Torna a casa Cesare Battisti, in Italia ti aspetta il carcere

| In Brasile Bolsonaro, con il suo programma di estrema destra, è stato eletto con il 55% dei voti. Ha promesso che concederà immediatamente l'estradizione dell'ex terrorista rosso, condannato all'ergastolo

+ Miei preferiti

Jair Bolsonaro è stato eletto presidente con il 55 % dei voti, mentre il candidato della sinistra, Fernando Haddad, ha raggiunto solo il 44 nonostante la rimonta degli ultimi giorni. Bolsonaro è un uomo considerato di estrema destra, razzista, omofobo e privo di un programma politico definito, per quanto riguarda l’economia di un Paese grande come un continente. A noi italiani però ha fatto una promessa: consentire immediatamente l’estradizione dell’ex terrotista dei Pac (Proletari Armati per il Comunismo) Cesare Battisti, protetto per dieci anni prima dall’ex presidente Lula (in carcere per corruzione) e poi da una parte della magistratura carioca.

Il vice premier Salvini si è congratulato per la vittoria e gli ha ricordato quanto ha detto, a proposito di Battisti, proprio nelle ultime ore della campagna elettorale, riferendosi in modo diretto alla forte comunità di origine italiana in Brasile. In un breve messaggio dopo la vittoria Bolsonaro su Facebook s’è rivolto a tutti i brasiliani: "Sono molto grato a tutti voi, per la vostra considerazione, le vostre preghiere e la vostra fiducia, adesso, tutti insieme, cambieremo il destino del Brasile: sapevamo dove stavamo andando, e ora sappiamo cosa dobbiamo fare". Il Brasile "non poteva continuare a flirtare con il socialismo, il comunismo, il populismo e l'estremismo della sinistra e ora la verità comincerà a regnare in ogni casa del paese, cominciando dal suo punto più alto, che è la presidenza della Repubblica, il Brasile ha tutto quello che serve per essere una grande nazione".

E’ meglio subito spegnere l’entusiasmo. A proteggere l’ex guerrigliero dei Pac, un sottogruppo nato dallo sfacelo delle Brigate Rosse negli Anni ’80, non fu solo l’establishment politico ma soprattutto quello giudiziario, con un sere infinita di sì all’estradizione, subito bloccata da organi equivalenti o superiori, con uno estenuante slalom tra competenze eguali e diverse. Il giudizio, alla fine, dopo una prima accelerazione imposta dall’attuale governo, sembrava favorevole al ritorno in patria di un uomo che deve scontare l’ergastolo ma è rimasto in sospeso, in attesa di ulteriori pronunciamenti. Bolsonaro potrà ora mobilitare il suo staff giuridico e tentare di sbloccare la situazione, certo di andare a infilarsi in un conflitto di poteri istituzionali, in parte e tuttora indipendenti rispetto alle funzioni del presidente. A meno che non abbia in animo di cambiare norme e leggi con poteri eccezionali, come ha sostenuto durante la prima fase di una campagna elettorale in cui è stato pure accoltellato da un fanatico di Lula. Nella seconda, Bolsonaro, come si direbbe qui in Italia, ha “abbassato i toni”, scegliendo parole d’ordine più moderate e rispettose dell’impianto costituzionale del Brasile. Lo ha fatto, dicono gli avversari, per non spaventare il ceto medio ed imprenditoriale, quando i suoi sostenitori più accesi concentrano nelle Farm degli sterminati territori interni. Ora tocca a lui decidere cosa fare. La sua prima dichiarazione (“Il mio primo impegno sarà la difesa della libertà”) sembrerebbe di buon auspicio. Ha vinto perchè le sinistre dopo dieci anni di governo, hanno lasciato solo macerie, tra assistenzialismo e corruzione, di uno dei Paesi più potenti del mondo, tra il dilagare della violenza urbana, il traffico di droga e un’emergenza occupazionale mai vista prima. Lui, ex militare, è un uomo d’ordine. A noi però sta a cuore ciò che ha ripetutamente promesso: di restituire all’Italia Cesare Battisti, così potrà scontare la sua pena non più tra le spiagge dorate di San Paolo ma dietro le sbarre di un carcere. E’ solo una questione di giustizia verso i morti innocenti che ha provocato. E non una vendetta.

Italia
Blitz sulla Nivin, profughi picchiati
Blitz sulla Nivin, profughi picchiati
I marinai della Guadia Costiera libica costringono i profughi a lasciare la nave dove si erano barricati da giorni. Ci sono feriti
No Tav, mobilitazione globale via social
No Tav, mobilitazione globale via social
L'8 dicembre a Torino non ci sarà solo il movimento No Tav ma No Muos, No Tap, No Tav di Brescia, Trento, Firenze, Terzo Valico, No F-35. Anche attivisti europei. Il vice-sindaco di Torino con fascia tricolore. Violenti in prima fila
castigato dai giudici'>L'ex nunzio ultra-moralizzatore
castigato dai giudici
Lcastigato dai giudici' class='article_img2'>
L'arcivescovo Carlo Maria Viganò,il severo accusatore di Papa Francesco, condannato in primo grado a versare metà dell'eredità al fratello don Lorenzo, pure disabile. Storia di fratelli-coltelli finita in Tribunale. Somme ingenti
40000 contro Di Maio e Toninelli
40000 contro Di Maio e Toninelli
La rivolta gentile, senza odio e minacce, senza i teppisti dei centri sociali, scuote l'anima di Torino. Migliaia di cittadini, anche con la Lega, in piazza Castello, per salvare la Tav da grillini e ideologi del NO
La rivolta pacifica contro la decrescita infelice
La rivolta pacifica contro la decrescita infelice
La manifestazione oggi in piazza Castello (ore 11) a Torino, di fronte alla Regione con tutte le categorie produttive e sindacali del Piemonte per salvare l'Alta Velocità dal trio Di Maio-Toninelli-Grillo
Milano, bus al posto dei treni vuoti
Milano, bus al posto dei treni vuoti
Proposta choc di Trenord alla Regione Lombardia: eliminare le linee con pochi passeggeri. Penalizzate le piccole comunità. "Riguarda solo l'1% degli utenti, un modo per risparmiare"
Il sacrificio di Lele e la memoria corta
Il sacrificio di Lele e la memoria corta
Mentre infuria il caso Cucchi, muore intanto un altro carabiniere in servizio, travolto da un treno. Doveva arrestare un rapinatore che cercava di fuggire. E sullo sfondo la scarsa attenzione dello Stato nei confronti dell'Arma
Il gran finale della black week di Anonymous
Il gran finale della black week di Anonymous
Violati i sistemi di sicurezza informatica di enti pubblici e partiti politici, diffusi migliaia di dati sensibili di dipendenti e tesserati. La conclusione della settimana nera promessa con largo anticipo
Prescrizione, governo ancora in affanno
Prescrizione, governo ancora in affanno
Il ministro grillino Bonafede non "arretra di un millimetro" ma Salvini insiste: "Le riforme non si fanno con gli emendamenti"
Catanzaro e Vibo Valentia, sfonda il centro-destra
Catanzaro e Vibo Valentia, sfonda il centro-destra
Abramo e Solano sono i nuovi presidenti delle Province. Battuti i candidati Dem. Grillini non pervenuti