Bielorussia, ultimo paese Ue con la pena di morte

| Drammatico servizio della Bbc sul braccio della morte nelle carceri di Minsk. Detenuti giustiziati all'improvviso, sepolti in aree segrete. I familiari informati solo con la restituzione di vestiti e oggetti. Il caso Yakovitsky

+ Miei preferiti

Per i 10 mesi trascorsi nel braccio della morte, Gennady Yakovitsky ha potuto capire se era giorno o notte dalla luce fioca che filtrava attraverso il coperchio di protezione della finestra della sua cella, dove le luci bianche rimangono accese anche durante il sonno. Facile perdere il senso del tempo. E’ stato tenuto in isolamento, qualsiasi passeggiata all'aperto era vietato. Le visite strettamente controllate e, oltre agli avvocati, solo i parenti stretti potevano incontrarlo una volta al mese. In quei giorni, Yakovitsky è stato prelevato dalla sua cella e scortato, le mani ammanettate dietro la schiena, con le guardie che gli impongono di volgere lo sguardo verso il basso. Come tutti gli altri, non gli veniva mai detto dove andava, spiega sua figlia Alexandra. "È per incontrare parenti? Avvocati? Da girare”? Padre e figlia si vedevano attraverso una finestra di vetro, sempre sotto gli occhi delle guardie. "Non abbiamo parlato del caso, era proibito. Potevamo parlare solo di cose familiari". Durante una delle visite, Alexandra, allora 27enne, si lamentò con lui per il lungo tempo necessario a ricevere un nuovo passaporto. "Le guardie hanno detto sarcasticamente: hai ancora un po' di tempo a disposizione’...". Pochissimo si sa dei detenuti nel braccio della morte, fotografati a Minsk nel 2006 in una cella. Spesso descritta come "l'ultima dittatura d'Europa", la Bielorussia è l'unico paese in Europa e nell'ex Unione Sovietica a non aver ancora eliminato la pena di morte, e i processi sono avvolti nella segretezza.

Le esecuzioni vengono eseguite con un colpo alla testa, ma il numero esatto non è noto: si ritiene che ne siano state eseguite più di 300 dal 1991, anno in cui la Bielorussia è diventata un paese indipendente. Secondo Amnesty International , l'anno scorso vi sono state due esecuzioni capitali.

Attualmente, si ritiene che almeno sei uomini si trovino nel braccio della morte -  mentre, secondo le leggi del paese, le donne non possono essere condannate a morte. I condannati - di solito per omicidi con circostanze aggravanti - sono tenuti in una delle celle di alta sicurezza nel seminterrato del Centro di detenzione pre-processuale, una prigione allestita nella costruzione di un castello del XIX secolo, ora parzialmente crollato, nel centro della capitale Minsk. Raramente gli attivisti e i giornalisti hanno accesso a tali informazioni. Il concetto Sono trattati come se fossero già morti, il concetto del Dead Man Walking, come negli Usa. Gravi le violazioni dei diritti umani, tra cui la "pressione psicologica", con agenti che spesso usano "torture e altri trattamenti crudeli, disumani e degradanti", ha detto un rapporto di Viasna, un gruppo locale per i diritti umani, nel 2016.

Ai detenuti non è consentito sdraiarsi o sedersi sui letti al di fuori dell'orario di sonno stabilito, ha detto al gruppo un ex operatore carcerario, e trascorrere la maggior parte della giornata passeggiando per le loro celle. Spesso si dice che anche il loro diritto di inviare e ricevere lettere non sia rispettato. "Le condizioni sono spaventose", ha dichiarato Aisha Jung, attivista di Amnesty International per la Bielorussia, che ha lavorato per un decennio alle esecuzioni capitali del paese. Gennady Yakovitsky, che ha vissuto a Vileyka, una città a circa 100 km da Minsk, era stato accusato di aver ucciso la sua convivente di 35 anni nel loro appartamento dopo due giorni di bevute con gli amici nel luglio 2015, secondo i rapporti dei gruppi per i diritti umani.

Dopo un litigio, in cui l’avrebbe colpita con pugni, si erano divisi, Yakovitsky si era poi addormentato. Quando si svegliò, la donna era già morta, con la mandibola rotta e parzialmente nuda. Tre giorni dopo fu arrestato.

Gli attivisti hanno detto che Yakovitsky ha affrontato pressioni psicologiche durante il suo primo interrogatorio e che le persone che erano in appartamento al momento ha dato testimonianza contraddittoria. "Alcuni testimoni erano ubriachi in tribunale", disse sua figlia. "Più tardi] dissero che non riuscivano a ricordare quello che era successo. Non è stato fornito alcun elemento di prova".

Yakovitsky era già stato condannato a morte per omicidio nel 1989, ma questo è stato commutato in un periodo di 15 anni di carcere. Alexandra ha detto che il tribunale di Minsk aveva usato questo come "la prova principale" contro suo padre. Nel gennaio 2016 è stato giudicato colpevole di un secondo omicidio, che ha negato, e condannato a morte.

Il giorno dell'esecuzione, un pubblico ministero comunica ai detenuti che il loro appello per l'indulto presidenziale è stato respinto. Aleh Alkayeu, ex capo del carcere in cui vengono eseguite le esecuzioni, ha dichiarato a Viasna: “Tremavano per il freddo o per la paura”. Spesso descritta come "l'ultima dittatura d'Europa", la Bielorussia è l'unico paese in Europa e nell'ex Unione Sovietica a non aver ancora eliminato la pena di morte, e il processo è avvolto nella segretezza.

Le esecuzioni vengono eseguite con un colpo alla testa, ma il numero esatto non è noto: si ritiene che ne siano state eseguite più di 300 dal 1991, anno in cui la Bielorussia è diventata un paese indipendente. Secondo Amnesty International , l'anno scorso vi sono state due esecuzioni capitali.

disse a Viasna: "Hanno tremato dal freddo o dalla paura, e i loro occhi pazzi irradiavano un orrore così reale che era impossibile guardarli".

I detenuti sono bendato e portato in una stanza appositamente predisposta in cui l'accesso è limitato solo a quelli consentiti dal procuratore: mai un membro del pubblico, secondo i conti da ex agenti. Sono poi costretti alle ginocchia e uccisi a colpi di arma da fuoco. Si dice che l'intera procedura duri circa due minuti. Solo settimane o addirittura mesi dopo i loro parenti ne vengono informati. In alcuni casi, questo accade quando una scatola viene inviata per posta con alcuni degli effetti personali del condannato. I corpi non vengono mai restituiti alle famiglie e i luoghi in cui sono stati sepolti rimangono un segreto di Stato, una violazione dei diritti umani dei detenuti e dei loro familiari, ha affermato il relatore speciale dell'ONU Miklós Haraszti nel 2017. Questo, ha aggiunto, è stato un atto di tortura. Alcuni parenti scoprono che le esecuzioni sono state effettuate solo quando una scatola con gli effetti personali del detenuto arriva per posta. Il governo del Presidente Alexander Lukashenko, al potere dal 1994, utilizza ancora questo risultato per giustificare la sua politica e ha subordinato qualsiasi cambiamento a un altro voto popolare. Nel frattempo, un gruppo parlamentare sta discutendo su ciò che si può fare, ma gli osservatori affermano che potrebbe essere necessario un po' di tempo prima di prendere una decisione. Fino ad allora, la Bielorussia rimarrà probabilmente l'unico paese europeo al di fuori del Consiglio d'Europa, il principale organismo di sorveglianza dei diritti umani del continente.

"Alla fine la Bielorussia dovrà scegliere il modo in cui abolire la pena di morte", ha dichiarato Tatiana Termacic, della Direzione per i diritti umani e lo stato di diritto del Consiglio. "È sulla via dell'abolizione e speriamo che lo faccia prima o poi”. Eppure, ha detto, si trattava di una "macchia nera" in un continente quasi totalmente libero dalla pena di morte.

L'avvocato di Gennady Yakovitsky ha presentato ricorso alla Corte suprema contro la sua condanna, sostenendo che il processo non era stato equo e che la sua colpevolezza non era stata inequivocabilmente accertata. E 'stato citato come dicendo prova vitale era stata omessa, tra cui un esame forense che aveva trovato tracce di sangue non identificato sotto le unghie della vittima.

Ma il tribunale ha confermato la sua sentenza e, nel novembre 2016, Yakovitskyc è stato giustiziato, aveva 49 anni. Un mese dopo, la sua famiglia ha ricevuto una lettera per posta che confermava l'esecuzione della sentenza. "Non ho ricevuto i suoi effetti personali, non abbiamo visto il corpo", ha detto Alexandra, che ora si batte contro la pena di morte in Bielorussia.

 
 

L’Analisi
Gangs of UK
Gangs of UK
Non c’è solo il sangue delle strade di Londra: nelle maggiori città del Regno Unito agiscono bande che controllano lo spaccio e la prostituzione. Ma la situazione di Londra resta fra le più allarmanti
"Mamma, da grande farò il martire"
"Mamma, da grande farò il martire"
L'incredibile storia della cellula di Ripoll e dell'Imam bombarolo. Dal 2000 scuole coraniche radicali in tutta Europa, anche in Italia
Quelle 5 brigatiste in carcere da 30 anni per coerenza
Quelle 5 brigatiste in carcere da 30 anni per coerenza
Sono le "irriducibili" rimaste fedeli ai vecchi miti della lotta armata, senza mai cedere. Condannate all'ergastolo, avrebbero potuto ottenere sconti di pena e permessi. Come hanno fatto tanti pluriassassini di Br e Prima Linea
IGNOTO 1 HA UCCISO YARA Il Dna è quello di Massimo Bossetti
IGNOTO 1 HA UCCISO YARA Il Dna è quello di Massimo Bossetti
Analisi a freddo della sentenza della Cassazione che ha confermato l'ergastolo per il muratore di Mapello. I riscontri scientifici non lasciano dubbi, smontata la tesi del complotto. Prove e indizi schiaccianti
Isis in Italia, così importiamo il terrorismo
Isis in Italia, così importiamo il terrorismo
Analisi dopo l'arresto di un aspirante terrorista a Milano. C'è una strana ritrosia e una strana indifferenza, mentre le associazioni estremiste islamiche aprono moschee e scuole anche in Italia. Un allarme sottovalutato
Incubo Spread, il ritorno
Incubo Spread, il ritorno
E' la parole più cercata sul web dagli italiani, quota 300 non sarà a lungo sostenibile. Il sistema Italia è in pericolo, ammonimento Bce: "in Grecia iniziò così". Ma la coalizione giallo-verde tira dritto. I numeri per sono inesorabili
I sicari di MbS hanno ucciso Khashoggi
I sicari di MbS hanno ucciso Khashoggi
La Cia ha individuato nel principe ereditario saudita, Mohammed bin Salman, il mandante di un delitto che sta cambiando gli equilibri e le alleanze dell'intero scacchiere medio-orientale. Usa in difficoltà, Italia ininfluente
Anarchici più pericolosi dei jihadisti
Anarchici più pericolosi dei jihadisti
Torna alla ribalta l'analisi dei nostri 007 sulla galassia antagonista e Fai-Informale. Un'"azione" ogni quattro giorni, 110 attentati solo nel 2017. Tra gli ideologi emerge il ruolo dominante della torinese Anna Beniamino
Attacco hacker, ma non ci fermeranno
Attacco hacker, ma non ci fermeranno
Sventato un tentativo di bloccare ItaliaStarMagazine con un lungo attacco Dos al sito. Se mai gli autori fossero anarchici, intimidazioni inutili. Il giornale continuerà ad occuparsi di terrorismo. Nuovi attentati in Francia
La strage silenziosa dei disabili
La strage silenziosa dei disabili
Le vittime dei modi a volte violenti della polizia americana sono centinaia ogni anno, ma fra questi si nasconde un altro dato inquietante di cui non si parla affatto: molti di questi erano disabili. Lo dimostrano tre storie emblematiche