Frana bitcoin, scatta l'ora della ritirata

| Crollo del 40 per cento. Una guida per capire cos'è la moneta digitale e il blockchain. A Torino nei giorni scorsi il primo evento organizzato da Nesta Italia per affrontare un fenomeno che scuote le economie mondiali

+ Miei preferiti

l Bitcoin affondano: la criptovaluta perde il 40% e brucia in 24 ore un quarto della sua capitalizzazione di mercato, mandando in fumo 121 miliardi di dollari, ovvero il doppio del valore di Tesla.

Un tonfo che arriva al termine di una settimana contrassegnata da problemi di cybersicurezza su due piattaforme di scambio e dall'allerta delle autorità, che hanno ripetutamente messo in guardia sui rischi delle valute digitali. Il Bitcoin precipita sotto gli 11.000 dollari, a 10.400, dopo aver sfiorato un massimo di 20.000, e si avvia a chiudere una settimana nera con perdite complessive del 39%. Nelle tre precedenti settimane aveva guadagnato il 13%, il 44% e il 32%.

A essere sotto pressione è però tutto il mercato delle criptovalute: Ethereum, la seconda valuta digitale per valore di mercato, perde il 35% a 648,44 dollari, il Bitcoin cash il 42,6% e il Litecoin il 43%. Crolli che spingono Coinbase, uno dei maggiori mercati di scambio, a sospendere temporaneamente gli ordini di acquisti e vendite in seguito all'eccessiva volatilita'. Il tonfo segue giornate difficili per il Bitcoin, la cui volata rievoca sempre più la bolla dotcom.

E proprio in quest'ottica le autorità di tutto il mondo hanno iniziato a mostrare segnali di preoccupazione: pur senza lanciare allarmi veri e propri, si sono succeduti appelli e messe in guardia sui rischi della criptovaluta. Il governatore della Banca d'Inghilterra e numero uno del Financial Stability Board, Mark Carney, ha messo in evidenza la necessità per le autorità di regolamentazione di esaminare le criptovalute e rafforzare le regole sulle initial coin offering, la raccolta fondi digitale. La mancanza di controlli è affidata ai singoli mercati, non a caso Coinbase ha avviato un'indagine interna per insider trading sul Bitcoin Cash. A preoccupare è anche la cybersicurezza delle criptovalute, soprattutto dopo la bancarotta di Youtib, la piattaforma sudcoreana vittima di un attacco hacker. A fronte di queste incertezze e debolezze, la corsa alle criptovalute agita i sonni delle autorità di regolamentazione, al momento 'impotenti'.

Finora sono soprattutto i singoli investitori a scommettere sul Bitcoin e simili, ma il fenomeno inizia a contagiare anche Wall Street, che non vuole essere la grande esclusa. Diverse piccole aziende quotate hanno negli ultimi giorni cambiato nome per approfittare della corsa del Bitcoin: Long Island Iced Tea è diventata Long Blockchain, un cambio che è valso un aumento del 500% in Borsa. La Sec e' stata costretta a sospendere gli scambi di The Crypto Company dopo un balzo di quasi il 3.000% per presunte irregolarità. E ora si affacciano le grandi banche. Secondo indiscrezioni, Goldman Sachs potrebbe lanciare entro giugno un desk per le criptovalute per rispondere al crescente interesse dei suoi clienti. Valuta il mercato anche JPMorgan: nonostante la contrarietà di Jamie Dimon, che ha definito il Bitcoin una "frode", due strateghi della banca hanno avviato un esame sulla volatilità della criptovaluta, in quella che potrebbe essere un'apertura al mercato.

 

Il primo evento in Italia sulla blockchain e le sue applicazioni in ambito non finanziario, organizzato da Nesta Italia, Città di Torino e Università di Torino a cui partecipano istituzioni ed esperti internazionali. E nn premio di 5 milioni di euro, promosso dalla Commissione Europea per sviluppare soluzioni innovative, efficienti e ad alto impatto sociale utilizzando la tecnologia della blockchain. Si è aperto con questa call l'evento "Blockchian for Social Good", il primo in Italia per importanza e caratura dei relatori, che ha riunito politici, ricercatori, startup, rappresentanti del mondo accademico e delle fondazioni intorno al tema della blockchain e delle sue potenziali applicazioni in campo sociale, organizzato da Nesta Italia, Città di Torino, e Università di Torino, in collaborazione con Commissione Europea, Città di Milano, UK Government Science and Innovation Network in Italy, Open Incet, Consorzio TOP-IX e Boosting Social Innovation.

Il concorso è aperto a tutti, privati, enti giuridici, organizzazioni internazionali e il premio verrà assegnato (alla chiusura del concorso, indicativamente a fine 2019) al concorrente che, secondo il giudizio della giuria, dimostrerà di aver trovato una soluzione innovativa alle sfide della sostenibilità globale e locale, che produca un cambiamento sociale positivo attraverso l'applicazione della blockchain e che soddisfi al meglio alcuni criteri cumulativi, tra cui: alto impatto sociale (ovvero quali comunità e quanti utenti verranno effettivamente coinvolti), trasparenza del processo, fattibilità e fruibilità, convenienza (non solo come costi, ma anche come consumo di risorse energetiche), affidabilità, sicurezza e sostenibilità ambientale.

Dopo il lancio del premio sono stati presentati alcuni esempi di successo di applicazioni della blockchain nelle città e si sono alternati diversi dibattiti e approfondimenti sulla blockchain ai quali hanno preso parte: Guido Boella (Università di Torino), Andrea Bracciali (Docente, Università di Stirling), Marcella Atzori (Consulente per la Blockchain e Coordinatore internazionale, TrustedChain), Vinay Gupta (Blockchain Fellow, Digital Catapult), Alessandro Lombardi (Digital Transformation Advisor di Microsoft), Leonardo Camiciotti, Direttore esecutivo del Consorzio TOP-IX., Francesca Bria (Chief Technology and Digital Innovation Officer, Comune di Barcellona), Paola Pisano (Assessore all'Innovazione e Smart City, Città di Torino), Cristina Tajani (Assessore alle Politiche del lavoro, Attività produttive, Commercio e Risorse umane, Comune di Milano), Fabrizio Sestini (Senior Expert for Social Digital Innovation, DG) e Marco Zappalorto, Direttore di Nesta Italia. 

Proprio Nesta Italia, nata da una collaborazione fra Nesta, fondazione filantropica di portata globale con sede a Londra, e la Compagnia di San Paolo, una delle maggiori fondazioni private in Europa, ha prodotto un vademecum divulgativo che spiega cos'è la Blockchain e quali sono le sue applicazioni in ambito non finanziario. 

La blockchain ("catena a blocchi") ha caratteristiche innovative che rappresentano una sorta di vera e propria rivoluzione - paragonabile a quella dei social network sulle relazioni interpersonali - e sta gettando le basi per la crescita economica del prossimo secolo, non solo nel settore economico e finanziario (dov'è ampiamente impiegata per tenere traccia delle transazioni), ma nella società nel suo complesso. Fondamentalmente, la blockchain è una tecnologia (più correttamente un nuovo paradigma per la gestione delle informazioni) che permette la creazione e gestione di un grande database (come quelli utilizzati da Facebook, Twitter, Uber o come i registri condivisi utilizzati dai servizi sanitari, le forze di polizia, le banche) per la gestione di transazioni condivise da tutte le parti che operano all'interno di una "rete distribuita" di computer, eliminando definitivamente la necessità di un controllo da terze parti "fidate". Oltre ai settori finanziario, economico e bancario, la blockchain può trovare applicazioni anche in altri ambiti, tra cui: l'assicurativo, dei pagamenti digitali, l'agroalimentare, nell'Industria 


4.0, nella pubblica amministrazione, nella sanità, nel retail, nell'ambito degli aiuti umanitari, nella registrazione di atti notarili e molti altri. Fino a oggi sono stati investiti nella blockchain (attraverso il finanziamento di oltre 120 startup collegate allo sviluppo e applicazione di questa tecnologia) circa 1 miliardo di dollari, il 70% dei quali fuori dall'Europa, continente in cui l'Inghilterra è il Paese capofila. 

"Siamo orgogliosi di essere tra i promotori dell'evento Blockchain for Social Good, primo in Italia di questa portata e di grande importanza e attrazione per esperti e istituzioni internazionali - afferma Marco Zappalorto, Direttore di Nesta Italia -. Come Nesta stiamo seguendo ormai da qualche anno gli sviluppi e il potenziale di questa tecnologia e nei primi mesi della nostra attività in Italia ci impegneremo a valutare le applicazioni della blockchain che possano avere un impatto sociale positivo." 

"Una pubblica amministrazione efficiente, trasparente, digitale e innovativa è un volano per città e nazioni - dichiara Paola Pisano, Assessore all'Innovazione e Smart City del Comune di Torino. Per questo motivo la Città di Torino lavora ogni giorno per migliorare i processi amministrativi, aumentare la trasparenza e l'efficienza grazie all'applicazione di nuove tecnologie come la Blockchain. Oggi con questo evento inauguriamo anche un formato che vogliamo utilizzare ogni qual volta partiranno progetti di innovazione nella nostra città: esperti nazionali e internazionali provenienti da Università, istituzioni e mondo delle aziende illustreranno la tecnologia mentre start up, aziende e comuni descriveranno i primi esperimenti applicativi. Mi fa davvero piacere l'entusiasmo e la competenza che sul tema abbiamo riscontrato sul nostro territorio: la voglia di sperimentare insieme nuovi modelli di applicazione e nuove tecnologie candida la nostra città a laboratorio di sperimentazione e a riferimento per molte città europee". 

"La giornata di oggi su Blockchain for Social Good nasce anche dalla collaborazione fra Università e territorio all'interno del progetto Europeo Co-city vinto sul bando Urban Innovative Action" -afferma, Gianmaria Ajani, Rettore dell'Università degli Studi di Torino. "Lo scopo del progetto è la sperimentazione di un nuovo modello di welfare sociale per contrastare gli effetti della crisi finanziaria. Il modello è basato sulla promozione di commons urbani, spazi condivisi dove i cittadini andranno a collaborare con la Città per servizi sociali. Oltre al social network locale FirstLife, fra i vari strumenti per supportare la sostenibilità di questo modello basato su commons, l'Università sperimenterà una app che fa da portafoglio virtuale, cioè un wallet blockchain per trasferire come incentivo ai commoners gettoni virtuali (tokens) che possono rappresentare buoni sconto, tessere punti, crowdfunding e altri strumenti finanziari locali, fino anche ad una moneta locale, che i cittadini potranno usare presso reti di esercenti o presso servizi pubblici".

 

 

L’Analisi
Quelle 5 brigatiste in carcere da 30 anni per coerenza
Quelle 5 brigatiste in carcere da 30 anni per coerenza
Sono le "irriducibili" rimaste fedeli ai vecchi miti della lotta armata, senza mai cedere. Condannate all'ergastolo, avrebbero potuto ottenere sconti di pena e permessi. Come hanno fatto tanti pluriassassini di Br e Prima Linea
IGNOTO 1 HA UCCISO YARA Il Dna è quello di Massimo Bossetti
IGNOTO 1 HA UCCISO YARA Il Dna è quello di Massimo Bossetti
Analisi a freddo della sentenza della Cassazione che ha confermato l'ergastolo per il muratore di Mapello. I riscontri scientifici non lasciano dubbi, smontata la tesi del complotto. Prove e indizi schiaccianti
Isis in Italia, così importiamo il terrorismo
Isis in Italia, così importiamo il terrorismo
Analisi dopo l'arresto di un aspirante terrorista a Milano. C'è una strana ritrosia e una strana indifferenza, mentre le associazioni estremiste islamiche aprono moschee e scuole anche in Italia. Un allarme sottovalutato
Incubo Spread, il ritorno
Incubo Spread, il ritorno
E' la parole più cercata sul web dagli italiani, quota 300 non sarà a lungo sostenibile. Il sistema Italia è in pericolo, ammonimento Bce: "in Grecia iniziò così". Ma la coalizione giallo-verde tira dritto. I numeri per sono inesorabili
I sicari di MbS hanno ucciso Khashoggi
I sicari di MbS hanno ucciso Khashoggi
La Cia ha individuato nel principe ereditario saudita, Mohammed bin Salman, il mandante di un delitto che sta cambiando gli equilibri e le alleanze dell'intero scacchiere medio-orientale. Usa in difficoltà, Italia ininfluente
Anarchici più pericolosi dei jihadisti
Anarchici più pericolosi dei jihadisti
Torna alla ribalta l'analisi dei nostri 007 sulla galassia antagonista e Fai-Informale. Un'"azione" ogni quattro giorni, 110 attentati solo nel 2017. Tra gli ideologi emerge il ruolo dominante della torinese Anna Beniamino
Attacco hacker, ma non ci fermeranno
Attacco hacker, ma non ci fermeranno
Sventato un tentativo di bloccare ItaliaStarMagazine con un lungo attacco Dos al sito. Se mai gli autori fossero anarchici, intimidazioni inutili. Il giornale continuerà ad occuparsi di terrorismo. Nuovi attentati in Francia
La strage silenziosa dei disabili
La strage silenziosa dei disabili
Le vittime dei modi a volte violenti della polizia americana sono centinaia ogni anno, ma fra questi si nasconde un altro dato inquietante di cui non si parla affatto: molti di questi erano disabili. Lo dimostrano tre storie emblematiche
Gli avvocati che stanno inguaiando gli Stati Uniti
Gli avvocati che stanno inguaiando gli Stati Uniti
Gordon K. Sattro e Michael Cohen, il primo legale di Jimmy Bennett, l’altro di Donald Trump. Due professionisti che stanno mettendo a dura prova la credibilità di istituzioni e movimenti
QAnon, la cospirazione invade il web
QAnon, la cospirazione invade il web
Dall'ottobre 2017 un misterioso profilo twitter semina odio e paure ancestrali nei social mondiali. Sostiene Trump contro oscure trame, tra circoli pedofili e trust di banchieri e politici perversi. Seguaci Vip. Il video