Stupratori sadici, inferte ferite gravi donne e trans seviziate con ferocia

| ll capo ostenta sicurezza. Due fratelli marocchini di 15 e 17 anni si sono costituiti su invito del padre, agli arresti per furto e senza permesso di soggiorno. Il congolese era su un treno diretto in Francia

+ Miei preferiti
"Non ho niente da dire, parlerò con il mio avvocato". Guerlin Butungu, 20 anni, il capo del branco di sturpatori  di Rimini, ostenta sicurezza e zero pentimento. Circondato dalle donne poliziotto che lo hanno accompagnato in carcere (dove lo attendono anche i detenuti comuni, che detestano questo tipo di reati) Butungu si sta costruendo una linea difensiva. "Ero ubriaco e avevo assunto sostanze, non mi ricordo neanche cosa è successo". Gli investigatori: "Ferocia, crudeltà e lesioni mai viste. hanno agito con un odio senza nome". Se lo ricorda bene la trans peruviana, massacrata di botte, colpita in testa con una bottiglia e poi violentata con particolare ferocia: "Li voglio in galera per sempre, sono dei mostri", ha detto durante il riconoscimento fotografico. La Squadra mobile di Rimini e lo Sco hanno arrestato Butungu, maggiorenne a differenza degli altri che si sono costituiti ieri, perciò pienamente responsabile. Stava cercando di salire su un treno diretto in Francia dove, aveva detto ai complici, di "avere un rifugio". I due fratelli marocchini di 15 e 17 anni vivono - come Butungu - a Vallefoglia, nel Pesarese. Il padre, agli arresti domiciliari e privo di documenti regolari, li ha convinti a costituirsi dopo avere avisto il video della polizia dove entrambi erano riconoscibili. "Fosse stato un furto di portafoglio - ha detto il genitore - magari non gli avrei detto niente...ma quello che è successo era troppo grave...Se qualcuno violenta una delle mie donne lo ammazzo...E' un reato molto grave, devono pagare". I due frequentano l'Alberghiero di Pesaro, il più piccolo ha un'invalidità del 70 per cento. La tesi del padre è semplice: "Plagiati dal congolese, che li usava per piccoli furti". Precedenti inquietanti. Il più piccolo teorizzava lo stupreso nei confronti delle coetanee. Tutti imbevuti di odio contro le donne, specie se bianche.
Il terzo fermato, pure nel Pesarese, è un nigeriano a sua volta minorenne, 17 anni, emigrato in Italia con la famiglia due anni fa. Sa molto di strategia difensiva, teleguidata da un legale avveduto, il fatto che si siano spotaneamente costituiti, ammettendo le proprie responsabilità. Si apre così la strada alla concessione delle attenuanti.
I minori avranno pene ridotte
Due, fratelli marocchini, si sono costituiti in una caserma dei carabinieri, il terzo di origine congolesi, è stato preso a Pesaro, grazie alle confessioni dei primi. I minori, sia pure in stato di detenzione, avranno un percorso carcerario facilitato, pene assi più lievi, una reclusione stile albergo, se non a cinque stelle, almeno a due. Rischiano pene, in teoria, pesanti ma che non supereranno i quattro, cinque anni. Chi rischia di più è il ventenne congolese, con una possibile condanna sino e oltre i 10 anni di carcere, si spera veri e non inframezzati da permessi e altre note facilitazioni. Butungu era sul treno diretto al Nord, ma gli agenti dello Sco e delle squadre mobili di Rimini e Pesaro lo hanno preso tranquillamente seduto in uno scompartimento.
Chi è il ventenne congolese
Butungu il 25 novembre del 2015, dopo la sbarco a Lampedusa, era stato accolto nella comunità di Acquaviva di Cagli (PU). Ricevutolo stato di rifugiato, in base agli accordi di Dublino, entrò nello Sprar Invictus di Pesaro da settembre 2016 fino al 22 aprile 2017, abitando in una alloggio assieme ad altri 15 rifugiati. Aveva fatto il cameriere, in base al corso frequnetato "con profitto"  nel nel ristorante "La Perla"di Fano. "Mai dato sospetti di essere un violento - ha detto la responsabile Cristina Ugolini - si era aedeguato facilmente alle regole che noi imponiano ai rifugiati". Il suo profilo Facebook racconta molto di questo ventenne che ama dfarsi rirpendere con vestiti eleganti, dal taglio manageriale, tra propositi moralisti, anti-razzisti, para-religiosi. Eppure, tra i quattro, è stato il più spietato. E' lui ad avere tramortito il turista polacco prima di violentare la sua amico, lui a violentare la trans peruviana. Ci stava provando uno dei minorenni ma sempre lui gli disse: "Togliti, ci penso io". In un video canticchia ispirato: "Siamo tutti fratelli, sono tuo fratello...". Certi "parenti" è meglio evitarli però.



Italia
Caso Diciotti, slitta il verdetto del popolo 5s
Caso Diciotti, slitta il verdetto del popolo 5s
La piattaforma della Casaleggio Associati va in tilt e il voto slitta di un'ora, idem la chiusura. Di Maio : "Sosterrò il risultato della consultazione". W Grillo? "La battuta ci sta, sì vuol dire no e no il contrario. Ora è più chiaro"
TAV bocciata dal dossier costi-benefici
TAV bocciata dal dossier costi-benefici
Come ampiamente previsto, la commissione voluta dal ministro Toninelli ha smontato numeri e previsioni dell'Alta Velocità. Attesa per le reazioni della Francia, della UE e di Salvini, che si è sempre detto favorevole all’opera
Sardegna: la guerra del latte
Sardegna: la guerra del latte
Chiedono un prezzo al litro che gli permetta di sopravvivere: attualmente i 0,60 cent non bastano neanche per coprire le spese. Migliaia di litri di latte di pecora hanno imbiancato le strade dell’isola
Di Maio-Di Battista, disastro in Abruzzo
Di Maio-Di Battista, disastro in Abruzzo
Abruzzo test nazionale, con la Lega che raddoppia i consensi e la coalizione di centro destra vincente. Governatore il senatore Marco Marsilio di Fratelli d'Italia, Tiene Forza Italia. E la sinistra è in forte ripresa
"Bacioni al rosicone Travaglio"
"Bacioni al rosicone Travaglio"
Una vignetta di Mannelli deforma il volto del ministro trasformandolo in una specie di maiale. Ma la vignetta su Toninelli finì prima censurata poi pressoché nascosta. Salvini: "Sempre carini eh? Bacioni ai rosiconi"
Ecco il Sim, il primo sindacato dei carabinieri
Ecco il Sim, il primo sindacato dei carabinieri
Prime adesioni, un brigadiere come segretario, presidente il capitano Ultimo. "Ringraziamo il ministro della Difesa Trenta per l'aiuto". Programma ancora da definire
Di Maio e Di Battista scelgono i violenti
Di Maio e Di Battista scelgono i violenti
Ennesima capriola del Movimento 5stelle che si schiera con i Gilet Jaune che hanno provocato morti e devastazioni nelle città francesi. Alleanza in vista delle Europee. Ma un sondaggio Swg certifica il calo di consensi: dal 4 marzo meno 8%
Il marito di Kyenge candidato con la Lega
Il marito di Kyenge candidato con la Lega
Domenico Grispino ha firmato per Salvini e sarà candidato alle prossime comunali con la Lega. La moglie: "Ci siamo separati, faccia come vuole". Lui: "Aiutare gli immigrati a casa loro". Rapporti tesi
Pupularsi, vitalizi a sbaffo, a dettaglio e divani a parcheggio
Pupularsi, vitalizi a sbaffo, a dettaglio e divani a parcheggio
L'onorevole grillina Teresa Manzo infila una serie di strafalcioni esilaranti durante un intervento in aula. Forse non basta essere (in teoria) onesti per governare l'Italia
Parlamentari e sindaco sulla Sea Watch
Parlamentari e sindaco sulla Sea Watch
Salvini all'attacco: "Sono fuorilegge, subito inchiesta sui responsabili Ong". Fratoianni e Prestigiacomo: "Subito lo sbarco dei profughi". Il governo: "No"