienza
Spray urticante nelle scuole, una lunga scia di incoscienza
Non sono bastati i morti di piazza San Carlo, a Torino, e neanche quelli della discoteca di Corinaldo, per fermare la bravata di spruzzare spray urticante. Tutti gli episodi delle scuole italiane
Antisemitismo, strappate le pietre d'inciampo
Antisemitismo, strappate le pietre d
Gravissimo gesto, sparite le pietre d'inciampo che ricordano la Shoah a Roma, erano dedicate alla famiglia Di Consiglio, sterminata nei lager. Opera dell'artista Deminig, furono installate nel 2012. Segre: "Le rimetteremo"
No Tav a Torino
fare numeri chiamando rinforzi
No Tav a Torino<br>fare numeri chiamando rinforzi
Non potendo rischiare di essere uno in meno dei Sì Tav, la chiamata a raccolta di chiunque in Italia sia contro qualcosa. Alla fine 100mila per i No Tav, 25mila per i conteggi ufficiali
I tre criminali italiani più ricercati nel mondo
I tre criminali italiani più ricercati nel mondo
Dopo l'arresto del capo dell'ndrangheta Giuseppe Pelle, nella lista dei più ricercati del mondo Matteo Messina Denaro, Giovanni Motisi, Marco De Lauro e Attilio Cubeddu