Wikipedia chiusa per protesta

| Almeno fino a giovedì, le pagine italiane della più celebre e diffusa enciclopedia online rimarranno oscurate. Una protesta verso il testo in discussione a Strasburgo, che “limiterebbero la libertà della rete”

+ Miei preferiti
Ci si può sentire smarriti senza Wikipedia? Si può eccome. L’insolita condizione la stanno vivendo gli utenti italiani dell’enciclopedia online più celebre e diffusa del pianeta, oscurata dalle prime ore di questa mattina per una protesta contro le violazioni della “libertà di Internet” previste nel nuovo piano dell’UE relativo al copyright.

Nella riunione plenaria da oggi al prossimo 5 luglio, il Parlamento Europeo di Strasburgo metterà ai voti un regolamento che oltre ai Wikipedia, ha scatenato le ire di colossi come Google.

Tutto si gioca sul testo di due articoli, l’11, che prevede la così detta “tassa sui link”, ovvero l’obbligo di autorizzazione condividendo passaggi di un testo altrui, e il 13, che impedisce di caricare contenuti protetti dal diritto d’autore su canali come Youtube e Instagram.

La protesta, con relativo blackout delle pagine, dovrebbe proseguire fino a giovedì. Non è la prima volta che Wikipedia sceglie la linea dura: era già successo nel 2011, come protesta verso il Ddl intercettazioni.

Dall’UE arrivano però rassicurazioni secondo cui le enciclopedie online sarebbe automaticamente escluse dalle nuove norme europee. Secca la replica dell’enciclopedia online: “Non ci muoviamo solo per salvare noi stessi, ma per difendere la libera rete, comprese realtà meno visibili di noi”. In aggiunta, una nota minacciosa: la nuova direttiva minaccia la libertà online e crea ostacoli con nuovi filtri, restrizioni e barriere che potrebbero portare alla chiusura delle pagine italiane di Wikipedia. “Chiediamo di respingere il testo partendo dall’abolizione degli articoli 11 e 13, nonché la protezione della libertà di scattare foto in luoghi pubblici estesa a tutta la UE”.

 

Galleria fotografica
Wikipedia chiusa per protesta - immagine 1
Italia
Mense, Lodi costretta al dietro-front
Mense, Lodi costretta al dietro-front
Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso delle associazioni e impone al Comune di modificare il regolamento poiché "discriminatorio" nei confronti dei bimbi stranieri
Dal balcone alla delusione
Dal balcone alla delusione
La retromarcia del governo di fronte alla correzione della manovra richiesta da Bruxelles: un taglio di 7,5 miliardi di euro, con taglie a reddito di cittadinanza e quota 100
Spray urticante nelle scuole, una lunga scia di incoscienza
Spray urticante nelle scuole, una lunga scia di incoscienza
Non sono bastati i morti di piazza San Carlo, a Torino, e neanche quelli della discoteca di Corinaldo, per fermare la bravata di spruzzare spray urticante. Tutti gli episodi delle scuole italiane
Antisemitismo, strappate le pietre d'inciampo
Antisemitismo, strappate le pietre d
Gravissimo gesto, sparite le pietre d'inciampo che ricordano la Shoah a Roma, erano dedicate alla famiglia Di Consiglio, sterminata nei lager. Opera dell'artista Deminig, furono installate nel 2012. Segre: "Le rimetteremo"
No Tav a Torino
fare numeri chiamando rinforzi
No Tav a Torino<br>fare numeri chiamando rinforzi
Non potendo rischiare di essere uno in meno dei Sì Tav, la chiamata a raccolta di chiunque in Italia sia contro qualcosa. Alla fine 100mila per i No Tav, 25mila per i conteggi ufficiali
I tre criminali italiani più ricercati nel mondo
I tre criminali italiani più ricercati nel mondo
Dopo l'arresto del capo dell'ndrangheta Giuseppe Pelle, nella lista dei più ricercati del mondo Matteo Messina Denaro, Giovanni Motisi, Marco De Lauro e Attilio Cubeddu
La selvaggia lottizzazione giallo-verde
La selvaggia lottizzazione giallo-verde
Il ministro della Sanità Giulia Grillo, M5S, caccia anzitempo i componenti non allineati del Consiglio superiore di sanità. Mentre strillano al complotto, il neo-potere occupa tutte le poltrone ancora disponibili. Con effetti deleteri
Lion 610, oggi i funerali di Manuel
 Lion 610, oggi i funerali di Manuel
Aveva 26 anni la vittima italiana morta con altre 188 persone nello schianto del Boeing della compagnia indonesiana. Ultimo saluto nel Duomo di Massa
Le Card? Boh? Saranno 5 milioni e mezzo..."
Le Card? Boh? Saranno 5 milioni e mezzo..."
Altra gaffe del vice-ministro dell'Economia, la grillina Laura Castelli. Di Maio annuncia la stampa di 6 milioni di card per il reddito di cittadinanza, lei non ne sa nulla. Ma chi le stampa? Non si sa
"Salvare i conti dello Stato vuol dire proteggere i più deboli"
"Salvare i conti dello Stato vuol dire proteggere i più deboli"
Intervento di Mattarella sulla situazione del bilancio dello Stato, messo in pericolo dal governo giallo-verde