"Giovani in Italia, futuro incerto ma la speranza resta"

| Il libro dell'ex sottosegretario Mino Giachino "Nel tuo voto l'Italia di domani". Lunedì al Diplomatic la presentazione con il prof. Forte e il direttore di Cronaca Qui Beppe Fossati

+ Miei preferiti
Di Germana Zuffanti

I giovani e l’Italia di domani. Quale futuro? Bella domanda, in tempi come questi e prima delle elezioni politiche e di un'aspra campagna elettorale. Prova a rispondere a questo e altri quesiti, non meno importanti, Mino Giachino con il suo libro per i Millenials “Nel tuo voto, l’Italia di domani” (presentazione lunedì 12 febbraio 2018, ore 17, nell l’Hotel Diplomatic di Via Cernaia 42 a Torino con il prof. Francesco Forte e e il direttore di Cronaca Qui Beppe Fossati), l'ex sottosegretario del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dal 12 maggio 2008 al 16 novembre 2011, che ha messo al centro della sua zione politica economia, logistica e dinamiche economico-sociali, sempre all'interno del centro-destra.

L’Italia di oggi. Può ancora crescere?

Per ritornare a crescere l’Italia deve fare cose molto più consistenti di quelle fatte negli ultimi 5 anni. Deve investire di più nelle infrastrutture , dai porti agli aeroporti alle reti ferroviarie che ci collegano al più grande mercato di consumi del mondo, l’Europa. Deve continuare gli investimenti nella Manifattura 4.0, deve cioè rafforzare il proprio sistema economico-produttivo anche attraverso la FLAT TAX. Poi bisogna aumentare gli interventi per quelli che non c’è la fanno ad arrivare a fine mese, sapendo che questo farà aumentare la domanda di consumi .

Lei pensava a una Torino Internazionale, ad una metropoli centro dei trasporti e snodo logistico. A che punto siamo? 

Il ritmo di crescita della città si è affievolito e da anni cresciamo meno della media nazionale: si sono viste aziende morire sul territorio, poi le iniziative che hanno incontrato un momento di stallo  quali la costruzione della TAV o della Linea 2 della Metro. E’ aumentato il disagio della periferia e la città si è frantumata a livello sociale. Quello che urge è recuperare il patrimonio umano legato alle scuole ed all’università nonché alle aziende che danno lavoro ai giovani.

Il suo impegno è stato caratterizzato da continui e accorati appelli a Governo e Regione, purche facessero qualcosa di utile, spesso inascoltati. Va un po' meglio? Che dire ai giovani?

Dico che si debbono sentire come degli azionisti di un’azienda nella quale credono e pertanto usino il voto per rilanciare economia e lavoro sotto qualsiasi colore si schierino. L’interesse al miglioramento deve essere univoco e migliorare un’Italia oggettivamente “cambiata”. Noi siamo ciò che leggiamo e pertanto leggere quello che ho scritto fornisce ai giovani la realtà vera della politica e del Governo. Vedranno i risultati raggiunti e le tantissime cose da fare. Ma potranno anche vedere che la politica “buona” c’è e capiranno che mentre le aziende operano in tutto il mondo la politica ha come interesse , l’interesse delPaese.

 

 

 

L'intervista
Salvare bimba dai pedofili e scriverci un libro
Salvare bimba dai pedofili e scriverci un libro
La storia di Raphaella Angeri, nel suo libro "Una bimba da salvare" (Edizioni Il Rio) racconta le vicissitudini - a lieto fine - di una bambina nelle mani di una famiglia di degenerati sessuali
Caracas, Rico e l'inferno sulla terra
Caracas, Rico e l
Nel libro "I Dannati" (ed. Infinito) di Christiana Ruggeri un drammatico racconto sulla città con il più alto numero di omicidi del mondo. L'io-narrante di un pusher guida nelle viscere di un Paese allo stremo
Dopo il Grande Fratello ecco la Grande Madre
Dopo il Grande Fratello ecco la Grande Madre
L'opera di Orwell, con l'incubo di un controllo totalizzante sugli uomini trova un eco nel Fans "Nectunia" (ed. Dark Zone) di Daniela Ruggiero. Una donna e dieci uomini governano un mondo libero dalla morte e dal dolore. Ma a che prezzo?
Grigie periferie dove muore anche la speranza
Grigie periferie dove muore anche la speranza
Nel romanzo Fra-Fuori dal grigio, di Salvatore Amato (edizioni Chiado) l'amicizia fra quattro ragazzi sullo sfondo di periferie degradate e tristi. Ognuno raccolta la sua storia, e non sono per nulla rassicuranti
Strage di librerie ma le superstiti sono isole felici
Strage di librerie ma le superstiti sono isole felici
A Torino sono sparite nel silenzio le librerie più conosciute e apprezzate ma c'è una ricetta che a quanto pare funziona: curare la clientela, cercare non solo le novità ma edizioni rare e "personali"
Torino Crime Festival, indagini e thriller-story
Torino Crime Festival, indagini e thriller-story
Terza edizione al via il 12 aprile. Sede il Circolo dei Lettori. Il direttore Biagio Fabrizio Carrillo ne spiega storia, filosofia, calendario e intenti. Importante parterre di ospiti
"I terroristi pazzi? No, ma attenti alle loro biografie"
"I terroristi pazzi? No, ma attenti alle loro biografie"
ISLAM3/ Lo psichiatra Carmine Munizza traccia un'analisi dei terroristi: "Persone normali con alle spalle biografie diverse, l'Occidentale reagisce in modo emotivo, vittima a sua volta di psicosi indotte"
Il tredici della Giulio Perrone, libri per tutti ma scelte rigorose
Il tredici della Giulio Perrone, libri per tutti ma scelte rigorose
EDITORIA/3 Parla l'editore torinese, la festa in 13 librerie Feltrinelli in tutta Italia per celebrare i 13 anni di attività. Giulio Perrone: "Per vivere, un'idea in più rispetto ai grandi"
Una festa aperta a tutti in nome di Israele
Una festa aperta a tutti in nome di Israele
Si celebra a Milano, a cura dell'Adi, il 70° anniversario della fondazione di Israele. Intervista al presidente Eyal Mizrahi. La festa il 29 aprile nella sede della Società Umanitaria. Il tema dell'antisemitismo
"Non c'è lavoro, troppi nigeriani qui in Italia"
"Non c
Parla una ragazza di Benin City, sposata e con una figlia nata in Italia. "Fuggita anni fa per cambiare vita, mi hanno sempre trattato bene, bloccare le partenze direttamente in Africa"