Anarco-terroristi "Basta con bombe carta, alzare il livello dello scontro"

| Riprende a Torino il processo ai 7 anarchici Fai/Fri accusati di una serie di attentati ma si apre una spaccatura tra i militanti. "Stop ai petardi che valgono anni di galera, selezionare obiettivi e usare strumenti davvero devastanti"

+ Miei preferiti

di MASSIMO NUMA

Riprende lunedì in Assise a Torino il processo a 7 anarchici della Federazione Anarchica Informale accusati di una lunga catena di attentati con eplosivo (e feriti) dal 2003 a oggi in Piemonte e nel Centro Sud. In un crescendo di tensioni e di pericolosi nuovi attentati, anche se recentemente è accaduto un fatto nuovo nella galassia che teorizza eversione e terrorismo. Si sarebbe infatti verificata una profonda spaccatura tra il gruppo che fa a capo ad Anna Beniamino ed Alfredo Cospito, torinesi, e una parte non secondaria dei compagni del Centro Sud, sino a ieri coesi nel sostenere la linea della violenza anti-sistema. 



Una divisione netta, che va al cuore del problema: da una parte di ha proseguito sulla strada degli attentati con esplosivo utilizzando ordigni “sostanzialmente inefficaci, se non ridicoli” ma in grado, se gli autori venissero mai individuati, “di ricevere egualmente decenni di galera con imputazioni aggravate dal 270, la matrice associativa-terroristica”,  segnalerebbero i “dissidenti”. E allora perché insistere con le bombe-carta, che fanno un botto e un po’ di fumo, davanti alle caserme dei carabinieri”? “Se dobbiamo mettere in gioco la nostra vita dobbiamo farlo con mezzi veramente distruttivi e mirati con precisione su bersagli veri: giudici, politici, giornalisti, nemici della marginalità nel suo complesso”. E ancora: “Questo essere né carne né pesce è inutile e controproducente”. Questo, in sintesi, il senso della discussione in atto.



Ignote le risposte agli inquietanti interrogativi mossi dall’ala degli irriducibili che rivendicano la linea rossa di collegamento con le estinte formazioni armate degli Anni ’70 e ’80. Per ora, a quanto pare, non c’è stata una presa di posizione chiara e netta da parte dei destinatari del messaggio, proveniente dal gruppo di anarchici che hanno scelto la clandestinità anche attraverso la cancellazione dall’anagrafe. Sarà interessante, in aula, vedere chi è presente tra i sostenitori di Beniamino-Cospito nel settore riservato al pubblico. Nell’ultima udienza si erano materializzati alcuni esponenti dell’ala più radicale ma con vuoti assai significativi. Beniamino, che ha il carisma e l'intelligenza da leader, di sicuro, ha valutato con attenzione questo nuovo quadro e sarà interessante se affiderà una risposta ai siti di riferimento della sua area. Il problema che porrebbero i dissidenti è semplice: “Onore ai compagni che, nonostante la durissima repressione, pongono in essere azioni contro i simboli del sistema ma è sbagliato il modo e gli obiettivi sono troppo circoscritti e riduttivi”. Poi: “L’imprevedibilità sui tempi, i modi e i mezzi dell’azione rivoluzionaria è un punto di forza e di incisività a cui non si può rinunciare…che senso ha tentare invano di colpire un obiettivo scortato e super-protetto quando ci sono soggetti analoghi facilmente raggiungibili e con le stesse infami responsabilità delle figure apicali della repressione?”. Le caserme sono videosorvegliate, s’è alzato il livello di sorveglianza. Se vuoi colpire, e non con uno “stupido petardo”, è il senso dell’analisi, devi usare fantasia e la decisione di attuare un “alto e adeguato livello di devastazione”. Senza porsi limiti. E’ una riflessione severa: “Se ci poniamo lo scrupolo degli effetti collaterali legati a un’azione, ebbene, allora lasciamo perdere. Le azioni rivoluzionarie hanno, da sempre, un loro costo”.



Nel corso delle prime udienze torinese, uno speaker della Fai/Fri si era espresso così: «Distruggere questo mondo di m… è bello. Sparagna, prova anche tu. Penso che venti litri di benzina per distruggere il tuo ufficio possono bastare. E se dentro bruci pure tu saremo ancora più contenti». I timori sono legati agli attentati esplosivi avvenuti (alcuni sventati dai controlli nelle Poste) attraverso l’invio di buste esplosive molto più sofisticate e pericolose dei modelli precedenti. L’ultima era scoppiata il 25 maggio ad Atene nell’auto del premier greco Lucas Papademos, ferito al volto, poi ordigni a Roma a Parigi. Destinatari figure istituzionali e altre persone nel mirino della Fai/Fri.  E’ uno scenario in continua evoluzione, mentre una parte non secondaria di esponenti di rilievo s’è trasferita dal Cuneese in Alta Val Susa, in una comunità anarchica un tempo molto legata al movimento No Tav, partecipando in prima persona alla fase violenta della vertenza.

In un documento acquisito dalla Digos è scritto testuale: “E’ una vera gioia vedere saltare in aria caserme, tribunali, rappresentanti el potere..il sistema è le sue strutture non sono astratte e i responsabili hanno nomi e cognomi sono facilmente individuabili…".



Dal 2003 le cellule della Fai-Fri hanno realizzato decine di azioni dirette in tutta Italia. Furono perquisite decine di abitazioni e case occupate in Piemonte, Liguria, Lazio, Emilia Romagna, Lombardia, Sardegna, Abruzzo, Campania e Umbria. Il reato contestato è l’associazione con finalità di terrorismo. Tre gli attentati oggetto dell’indagine. Il primo alla Crocetta, il 5 marzo 2007, poi i due ordigni davanti alla caserma dei carabinieri di Fossano, il 2 giugno 2006. L’indagine è partita nel 2012, a Genova, dopo l’attentato al manager Ansaldo Roberto Adinolfi. Cospito e Gai, del Nucleo Olga, gli spararono alle gambe con una pistola Tokarev, ferendolo in modo serio. I due furono arrestati pochi mesi dopo e infine condannati in via definitiva a 10 e 9 anni di carcere. Al pm Roberto Sparagna erano stati indirizzati numerosi insulti. «i nostri padri e i nostri nonni - aveva aggiunto lo speaker - ci hanno insegnato come si trattano i nazisti. Vai a piazzale Loreto, e medita la fine che fanno».  E ordigni eplosivi. Le due buste (la seconda al pm Antonio Rinaudo) contenevano polvere da sparo, fili elettrici e batterie. Avrebbero potuto esplodere. 

Galleria fotografica
Anarco-terroristi  "Basta con bombe carta, alzare il livello dello scontro" - immagine 1
Anarco-terroristi  "Basta con bombe carta, alzare il livello dello scontro" - immagine 2
Anarco-terroristi  "Basta con bombe carta, alzare il livello dello scontro" - immagine 3
Anarco-terroristi  "Basta con bombe carta, alzare il livello dello scontro" - immagine 4
Anarco-terroristi  "Basta con bombe carta, alzare il livello dello scontro" - immagine 5
L’Analisi
"Mamma, da grande farò il martire"
"Mamma, da grande farò il martire"
L'incredibile storia della cellula di Ripoll e dell'Imam bombarolo. Dal 2000 scuole coraniche radicali in tutta Europa, anche in Italia
Quelle 5 brigatiste in carcere da 30 anni per coerenza
Quelle 5 brigatiste in carcere da 30 anni per coerenza
Sono le "irriducibili" rimaste fedeli ai vecchi miti della lotta armata, senza mai cedere. Condannate all'ergastolo, avrebbero potuto ottenere sconti di pena e permessi. Come hanno fatto tanti pluriassassini di Br e Prima Linea
IGNOTO 1 HA UCCISO YARA Il Dna è quello di Massimo Bossetti
IGNOTO 1 HA UCCISO YARA Il Dna è quello di Massimo Bossetti
Analisi a freddo della sentenza della Cassazione che ha confermato l'ergastolo per il muratore di Mapello. I riscontri scientifici non lasciano dubbi, smontata la tesi del complotto. Prove e indizi schiaccianti
Isis in Italia, così importiamo il terrorismo
Isis in Italia, così importiamo il terrorismo
Analisi dopo l'arresto di un aspirante terrorista a Milano. C'è una strana ritrosia e una strana indifferenza, mentre le associazioni estremiste islamiche aprono moschee e scuole anche in Italia. Un allarme sottovalutato
Incubo Spread, il ritorno
Incubo Spread, il ritorno
E' la parole più cercata sul web dagli italiani, quota 300 non sarà a lungo sostenibile. Il sistema Italia è in pericolo, ammonimento Bce: "in Grecia iniziò così". Ma la coalizione giallo-verde tira dritto. I numeri per sono inesorabili
I sicari di MbS hanno ucciso Khashoggi
I sicari di MbS hanno ucciso Khashoggi
La Cia ha individuato nel principe ereditario saudita, Mohammed bin Salman, il mandante di un delitto che sta cambiando gli equilibri e le alleanze dell'intero scacchiere medio-orientale. Usa in difficoltà, Italia ininfluente
Anarchici più pericolosi dei jihadisti
Anarchici più pericolosi dei jihadisti
Torna alla ribalta l'analisi dei nostri 007 sulla galassia antagonista e Fai-Informale. Un'"azione" ogni quattro giorni, 110 attentati solo nel 2017. Tra gli ideologi emerge il ruolo dominante della torinese Anna Beniamino
Attacco hacker, ma non ci fermeranno
Attacco hacker, ma non ci fermeranno
Sventato un tentativo di bloccare ItaliaStarMagazine con un lungo attacco Dos al sito. Se mai gli autori fossero anarchici, intimidazioni inutili. Il giornale continuerà ad occuparsi di terrorismo. Nuovi attentati in Francia
La strage silenziosa dei disabili
La strage silenziosa dei disabili
Le vittime dei modi a volte violenti della polizia americana sono centinaia ogni anno, ma fra questi si nasconde un altro dato inquietante di cui non si parla affatto: molti di questi erano disabili. Lo dimostrano tre storie emblematiche
Gli avvocati che stanno inguaiando gli Stati Uniti
Gli avvocati che stanno inguaiando gli Stati Uniti
Gordon K. Sattro e Michael Cohen, il primo legale di Jimmy Bennett, l’altro di Donald Trump. Due professionisti che stanno mettendo a dura prova la credibilità di istituzioni e movimenti