Torna a casa Cesare Battisti, in Italia ti aspetta il carcere

| In Brasile Bolsonaro, con il suo programma di estrema destra, è stato eletto con il 55% dei voti. Ha promesso che concederà immediatamente l'estradizione dell'ex terrorista rosso, condannato all'ergastolo

+ Miei preferiti

Jair Bolsonaro è stato eletto presidente con il 55 % dei voti, mentre il candidato della sinistra, Fernando Haddad, ha raggiunto solo il 44 nonostante la rimonta degli ultimi giorni. Bolsonaro è un uomo considerato di estrema destra, razzista, omofobo e privo di un programma politico definito, per quanto riguarda l’economia di un Paese grande come un continente. A noi italiani però ha fatto una promessa: consentire immediatamente l’estradizione dell’ex terrotista dei Pac (Proletari Armati per il Comunismo) Cesare Battisti, protetto per dieci anni prima dall’ex presidente Lula (in carcere per corruzione) e poi da una parte della magistratura carioca.

Il vice premier Salvini si è congratulato per la vittoria e gli ha ricordato quanto ha detto, a proposito di Battisti, proprio nelle ultime ore della campagna elettorale, riferendosi in modo diretto alla forte comunità di origine italiana in Brasile. In un breve messaggio dopo la vittoria Bolsonaro su Facebook s’è rivolto a tutti i brasiliani: "Sono molto grato a tutti voi, per la vostra considerazione, le vostre preghiere e la vostra fiducia, adesso, tutti insieme, cambieremo il destino del Brasile: sapevamo dove stavamo andando, e ora sappiamo cosa dobbiamo fare". Il Brasile "non poteva continuare a flirtare con il socialismo, il comunismo, il populismo e l'estremismo della sinistra e ora la verità comincerà a regnare in ogni casa del paese, cominciando dal suo punto più alto, che è la presidenza della Repubblica, il Brasile ha tutto quello che serve per essere una grande nazione".

E’ meglio subito spegnere l’entusiasmo. A proteggere l’ex guerrigliero dei Pac, un sottogruppo nato dallo sfacelo delle Brigate Rosse negli Anni ’80, non fu solo l’establishment politico ma soprattutto quello giudiziario, con un sere infinita di sì all’estradizione, subito bloccata da organi equivalenti o superiori, con uno estenuante slalom tra competenze eguali e diverse. Il giudizio, alla fine, dopo una prima accelerazione imposta dall’attuale governo, sembrava favorevole al ritorno in patria di un uomo che deve scontare l’ergastolo ma è rimasto in sospeso, in attesa di ulteriori pronunciamenti. Bolsonaro potrà ora mobilitare il suo staff giuridico e tentare di sbloccare la situazione, certo di andare a infilarsi in un conflitto di poteri istituzionali, in parte e tuttora indipendenti rispetto alle funzioni del presidente. A meno che non abbia in animo di cambiare norme e leggi con poteri eccezionali, come ha sostenuto durante la prima fase di una campagna elettorale in cui è stato pure accoltellato da un fanatico di Lula. Nella seconda, Bolsonaro, come si direbbe qui in Italia, ha “abbassato i toni”, scegliendo parole d’ordine più moderate e rispettose dell’impianto costituzionale del Brasile. Lo ha fatto, dicono gli avversari, per non spaventare il ceto medio ed imprenditoriale, quando i suoi sostenitori più accesi concentrano nelle Farm degli sterminati territori interni. Ora tocca a lui decidere cosa fare. La sua prima dichiarazione (“Il mio primo impegno sarà la difesa della libertà”) sembrerebbe di buon auspicio. Ha vinto perchè le sinistre dopo dieci anni di governo, hanno lasciato solo macerie, tra assistenzialismo e corruzione, di uno dei Paesi più potenti del mondo, tra il dilagare della violenza urbana, il traffico di droga e un’emergenza occupazionale mai vista prima. Lui, ex militare, è un uomo d’ordine. A noi però sta a cuore ciò che ha ripetutamente promesso: di restituire all’Italia Cesare Battisti, così potrà scontare la sua pena non più tra le spiagge dorate di San Paolo ma dietro le sbarre di un carcere. E’ solo una questione di giustizia verso i morti innocenti che ha provocato. E non una vendetta.

Italia
Torino, il gelato No-ZTL
Torino, il gelato No-ZTL
Il gusto del tutto inedito è una delle sorprese di “Gelato a Primavera”, manifestazione per promuovere l’arte della gelateria cittadina. Ma anche per esprimere disappunto sui progetti della giunta Appendino
Ousseynou Sy, un giorno
di ordinaria follia
Ousseynou Sy, un giorno<br>di ordinaria follia
L’autista che ieri ha sequestrato e minacciato di morte 51 ragazzini delle medie accusato di tentata strage e terrorismo, anche se non sembra abbia legami con gruppi. Un uomo normale, perfettamente inserito
Chiusa l’inchiesta sui depistaggi del caso Cucchi
Chiusa l’inchiesta sui depistaggi del caso Cucchi
Otto ufficiali dei carabinieri accusati di vari reati, fra cui la manomissione della nota sullo stato di salute del giovane geometra romano. Soddisfazione della sorella Ilaria
Grillo (la ministra) e grillini NI VAX
Grillo (la ministra) e grillini NI VAX
Oggi in vigore la legge Lorenzin che impone l'obbligo dei vaccini a scolari e studenti, ma Grillo minaccia una nuova legge all'insegna "della scelta senza imposizioni". Puoi ammette: "C'è un'epidemia di morbillo"
La Tav è morta, viva la Tav
La Tav è morta, viva la Tav
Si rimanda a data da destinarsi, come da prassi, vietando a Telt di bloccare i capitolati di gara ma al tempo stesso autorizzandola a emettere avvisi per 2,3 miliardi di euro
Donne, quanto cammino ancora da fare
Donne, quanto cammino ancora da fare
Oggi la giornata dedicata alle donne, tempo di bilanci. Intervista al giurista Vincenzo Maltese. Dai conflitti familiari alle violenze di genere. Ancora discriminazioni
Elezioni Vercelli, l'ora del 'Lone Ranger'
Elezioni Vercelli, l
Luca Pedrale, candidato per una lista civica, ha commissionato un sondaggio alla Ghisleri con un risultato sorprendente: sbaraglierebbe gli avversati di tutte le formazioni. Scenari possibili anche a livello nazionale?
TAV, CONTE FA L'ARBITRO
TAV, CONTE FA L
Mentre a Roma Conte riunisce i suoi vice per un vertice (“non risolutivo”) sull’Alta Velocità, la Torino che vuole la Tav fa sentire la propria voce. Intervista a Fabrizio Ricca della Lega e Mino Giachino, promotore dei comitati Sì Tav
Orune, agguato in armi alla cisterna
Orune, agguato in armi alla cisterna
Uomini incappucciati bloccano autocisterna e, sotto la minaccia delle armi, costringono l'autista a versare il latte in strada. Dieci pastori denunciati per blocchi stradali. Tensione nel giorno delle elezioni
Sanità, Formigoni va in carcere
Sanità, Formigoni va in carcere
Dopo la condanna in giudicato di 5 anni e 10 mesi, il provvedimento eseguito dai carabinieri. L'ex governatore della Lombardia, il cui sistema sanitario è tra i migliori d'Europa, accusato di aver favorito aziende in cambio di favori