Carceri: "Solo crisi? No, il quadro è devastante"

| Intervista a Gerardo Romano, vice segretario generale del sindacato Osapp della polizia penitenziaria

+ Miei preferiti
Gerardo Romano, sostituto commissario della polizia penintenziaria, 37 anni di servizio, sposato con un figlio già laureato, è il vice-segretario generale nazionale del sindacato Osapp. A lui abbiamo chiesto qual'è la reale situazione delle carceri piemontesi, divise in case circondariali e case di reclusione. La scheda: 15 istituti di pena, più il carcere minorile Ferrante Aporti di Torino. Attualmente i detenuti sono 5924 contro i 5345 della capienza consentita. Gli operatori polpen sono 4079 ma dovrebbero essere 4879. C'è un vuoto in organico di circa 800 unità.

 Segretario, com'è la situazione?

"Grave, devastante direi, siamo all'ammuina di stampo borbonico, tutti a poppa o tutti a prua ma siamo sempre gli stessi, cioè pochi".

Perchè, spieghi

"Di fronte a un grande numero di detenuti, il numero di agenti è totalmente insufficente, Ciò determina uno stress psicofisico spaventoso per gli operatori, costretti a turni massacranti, a rinunciare ai riposi, a rinunciare alla propria vita. E' necessario un aumento di organico a livello nazionale, migliori condizioni salariali. Non sono i soliti luoghi comuni di qualsiasi sindacato, ma la fotografia della realtà. Tanto che molti colleghi sono seguiti dalla commissiome medica ospedaliera di Milano".

I problemi più gravi? 

"La questione della sicurezza. Le recenti evasioni sono dovute anche a questo problema, ormai annoso. E poi si riverbera sulle stesse condizioni di vita dei reclusi. Da Roma vogliono aprire un padiglione in un carcere piemontese ad alta sicurezza  ma non c'è il personale. Questo vuol dire che il livello di sorveglianza sarà bassissimo, con situazioni critiche ogni minuto. E' una politica sbagliata che penalizza tutti".

Livelli salariali. Dicono che il numero enorme di ore di straordinario migliorano la busta paga. Vero o falso? 

 "Falso, Un agente percepisce 1140 al mese. Con 40 ore di straordinario di media mensili, le indennità notturne e i festivi, può arrivare a 1750 euro. Con una qualità di vita azzerata. Vuole dire lavorare quattro domeniche, sforare sistematicamente i turni di 8 ore estesi sino a 14, che dovrebbero essere 6 ma sono aumentati per necessità virtù, di giorno e di notte. Un inferno. Qui è in gioco la libertà delle persone. Ma non a tutti è chiaro. Questo spiega il livello di stress, di fatica, di stanchezza degli operatori, costretti a orari e turni impossibili da gestire senza mettere a pregiudizio anche il proprio equilibrio, le proprie capacità relazionali, con la famiglia e con l'ambiente".
Strutture. In che condizioni sono?


"Pessime. Fatiscenti. Scarsa manutenzione, dotazioni inadeguate. Manca tutto, non saprei nemmeno dove cominciare. E' una situazione gravissima che unisce agenti e detenuti nello stesso amaro destino. La situazione peggiore a Ivrea ma anche Torino, Asti, Alessandria San Michele e Saluzzo non sono messi bene. Ci sarebbero investimenti per milioni di euro. Che nessuno ha più a disposizione, c'è spazio solo per una risicata ordinaria amministrazione".
E gli agenti? Mense, mezzi, divise? 
"E che devo dire. Niente di nuovo. Solo auto e cellulari sono oggetto di un programma di rinnovamento anche se i mezzi sono in larga maggioranza vecchi, ansimanti con chilometraggi da paura. Male invece per le caserme, male per le mense dove il cibo, se vogliamo dare un voto da 1 a 10, non supera il 4 o il 5 quando va bene. Le divise sono vecchie, lacere, rattoppate, idem le calzature. Gli operatori se le comprano per conto loro. C'è poco altro da aggiungere. Se non una riflessione. Lo Stato faccia lo Stato in modo serio, noi continuamo ogni giorno a fare la nostra parte, in silenzio, sempre con un profondo senso del dovere ma rischiamo di cedere per esaurimento. Dato il blocco del turn over, sono bloccati i trasferimenti, la mobilità del personale tra Nord e Sud che causa un ulteriore fonte di disagio per gli agenti".

Il Caso
Menti Insolite, radiografia di cinque femminicidi
Menti Insolite, radiografia di cinque femminicidi
Dopo il successo di “Il se e il ma delle investigazioni”, Fabio Federici e Alessandro Meluzzi tornano con un nuovo lavoro di analisi in cui hanno coinvolto anche il giornalista de “La Stampa” Massimo Numa
La misteriosa morte del medico dei vaccini
La misteriosa morte del medico dei vaccini
Freddato in un campeggio davanti alla famiglia, il suo caso potrebbe collegarsi a quelli di altri sette casi simili, avvenuti nell’arco di appena due anni
Tragedia di Arolla
il pane spezzato e il the ancora caldo
Tragedia di Arolla<br>il pane spezzato e il the ancora caldo
Der Spiegel ricostruisce, attraverso i racconti dei superstiti, la traversata Chamonix-Zermatt in cui sono morti sette alpinisti italiani. Nessun giudizio, solo rispetto per chi non c'è più. L'enigma eterno della sfida alla montagna
"Grande? Una specialità del Taco Bell"
"Grande? Una specialità del Taco Bell"
Il vescovo Ellis che ha officiato i funerali di Aretha Franklin tra battute e toccamenti. "Mi scuso di averle sfiorato il seno e per la battuta sul menu". Lei: sono di origine italiana. Malumore per la scelta della cantante?
Rose ad Asia: "Sii onesta, non fare come Weinstein"
Rose ad Asia: "Sii onesta, non fare come Weinstein"
Fine del sodalizio tra le due attrici, complice la compagna di Rose McGowan, Rain Dove, che ha inoltrato i suoi messaggi alla polizia. La vittima, Bennet, ha venduto la foto con Asia per 28 mila dollari. Cacciata da Sky, addio X-Factor
Arriva il Fentanyl, allarme in Europa
Arriva il Fentanyl, allarme in Europa
È un allarme lanciato dall’Europol e dall’osservatorio europeo sulle droghe e le tossicodipendenze: l’oppiaceo sintetico nato per scopo medico, è l’eroina del futuro. Ma molto più letale
Lo Sparrow Mart, il regno del feltro
Lo Sparrow Mart, il regno del feltro
È un’installazione artistica che dopo aver affascinato Londra e New York è sbarcata nel centro di Los Angeles: un vero supermercato, con tanto di scaffali e corsie, dove tutto è finto, in feltro
In India, la prima squadra SWAT femminile
In India, la prima squadra SWAT femminile
Addestrata alle arti marziali e armata di fucili d’assalto, avrà il compito di fornire supporto nel corso di atti terroristici e liberazione di ostaggi
Cheerleaders revolution: arrivano i maschietti
Cheerleaders revolution: arrivano i maschietti
Stanno debuttando in prova nelle partite di precampionato, per essere pronti alle coreografie a partire dal prossimo settembre
Prova una bara e muore
Prova una bara e muore
Tre amiche sudcoreane hanno voluto sfidare il destino passando la notte in altrettante bare. È finita in tragedia