Un intricato labirinto di indagini e psicanalisi

| Il colonnello dei Carabinieri Fabio Federici e lo psichiatra Alessandro Meluzzi sono stati i protagonisti di un incontro sulla criminologia ospitato alla IULM di Milano

+ Miei preferiti
Di Germana Zuffanti
Una delle sale della “IULM”, celebre università milanese dedicata alle lingue e la comunicazione, martedì 23 gennaio ha ospitato una nuova tappa del tour di presentazione del volume “Il se e il ma delle investigazioni” (edizioni Oligo), un libro che rappresenta le riflessioni criminologiche e l’esperienza diretta dei due autori, Fabio Federici e Alessandro Meluzzi.

Federici è un colonnello dei Carabinieri pluridecorato, ma anche un giornalista pubblicista, un “crime analyst” docente di corsi universitari e seminari con una lunga esperienza investigativa vissuta su numerosi casi di risonanza mediatica e inchieste in materia di criminalità organizzata e di contrasto al fenomeno dell’immigrazione clandestina.

Meluzzi, volto noto della televisione, è un medico psichiatra, psicologo forense e criminologo, nonché giornalista e autore televisivo, consulente tecnico in materia civile e penale e autore di importanti pubblicazioni.

Il loro saggio è una sorta di manuale da tenere sulla scrivania, idealmente dedicato al giornalista, allo studioso che si approccia ad un delitto o anche solo a chi vuole avere una chiave di lettura nell’attuale sistema delle investigazioni.

Sulla scia del saggio del grande illuminista italiano Cesare Beccaria del 1764, “Dei delitti e delle pene”, quello di Federici e Meluzzi è un volume che potrebbe essere addirittura oggetto di studio nelle scuole: ciò che emerge, al di là delle raffinate citazioni classiche e della ripresa del codice penale, è il necessario approccio multidisciplinare che si deve tenere per arrivare alla meta di ogni investigatore: la “risoluzione del caso”.

La copertina del libro è rappresentativa del contenuto del saggio: ciò che conta è la semantica, gli indizi e le costruzioni logiche, in un labirinto che può essere quello dell’assassino come quello dell’investigatore che raccoglie, intuisce e deduce, tenendo a mente un solo duplice obiettivo: verità e giustizia. Un labirinto in cui, come in una tragedia greca, si intreccia il bene ed il male, e la finzione è utile per arrivare al vero.

Al convegno, aperto dal saluto del Rettore dell’IULM Mario Negri, hanno partecipato ospiti e relatori illustri: il Generale di Divisione Teo Luzi, Comandante della Legione Carabinieri “Lombardia”, il quale ha parlato del suo passato da coordinatore di indagini importanti che lo hanno coinvolto profondamente, Siria Magri, Vice Direttore “Videonews Mediaset” e responsabile e curatrice di vari programmi Mediaset, in particolare della trasmissione  “Quarto Grado”, che ha parlato del ruolo dei media e della sua personale esperienza nella trattazione giornalistica di eventi importanti, Ilaria Mura, giornalista di punta ed inviata della trasmissione televisiva “Quarto Grado” che ha moderato e parlato della sua esperienza lavorativa ed umana e Luca Crovi, critico letterario e musicale, giallista e saggista, redattore presso la “Sergio Bonelli Editore”, che ha introdotto anche il tema della popolarità della “letteratura noir”.

Alla base dell’incontro alcuni casi di cronaca vissuti direttamente dagli autori ed i diversi approcci, quello dell’investigatore raffinato e quello dello psichiatra, al fine di chiarire gli elementi fondanti di un’indagine e dell’influenza dei media, che spesso aiutano ma altre volte “inquinano” le prove scatenando reazioni fuorvianti degli indiziati sulla scia dell’onda emotiva mediatica.

Si è parlato quindi del rapporto tra crimine e società, della raccolta degli indizi e delle prove sulla scena del crimine, della relazione diretta fra crimine e giustizia.

Il libro sarà presentato il prossimo 10 febbraio presso la Sala Grande del “Circolo dei Lettori” di Torino, alla presenza di relatori di fama come Giorgio Vitari, avvocato generale dello Stato, Massimo Numa, giornalista de “La Stampa” e Ilaria Mura, giornalista televisiva.

I due scrittori devolveranno integralmente i diritti d’autore derivati dalle vendite del libro all’Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri, unico ente autorizzato per dare un aiuto concreto ai figli degli agenti caduti in servizio.

Galleria fotografica
Un intricato labirinto di indagini e psicanalisi - immagine 1
Un intricato labirinto di indagini e psicanalisi - immagine 2
Un intricato labirinto di indagini e psicanalisi - immagine 3
Italia
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio
babbo Boschi ecco babbo Di Battista
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio<br>babbo Boschi ecco babbo Di Battista
L'azienda del padre di "Dibba", lui però è socio, non paga i dipendenti e nemmeno la sorella. Poi debiti con banche, fornitori, lo Stato. Lo scrive Il Giornale. Lui va all'attacco: "Berlusconi, verrò di nuovo ad Arcore"
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Un memoriale a Nonantola, Modena, per ricordare l'aiuto della popolazione a 73 ragazzi ebrei salvati dai lager nazisti
Firenze, festa Capodanno ma senza peperoncino
Firenze, festa Capodanno ma senza peperoncino
Dopo gli incidenti in discoteca e a Torino, il sindaco Nardella vieta con un'ordinanza vieta lo spray al peperoncino per la notte del 31 dicembre con Baglioni, Baby K e Renga
M5s, senatore Airola pronto a dimettersi
M5s, senatore Airola pronto a dimettersi
Il senatore NoTav e l'ex senatore Marco Scibona erano stati in prima fila contro il Tav Terzo Valico, ma ora Toninelli ha detto Sì alla grande opera. Accuse e minacce sul web: "Traditori e infami"
Mense, Lodi costretta al dietro-front
Mense, Lodi costretta al dietro-front
Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso delle associazioni e impone al Comune di modificare il regolamento poiché "discriminatorio" nei confronti dei bimbi stranieri
Dal balcone alla delusione
Dal balcone alla delusione
La retromarcia del governo di fronte alla correzione della manovra richiesta da Bruxelles: un taglio di 7,5 miliardi di euro, con taglie a reddito di cittadinanza e quota 100
Spray urticante nelle scuole, una lunga scia di incoscienza
Spray urticante nelle scuole, una lunga scia di incoscienza
Non sono bastati i morti di piazza San Carlo, a Torino, e neanche quelli della discoteca di Corinaldo, per fermare la bravata di spruzzare spray urticante. Tutti gli episodi delle scuole italiane
Antisemitismo, strappate le pietre d'inciampo
Antisemitismo, strappate le pietre d
Gravissimo gesto, sparite le pietre d'inciampo che ricordano la Shoah a Roma, erano dedicate alla famiglia Di Consiglio, sterminata nei lager. Opera dell'artista Deminig, furono installate nel 2012. Segre: "Le rimetteremo"
No Tav a Torino
fare numeri chiamando rinforzi
No Tav a Torino<br>fare numeri chiamando rinforzi
Non potendo rischiare di essere uno in meno dei Sì Tav, la chiamata a raccolta di chiunque in Italia sia contro qualcosa. Alla fine 100mila per i No Tav, 25mila per i conteggi ufficiali
I tre criminali italiani più ricercati nel mondo
I tre criminali italiani più ricercati nel mondo
Dopo l'arresto del capo dell'ndrangheta Giuseppe Pelle, nella lista dei più ricercati del mondo Matteo Messina Denaro, Giovanni Motisi, Marco De Lauro e Attilio Cubeddu