Si spengono i riflettori sul delitto Ceste

| Dopo mesi di appassionato interesse mediatico, cala il buio sulla vicenda di Asti

+ Miei preferiti
E' una questione di media. O non solo? All'indomani della sentenza di condanna in secondo grado a 30 anni di carcere per omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere della moglie Elena Ceste, è calato il silenzio sull'uomo in cella nel carcere di Verbania. E' vero, i suoi avvocati di fiducia Enrico Scolari e Giuseppe Marazzita sono già al lavoro per l'ultimo ricorso in Cassazione, previsto però per la primavera 2018. Già. I giudici di appello hanno 90 giorni per motivare la sentenza, poi arriverà l'estate e nel frattempo gli avvocati dovranno contrastarne le ragioni. 

La casa di Costigliole d'Asti dove scomparve Elena Ceste la mattina del 24 gennaio 2013 è avvolta da mesi in un tetro abbandono. E adesso molti appassionati di questa vicenda che ha tenuto occupati per mesi, per anni, le troupe tv di Mediaset e Rai, oltre riviste e giornali. Parentesi: i media cartacei hanno svolto un lavoro più classico, concentrato sulle notizie legate all'evolversi della situazione, mentre le tv hanno puntato sull'aspetto psicologico e sociologico di una trama che ha appassionato in modo forse unico gli spettatori dei pomeriggi televisivi. Ecco il punto. Ma perché una storia così semplice, alla fine - un uomo tradito, possessivo e geloso che avrebbe ucciso la moglie infedele, un caso come purtroppo decine di altri analoghi o simili - ha trasformato la tragica morte di Elena Ceste in uno dei più intriganti e seguiti misteri degli ultimi dieci anni? Forse per le ragioni più comprensibili a tutti, cioè che questa donna assolutamente normale, dall'aspetto certamente anonimo, con una bella famiglia alle spalle, ha creato un specie di transfert nel pubblico. I margini di incertezza su chi è l'assassino (senza il terzo grado, Buoninconti non può essere definito colpevole) hanno giocato il loro ruolo ma di sicuro la comparsa dei social, delle chat, dei sospetti di lui e dei tormenti di lei, alle prese con una banale crisi coniugale, hanno creato un'atmosfera carica di tensione e di curiosità che definire morbosa è poco. Oggi tutto è finito nel nulla. Buoninconti è rimasto ovviamente deluso della conclusione dell'appello e confida nella Suprema Corte. L'interesse di sapere come andrà a finire è calato nel volgere di un paio di giorni. Sino al prossimo thriller dove ognuno di noi, in qualche, possa identificarsi anche in uno dei soli aspetti della vicenda. Tanto per esempio: l'uso e il pericolo delle chat su cui, ormai, scriviamo ogni passaggio della nostra vita. Sul filo del rasoio.    

L’Analisi
Quelle 5 brigatiste in carcere da 30 anni per coerenza
Quelle 5 brigatiste in carcere da 30 anni per coerenza
Sono le "irriducibili" rimaste fedeli ai vecchi miti della lotta armata, senza mai cedere. Condannate all'ergastolo, avrebbero potuto ottenere sconti di pena e permessi. Come hanno fatto tanti pluriassassini di Br e Prima Linea
IGNOTO 1 HA UCCISO YARA Il Dna è quello di Massimo Bossetti
IGNOTO 1 HA UCCISO YARA Il Dna è quello di Massimo Bossetti
Analisi a freddo della sentenza della Cassazione che ha confermato l'ergastolo per il muratore di Mapello. I riscontri scientifici non lasciano dubbi, smontata la tesi del complotto. Prove e indizi schiaccianti
Isis in Italia, così importiamo il terrorismo
Isis in Italia, così importiamo il terrorismo
Analisi dopo l'arresto di un aspirante terrorista a Milano. C'è una strana ritrosia e una strana indifferenza, mentre le associazioni estremiste islamiche aprono moschee e scuole anche in Italia. Un allarme sottovalutato
Incubo Spread, il ritorno
Incubo Spread, il ritorno
E' la parole più cercata sul web dagli italiani, quota 300 non sarà a lungo sostenibile. Il sistema Italia è in pericolo, ammonimento Bce: "in Grecia iniziò così". Ma la coalizione giallo-verde tira dritto. I numeri per sono inesorabili
I sicari di MbS hanno ucciso Khashoggi
I sicari di MbS hanno ucciso Khashoggi
La Cia ha individuato nel principe ereditario saudita, Mohammed bin Salman, il mandante di un delitto che sta cambiando gli equilibri e le alleanze dell'intero scacchiere medio-orientale. Usa in difficoltà, Italia ininfluente
Anarchici più pericolosi dei jihadisti
Anarchici più pericolosi dei jihadisti
Torna alla ribalta l'analisi dei nostri 007 sulla galassia antagonista e Fai-Informale. Un'"azione" ogni quattro giorni, 110 attentati solo nel 2017. Tra gli ideologi emerge il ruolo dominante della torinese Anna Beniamino
Attacco hacker, ma non ci fermeranno
Attacco hacker, ma non ci fermeranno
Sventato un tentativo di bloccare ItaliaStarMagazine con un lungo attacco Dos al sito. Se mai gli autori fossero anarchici, intimidazioni inutili. Il giornale continuerà ad occuparsi di terrorismo. Nuovi attentati in Francia
La strage silenziosa dei disabili
La strage silenziosa dei disabili
Le vittime dei modi a volte violenti della polizia americana sono centinaia ogni anno, ma fra questi si nasconde un altro dato inquietante di cui non si parla affatto: molti di questi erano disabili. Lo dimostrano tre storie emblematiche
Gli avvocati che stanno inguaiando gli Stati Uniti
Gli avvocati che stanno inguaiando gli Stati Uniti
Gordon K. Sattro e Michael Cohen, il primo legale di Jimmy Bennett, l’altro di Donald Trump. Due professionisti che stanno mettendo a dura prova la credibilità di istituzioni e movimenti
QAnon, la cospirazione invade il web
QAnon, la cospirazione invade il web
Dall'ottobre 2017 un misterioso profilo twitter semina odio e paure ancestrali nei social mondiali. Sostiene Trump contro oscure trame, tra circoli pedofili e trust di banchieri e politici perversi. Seguaci Vip. Il video