Chi è l'anarchico ladro? I sospetti di Lello Valitutti

| Ma cosa è successo in un centro sociale di Torino dove erano stati raccolti 8 mila per le cause? Interviene Lello Valitutti

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Fra breve riprenderà il processo nell'aula bunker del Tribunale di Torino agli anarchici della Fai-Informale Anna Beniamino, Alfredo Cospito e Nicola Gai. Al centro la catena di attentati con esplosivo dal 2007 ad oggi, che causarono devastazioni e feriti anche gravi. Una delle figure più autorevoli della galassia anarchica, Lello Valitutti, l'attivista che nonostante età e acciacchi, sulla sua sedia a rotelle, partecipa ai conflitti in prima persona, rischiando denuncia e mettendo in pericolo la sua incolumità personale ha scritto un lungo post nel suo blog, "Nel Buio", che è diventato - dopo lo stop di Croce Nera, a causa degli ultimi arresti dei redattori - il filo conduttore di quest'area antagonista, per denunciare il furto dei fondi benefit. Nomi non ne fa, ma chi è addentro ai segreti degli informali ha capito benissimo a chi si riferisce. Scrive tranchant: "...Che dire? Tutti i compagni carcerati hanno avuto un comportamento esemplare e di questo eravamo certi,fuori si è cercato di fare il possibile e anche di questo eravamo certi. non ci sono stati piagnistei o recriminazioni,ma si è reagito attaccando con una sbalorditiva serie di azioni dirette,delle quali tutti possiamo essere orgogliosi.I responsabili di questa vergognosa caccia all'anarchico,che è continuata tutto l'anno con denunce ed arresti,sono stati chiaramente avvertiti numerose volte che si stavano mettendo nel mirino delle armi libertarie e che inevitabilmente avrebbero pagato il loro comportamento nazista,come la storia ci ha largamente insegnato.L'episodio della sottrazione di fondi dalla cassa, nella sua gravità, è pur sempre un episodio circoscritto ad una persona,che dovrà risponderne principalmente alla propria coscienza. Alla luce delle considerazioni sopra dette mi preparavo a scrivere un articolo sereno,ma poi ho pensato ai compagni e alle compagne che sono in galera da un anno e la serenità è diventata rabbia. Ho pensato che ai nostri fratelli e alle nostre sorelle è stato rubato un anno di vita e che niente e nessuno potrà loro restituirlo. Né loro né noi potremo mai sapere cosa e quanto è stato loro rubato: un anno non è solo 365 giorni,un anno è tante possibilità di fare,di conoscere,di sentire,di vivere esperienze,che potrebbero essere banali,ma potrebbero anche essere straordinarie.Alle nostre sorelle e ai nostri fratelli è stato rubato un tesoro di un valore che nessuno potrà mai calcolare".
Ma chi sarà mai "quella persone", una donna o un uomo? Anche tra tra anarchici informali c'è quella che in caserma viene scherzosamente definita "Radio Scarpa", e il ladro sarebbe una donna, con la complicità di un sodale sempre della stessa area. All'inizia di questa storia un po' sordida, tra compagni duri e puri, si era tentato di dare la colpa alla polizia che si sarebbe impossessata della cassa durante una perquisizione; ma questo maldestro tentativo di depistaggio s'è esaurito in pochi giorni e i veri colpevoli sono stati ben presto individuati. 
La storia squallida del furto segna un momento drammatico per il movimento anarchico, specie l'area torinese. Naufragato nel ridicolo il tentativo di creare un'unica federazione tra le varie anime anarchiche, rispedito al mittente l'imbarazzante "regalo" (un ordigno esplosivo) degli Informali al pm Rinaudo che segue appunto i soli "cittadinisti", la storia del furto della cassa (i denari provenivano in gran parte dagli inssurezionalisti dei centri sociali torinesi e dalla case "okkupate") è la pietra tombale per ulteriori tentativi di riavvicinamento. Nelle carcere monta la rabbia e il senso di frustrazione, da parte degli anarco-terroristi, verso gli amici di ieri ma non dell'altro ieri quando venivano - forse non proprio ingiustamente, visti i fatti di oggi - infami e "anarchici da operetta". La frattura è insanabile. Con una pesante conseguenza. L'ala moderata, nel senso che non teorizza l'uso di esplosivi e l'attacco alle persone, è rientrata nei ranghi e non potrà più condizionare, in senso calmieratore, i seguaci della violenza. Costoro ora sono soli. E liberi di perseguire le "azioni dirette" senza più alcun tipo di freno.

L’Analisi
Gangs of UK
Gangs of UK
Non c’è solo il sangue delle strade di Londra: nelle maggiori città del Regno Unito agiscono bande che controllano lo spaccio e la prostituzione. Ma la situazione di Londra resta fra le più allarmanti
"Mamma, da grande farò il martire"
"Mamma, da grande farò il martire"
L'incredibile storia della cellula di Ripoll e dell'Imam bombarolo. Dal 2000 scuole coraniche radicali in tutta Europa, anche in Italia
Quelle 5 brigatiste in carcere da 30 anni per coerenza
Quelle 5 brigatiste in carcere da 30 anni per coerenza
Sono le "irriducibili" rimaste fedeli ai vecchi miti della lotta armata, senza mai cedere. Condannate all'ergastolo, avrebbero potuto ottenere sconti di pena e permessi. Come hanno fatto tanti pluriassassini di Br e Prima Linea
IGNOTO 1 HA UCCISO YARA Il Dna è quello di Massimo Bossetti
IGNOTO 1 HA UCCISO YARA Il Dna è quello di Massimo Bossetti
Analisi a freddo della sentenza della Cassazione che ha confermato l'ergastolo per il muratore di Mapello. I riscontri scientifici non lasciano dubbi, smontata la tesi del complotto. Prove e indizi schiaccianti
Isis in Italia, così importiamo il terrorismo
Isis in Italia, così importiamo il terrorismo
Analisi dopo l'arresto di un aspirante terrorista a Milano. C'è una strana ritrosia e una strana indifferenza, mentre le associazioni estremiste islamiche aprono moschee e scuole anche in Italia. Un allarme sottovalutato
Incubo Spread, il ritorno
Incubo Spread, il ritorno
E' la parole più cercata sul web dagli italiani, quota 300 non sarà a lungo sostenibile. Il sistema Italia è in pericolo, ammonimento Bce: "in Grecia iniziò così". Ma la coalizione giallo-verde tira dritto. I numeri per sono inesorabili
I sicari di MbS hanno ucciso Khashoggi
I sicari di MbS hanno ucciso Khashoggi
La Cia ha individuato nel principe ereditario saudita, Mohammed bin Salman, il mandante di un delitto che sta cambiando gli equilibri e le alleanze dell'intero scacchiere medio-orientale. Usa in difficoltà, Italia ininfluente
Anarchici più pericolosi dei jihadisti
Anarchici più pericolosi dei jihadisti
Torna alla ribalta l'analisi dei nostri 007 sulla galassia antagonista e Fai-Informale. Un'"azione" ogni quattro giorni, 110 attentati solo nel 2017. Tra gli ideologi emerge il ruolo dominante della torinese Anna Beniamino
Attacco hacker, ma non ci fermeranno
Attacco hacker, ma non ci fermeranno
Sventato un tentativo di bloccare ItaliaStarMagazine con un lungo attacco Dos al sito. Se mai gli autori fossero anarchici, intimidazioni inutili. Il giornale continuerà ad occuparsi di terrorismo. Nuovi attentati in Francia
La strage silenziosa dei disabili
La strage silenziosa dei disabili
Le vittime dei modi a volte violenti della polizia americana sono centinaia ogni anno, ma fra questi si nasconde un altro dato inquietante di cui non si parla affatto: molti di questi erano disabili. Lo dimostrano tre storie emblematiche